Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

La concentrazione del mercato azionario può mettere in pericolo il rally?

Molti osservatori di mercato hanno avvertito che il rally azionario è fragile poiché fa troppo affidamento su una manciata di mega cap tecnologiche. L’esuberanza intorno all’intelligenza artificiale ha prodotto un mercato azionario insolitamente pesante. Solo due azioni, Apple e Microsoft, rappresentano quasi il 15% dell’indice S&P 500. Aggiungi i giganti Amazon, Alphabet e Nvidia, e quel numero sale al 24%. Questa è la più alta concentrazione di mercato almeno dal 1990.

concentrazione mercato azionario usa 2023

Se si guarda al passato, ciò non è necessariamente negativo. In effetti, la storia mostra che i rialzi azionari sono tipicamente venuti da un ristretto gruppo di società. Inoltre, una volta che la performance relativa dei titoli più grandi si è attenuata, il mercato più ampio ha retto bene.

I guadagni di mercato sono stati storicamente prevalenti una volta terminate le corse dei cinque maggiori titoli, con l’S&P 500 che è salito in media del 6,7% nei sei mesi successivi. In 11 dei 12 periodi passati di restringimento del market breadth, il benchmark ha continuato a registrare rendimenti di prezzo positivi.

ritorni azionari market breadth ristretto

Uno dei motivi per cui gli investitori acquistano il mercato più ampio è diversificare il rischio di possedere troppe poche azioni. Ma con cinque di loro che dominano l’S&P 500, alcuni investitori potrebbero chiedersi se l’acquisto di un ampio indice di mercato sia troppo rischioso. La risposta breve è che i cambiamenti nella concentrazione dell’indice non lo rendono necessariamente più o meno rischioso. In effetti, è più probabile che i cambiamenti aiutino a stabilizzare il rischio di investimento nel tempo.

La concentrazione del mercato azionario può aiutare a minimizzare il rischio

L’indice S&P 500 assegna i pesi ai suoi componenti in base al loro capitalizzazione di mercato in modo che le società di maggior valore ricevano un’allocazione più alta rispetto a quelle di minor valore. Questo approccio alla ponderazione tiene sotto controllo il rischio perché le società con valore di mercato più elevato tendono ad essere più sicure di quelle più piccole. Poiché il valore di mercato delle società cambia nel tempo, la loro ponderazione nell’S&P 500 aumenta o diminuisce, lasciando il rischio complessivo dell’indice sostanzialmente invariato.

Nel 1990, ad esempio, International Business Machines era la principale azienda tecnologica al mondo e Apple era un aspirante concorrente, motivo per cui IBM occupava il primo posto nell’S&P 500 e Apple si classificava al 107. Ora la situazione è cambiata e così anche i ranghi delle due società nell’S&P 500, con Apple in cima e IBM al 61° posto.

Maggiori guadagni, maggiore ponderazione

Un modo per vedere la relazione tra rischio e capitalizzazione è osservare l’interazione tra valore di mercato e profitti. Il mercato premia notoriamente i guadagni sopra ogni altra cosa. I dati mostrano che valore di mercato e potere reddituale sono strettamente correlati. Il reddito netto degli ultimi 12 mesi delle società S&P 500 è fortemente correlato al loro valore di mercato (0,82) e alla loro ponderazione nell’indice (0,81). In altre parole, più denaro guadagna un’azienda, più alto è il suo valore di mercato e maggiore è la sua ponderazione nell’S&P 500.

Non sorprende quindi che la concentrazione del mercato sarebbe più o meno la stessa indipendentemente dal fatto che l’S&P 500 ponderasse le società in base al valore di mercato o all’utile netto, sebbene l’ordine delle società potrebbe differire. Ad esempio, i primi cinque titoli ponderati per il reddito netto rappresenterebbero il 21% dell’indice, rispetto al 24% per il valore di mercato; i primi 50 rappresenterebbero il 57% dell’indice, la stessa percentuale del valore di mercato; e i primi 100 per reddito netto rappresenterebbero il 74%, poco più del 71% per valore di mercato.

Oggi la concentrazione del mercato azionario è così alta semplicemente perché alcune aziende stanno guadagnando molto più delle altre.

Maggiore capitalizzazione, minor rischio

L’S&P 500 sarebbe quasi certamente più rischioso se non favorisse società di maggior valore. L’indice S&P 500 Equal Weight, che pondera le società S&P 500 in modo uguale anziché in base al valore di mercato, è stato del 10% più volatile rispetto al tradizionale S&P 500, come misurato dalla deviazione standard annualizzata dal 1990. L’indice Equal Weight è stato anche più volatile rispetto al tradizionale S&P 500 il 90% delle volte su periodi mobili di tre anni, con tutte le eccezioni raggruppate attorno al picco e al successivo crollo della bolla delle dot-com.

s&p 500 equal weight vs s&p 500

Con la rinnovata frenesia intorno all’intelligenza artificiale, si potrebbe concludere che l’indice Equal Weight sia più sicuro. Ma prendendo in considerazione la bolla delle dot-com, il problema non era la concentrazione del mercato ma le valutazioni azionarie eccessive. I primi cinque titoli dell’S&P 500 al culmine della mania dot-com rappresentavano circa il 16% dell’indice, che non è molto superiore alla media storica.

Questo non vuol dire che l’S&P 500 sia privo di rischi. Al contrario, l’indice è regolarmente soggetto a crisi e manie che possono ridurre il suo valore. E concentrazione a parte, la storia mostra che è improbabile che alcuni o tutti i cinque grandi titoli di oggi rimangano lì tra un decennio o due.

ARTICOLI CORRELATI:

Investire in azioni estere come Warren Buffett

Investire in azioni che pagano dividendi in maniera intelligente

Le migliori azioni di intelligenza artificiale

Nvidia: previsioni di vendita rialziste grazie al boom dell’intelligenza artificiale

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.