Mercato obbligazionario: tra inflazione e rischio recessione

Il mercato obbligazionario rimane in balia di due scenari estremi. Uno è quello caratterizzato da una nuova svendita per via dell’inflazione. L’altro è il rally sostenuto dal crescente rischio di recessione. I partecipanti al mercato si stanno scontrando su quale delle due mosse si verificherà.

La Federal Reserve sta cercando di aumentare i tassi d’interesse al ritmo più veloce degli ultimi decenni senza far crollare l’economia reale, un’impresa conosciuta come “soft landing“.

Hedge fund come Bridgewater Associates ritengono che il rendimento a 10 anni salirà al 4% poiché l’inflazione potrebbe rivelarsi ostinata. Invece, l’amministratore delegato di JPMorgan Chase & Co. Jamie Dimon ha recentemente parlato di un “uragano economico” in arrivo. Secondo la visione di Standard Chartered Plc, i rendimenti del decennale potrebbero scendere intorno al 2,25%.

Il sell-off del mercato obbligazionario

Gli investitori del Tesoro sono già alle prese con perdite a due cifre che hanno pochi precedenti nell’era moderna.

mercato obbligazionario
L’indice dei Treasury statunitensi di Bloomberg ha registrato la sua maggiore perdita dal 1973

Corporate America e i suoi investitori sono impantanati nell’incertezza economica poiché l’inflazione rimane vicino ai massimi degli ultimi quattro decenni mentre emergono segnali di debolezza dei consumatori.

Usando termini statistici, le code stanno ingrassando. Questo significa che la probabilità di eventi estremi in entrambe le direzioni è in aumento. Secondo i dati della Commodity Futures Trading Commission, le posizioni net long sui futures a 10 anni dei gestori patrimoniali hanno raggiunto i massimi degli ultimi due anni mentre i fondi con leva sono short.

A maggio, i timori legati alla crescita hanno sostenuto le obbligazioni, che sono riuscite a registrare il primo mese in positivo da novembre dello scorso anno. I rendimenti del decennale sono scesi a un minimo del 2,7% da un massimo del 3,2%. Adesso il benchmark viene scambiato in un intervallo più ristretto intorno al 3%.

mercato obbligazionario

La politica della Fed e l’inasprimento delle condizioni finanziarie

Si prevede che i funzionari monetari forniranno due aumenti di mezzo punto alle riunioni di giugno e luglio, con i trader che scontano una probabilità più alta dell’80% di un terzo aumento di quell’entità a settembre. Tutto questo sta iniziando a farsi strada nell’economia intaccando la spesa dei consumatori e raffreddando il boom immobiliare iniziato con la pandemia. Molti credono che la Fed inasprirà troppo, uccidendo l’espansione economica.

L’inasprimento delle condizioni finanziarie in risposta all’atteggiamento della Fed potrebbe creare problemi alla crescita e portare guadagni al mercato obbligazionario.

condizioni finanziarie

In passato, il rallentamento dell’economia ha costretto la Fed ad un’inversione di marcia. Nel 2019 la Fed ha allentato la politica monetaria dopo i danni inflitti ai mercati finanziari dall’aumento dei tassi d’interesse. Nel 2011, il rendimento a 10 anni ha chiuso l’anno al di sotto del 2%, spinto dal rallentamento della crescita. A febbraio aveva raggiunto un picco di circa il 3,75%.

In molti affermano che questa volta sarà diverso perché la Fed si trova a combattere l’inflazione più alta degli ultimi 40 anni. In questo contesto, la crescita potrebbe passare in secondo piano.

Cosa considerare per valutare la direzione del mercato obbligazionario?

I numeri dell’inflazione dovranno essere monitorati costantemente. Se i dati continuano a battere le aspettative e l’inflazione dovesse scendere più lentamente di quanto previsto, le obbligazioni potrebbero continuare a scendere.

Viceversa, se l’inflazione dovesse scendere rapidamente, è possibile che i dati sulla crescita avranno più rilevanza. In quel caso, qualsiasi segnale di debolezza economica potrebbe favorire il mercato obbligazionario.

ARTICOLI CORRELATI:

Perché comprare obbligazioni?

Mercato del credito: cosa ci dice riguardo alle probabilità di recessione?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.