Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Le azioni registrano uno dei migliori rally di novembre del secolo

Le azioni statunitensi hanno registrato uno dei più grandi rally di novembre mai registrati, aggiungendo 3 trilioni di dollari al valore di mercato. Il benchmark S&P 500 è salito dell’8,9% questo mese. In rialzo del 19% quest’anno, si trova ora solo al 5% di distanza dal suo massimo storico. L’indice ha ottenuto un guadagno di novembre superiore all’8% meno di 10 volte dal 1928. Si è trattato anche del mese migliore da luglio 2022.

S&P 500 rally novembre

Allo stesso tempo, l’indice Nasdaq 100 ha guadagnato circa l’11% a novembre, la performance mensile più forte dallo scorso anno. L’indice non ha registrato un solo calo dell’1% in tutto il mese. L’ultima volta che ciò è accaduto è stato nell’agosto 2021.

Le azioni hanno interrotto una serie di perdite lunga tre mesi, con gli investitori che hanno guardato oltre la possibilità di una recessione, le turbolenze geopolitiche e i costi di finanziamento più alti. Il rally delle azioni statunitensi di novembre è stato alimentato anche dalla speculazione che la Federal Reserve abbia finito di aumentare i tassi di interesse e inizierà a tagliarli presto. La fine dei cicli di inasprimento della Fed ha storicamente prodotto rendimenti a due cifre per le azioni.

A contribuire ai guadagni azionari è stato anche il crollo dei rendimenti obbligazionari, che ha accelerato sui segnali di rallentamento dell’inflazione.

La statistica è a favore delle azioni

Novembre dà statisticamente il via ai migliori sei mesi dell’anno per l’S&P 500. In genere, gli acquisti di azioni da parte di aziende e piani pensionistici riprendono il 1° novembre. La scadenza per la raccolta delle perdite fiscali per i fondi comuni di investimento di solito è il 31 ottobre, non la fine dell’anno come per i singoli contribuenti.

Gli investitori che puntano sul proseguimento del rally delle azioni di novembre devono fare i conti con un forte rischio di concentrazione. Le grandi aziende tecnologiche hanno guidato la maggior parte dei guadagni azionari del 2023. I titoli di questo settore tendono a crollare a fine anno. Dal 1990, il settore tecnologico è l’unico gruppo che è diminuito in media a dicembre.

Ma per quest’anno, i trader di opzioni sembrano vedere pochi problemi in vista per l’indice tecnologico Nasdaq 100. Una misura delle oscillazioni di prezzo previste – il Cboe NDX Volatility Index – viene scambiata vicino al livello più basso da prima della pandemia.

volatilità nasdaq

Gli operatori analizzeranno i dati sull’inflazione il 12 dicembre e la decisione sui tassi della Fed il giorno successivo per avere un’idea migliore del percorso politico. Si prevede che la banca centrale lascerà i tassi stabili. I funzionari pubblicheranno anche le proiezioni per il prossimo anno.

Gli strateghi pensano che il rally delle azioni di novembre continuerà

Wall Street ha abbandonato il suo consueto atteggiamento rialzista in vista del 2023. Ma adesso sta tornando alla normalità prevedendo un guadagno annuale per il prossimo anno.

Gli strateghi di Bank of America, BMO Capital Markets e Deutsche Bank sono tra coloro che si aspettano che l’indice S&P 500 avanzerà nuovamente l’anno prossimo, raggiungendo un nuovo massimo storico. Le previsioni meno ottimistiche di Goldman Sachs e Societe Generale prevedono che i prezzi delle azioni aumenteranno leggermente entro la fine del 2024, rimanendo appena al di sotto del picco precedente.

Le prospettive di Wall Street sono in netto contrasto con le previsioni di un anno fa, quando la maggior parte degli strateghi avvertiva che tassi di interesse più elevati avrebbero innescato una recessione e fatto crollare il mercato azionario. Gli indovini sono più ottimisti riguardo al prossimo anno, anche se con una prospettiva cauta: l’obiettivo medio prevede un guadagno del 3,5% nell’S&P 500.

Deutsche Bank e BMO Capital hanno gli obiettivi di fine anno più alti tra i loro concorrenti: 5.100 (che implica un guadagno del 12%). Chadha di Deutsche ha affermato che le tendenze favorevoli dell’inflazione e un balzo degli utili aziendali saranno un fattore chiave, mentre Belski di BMO ha citato le aspettative per un mercato del lavoro resiliente, l’allentamento delle pressioni sui prezzi al consumo e i tagli dei tassi della Fed nella seconda metà dell’anno.

Mike Wilson di Morgan Stanley, un convinto pessimista azionario, è diventato più ottimista per il prossimo anno. Pensa che le forze dietro il recente rally stiano perdendo slancio, ma si aspetta che l’S&P 500 finisca il 2024 a 4.500, più o meno dove si trova ora.

JPMorgan Chase & Co. si distingue, pubblicando finora la previsione più cupa tra i suoi concorrenti. Secondo il capo stratega azionario globale della banca, l’indice S&P 500 è destinato a scendere a 4.200 entro la fine del 2024 – circa l’8% rispetto al livello attuale – mentre la crescita globale decelera, i risparmi delle famiglie si riducono e i rischi geopolitici rimangono elevati. Anche le elezioni statunitensi potrebbero contribuire alla volatilità.

Il potenziale di una recessione economica, un mercato azionario guidato da una base ristretta di grandi vincitori e un crollo degli utili aziendali sono alcune delle principali preoccupazioni sollevate dagli scettici del recente rally. C’è anche la possibilità che le azioni vengano trascinate al ribasso poiché i tassi di interesse elevati continuano a diffondersi nell’economia.

ARTICOLI CORRELATI:

Il rally delle obbligazioni continua: falso rimbalzo o vera ripresa?

La correlazione tra azioni e obbligazioni è positiva: le implicazioni per i portafogli

Meglio le azioni o le obbligazioni con i rendimenti al 5%?

La concentrazione del mercato azionario può mettere in pericolo il rally?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.