Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Ecco la startup che ha riportato gli Stati Uniti sulla Luna

Missione compiuta: gli Stati Uniti sono tornati sulla Luna. Ieri il lander Odysseus di una startup con sede a Houston è atterrato sulla superficie dell’affascinante corpo celeste. La navicella della Intuitive Machines è il primo veicolo spaziale privato ad atterrare intatto sulla superficie lunare. Odysseus

Scopri

Cosa accadrà alle banche dopo il crollo della Silicon Valley Bank

Negli ultimi dieci anni, la presenza della Federal Reserve sui mercati è stata costante e ha influenzato i prezzi delle attività e i tassi di interesse sia a breve che a lungo termine. Ciò ha comportato un aumento della propensione al rischio degli investitori. L’unica cosa di cui gli investitori avevano paura era di essere lasciati fuori. Più rischi hanno preso, più soldi hanno guadagnato, finché la situazione si è capovolta.

Per ogni emittente e venditore di obbligazioni a lungo termine, che fino a poco tempo fa rendevano quasi nulla, oggi c’è un acquirente che sta perdendo denaro poiché i tassi di interesse sono aumentati vertiginosamente e i prezzi delle obbligazioni sono scesi.

Negli ultimi dieci anni, i consumatori hanno rifinanziato le loro case con mutui al 2,5%. Alcuni di questi prestiti sono stati mantenuti dalle banche, mentre altri sono stati convertiti in titoli garantiti da ipoteca e venduti a compagnie di assicurazione, fondi pensione, società e consumatori. La maggior parte dei mutui sono a tasso fisso, quindi la capacità dei consumatori di rimanere nelle loro case non è influenzata dall’aumento dei tassi di interesse.

Oggi i mutui a lungo termine, strumenti apparentemente a basso rischio, hanno perso il 20-30% del loro valore. Migliaia di miliardi di obbligazioni a lungo termine emesse da governi e società quando tassi di interesse erano vicini allo zero, adesso stanno procurando mal di testa a che li ha acquistati.

Il danno di tassi d’interesse più elevati

Grazie agli stimoli fiscali record durante la pandemia, il sistema bancario è stato inondato di depositi. Le banche avrebbero potuto investire tutto quel denaro assumendosi un rischio di credito più elevato. Ma la crisi finanziaria globale ha insegnato loro ad essere più conservative. In questo modo, però, si sono assunte il rischio di duration.

depositi banche statunitensi

Le banche prendono in prestito a breve termine e prestano a lungo termine. Tuttavia, poiché i tassi sono stati così bassi negli ultimi decenni, molte di loro hanno dovuto operare a lungo termine per ottenere rendimenti extra. Questo ha funzionato per molto tempo. Ma poi l’inflazione e i tassi d’interesse sono aumentati, facendo salire le perdite alle stelle.

Le banche sono state danneggiate due volte, sia sul lato attivo che su quello passivo del bilancio. Se hanno scelto di classificare le obbligazioni a lungo termine come “disponibili per la vendita”, hanno dovuto registrare immediatamente le perdite, riducendo il loro capitale. Nel caso di obbligazioni a lungo termine da tenere fino alla scadenza, non hanno dovuto realizzare le perdite ma l’incubo riapparirà in futuro nei loro conti economici.

L’esempio della Silicon Valley Bank

La Silicon Valley Bank potrebbe essere un esempio estremo, ma ci ha fornito uno zoom di ciò che molte banche stanno affrontando oggi e una dimostrazione di quanto possano essere volatili i depositi. La base di clienti di SVB era composta principalmente da startup tecnologiche che hanno raccolto fondi durante il boom del capitale di rischio.

L’istituto di credito californiano ha investito gran parte dei depositi dei suoi clienti in mutui e buoni del Tesoro statunitensi che hanno pagato circa il 2,5%. Poi il boom è finito e le startup hanno iniziato a esaurire i loro saldi di cassa e a ritirare i loro depositi. SVB ha dovuto vendere il suo portafoglio di obbligazioni e realizzare una perdita di circa il 10%.

titoli SVB

SVB stava per raccogliere azioni per colmare il buco causato dal calo delle obbligazioni, ma i depositanti sono corsi agli sportelli, costringendo ulteriori liquidazioni di titoli. Alla fine SVB ha esaurito il capitale ed è stata costretta a dichiarare il fallimento.

Anche se fosse riuscita a emettere azioni, diluendo sostanzialmente i suoi azionisti, avrebbe dovuto trovare un nuovo modo per finanziare il suo portafoglio di prestiti a lungo termine. Prendere in prestito al 4% e essere pagato il 2,5% non è un business model sostenibile. Uno scenario simile attende il resto del sistema bancario, che oggi sta annegando nei depositi dei consumatori.

Cosa accadrà alle banche dopo il crollo della Silicon Valley Bank?

Mentre i tassi di interesse erano vicini allo zero, ai consumatori non importava troppo che i loro depositi pagassero così pochi interessi. Tuttavia, poiché l’inflazione e i tassi d’interesse sono aumentati, lasciare denaro in un conto corrente che non paga nulla è diventato molto costoso. Man mano che i consumatori spostano più denaro in depositi fruttiferi, sempre più banche saranno costrette a prendere in prestito al 4% (invece dello 0%) per essere pagate al 2,5% per i mutui trentennali che sono nella colonna “held-to-maturity” dei loro bilanci.

Ciò ha implicazioni significative per l’economia. Probabilmente, il credito diventerà più caro e le istituzioni finanziarie saranno sempre più avverse al rischio. Le perdite dovute al calo delle attività a lungo termine ridurranno il patrimonio netto delle banche e il loro potere di guadagno. Ciò ridurrà la capacità delle banche di prestare, risucchiando credito dall’economia.

Il calo del capitale delle banche indebolisce anche la capacità del sistema bancario di gestire i default che inevitabilmente arriveranno nella prossima recessione.

Quanto elencato sopra potrebbe rivelarsi sbagliato se l’inflazione si trasformerà in deflazione e la Fed ritornerà a comportarsi come ha fatto negli ultimi dieci anni (stimoli monetari e tassi d’interesse ultra bassi).

ARTICOLI CORRELATI:

Come cercare opportunità nel settore bancario durante la crisi

Cosa sta succedendo esattamente alle banche statunitensi?

Banche europee: esistono rischi di contagio?

Fuga di depositi dalle banche: gli investitori preferiscono i fondi monetari

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.