Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Banche europee: esistono rischi di contagio?

Dopo il crollo di Silicon Valley Bank e il panico di Credit Suisse è importante valutare le condizioni di salute delle banche europee. E’ chiaro che il sistema bancario è sotto stress. Tuttavia, paragonare la situazione attuale a quella del 2008 potrebbe essere un’esagerazione.

Gli analisti sembrano essere d’accordo sul fatto che la crisi sia stata scatenata dalla paura. Grazie alle regole di Basilea III, le banche europee si trovano in una posizione migliore per assorbire gli shock rispetto al passato. Le misure introdotte a seguito della crisi finanziaria globale hanno reso gli istituti di credito europei meglio capitalizzati e sono servite a rafforzare la loro gestione del rischio. I problemi attuali sembrano quindi riguardare principalmente le banche statunitensi di piccola e media dimensione.

Prima del salvataggio di emergenza orchestrato dal governo svizzero e dalla Swiss National Bank, Credit Suisse presentava un CET1 ratio e un ratio di liquidità solidi, dimostrando che l’istituto di credito era ancora solvibile e dotato di liquidità.

Dopo lo shock dei bond AT1 azzerati di Credit Suisse, è arrivato il crollo in borsa di Deutsche Bank, vista come una delle banche più esposte al rallentamento dell’economia tedesca e al settore residenziale.

Sembra quindi che i problemi bancari in Europa siano scaturiti da una crisi di fiducia più che da una crisi di liquidità.

L’impatto delle turbolenze bancarie sull’economia

Le banche europee adesso sono meno propense a concedere prestiti, visti anche i livelli più elevati dei loro costi di finanziamento. Ciò avrà effetti diretti sull’economia reale, portando probabilmente ad un rallentamento della crescita e degli utili. In pratica, le banche preferiscono fare acquisti del loro debito piuttosto che prestare ad aziende e famiglie.

Detto questo, è estremamente difficile dire quali saranno le esatte conseguenze delle turbolenze bancarie sulla crescita economica, soprattutto perché il futuro di alcune banche regionali statunitensi rimane incerto. Le turbolenze possono accelerare l’inasprimento delle condizioni di credito, in quanto le banche si concentreranno maggiormente sulla costruzione di bilanci solidi, a scapito dei loro volumi di prestiti.

In un contesto in cui le condizioni finanziarie sono ora restrittive, sia negli Stati Uniti che in Europa, il rischio è che, con il passare del tempo, la probabilità di eventi creditizi e/o recessione aumenti. Le prime vittime sono state gli anelli più deboli del sistema bancario. Sulla base dei cicli di restrizione passati, ne seguiranno altre e non necessariamente in questo settore.

Cosa differenzia le banche europee da quelle statunitensi?

La Silicon Valley Bank era fortemente esposta al rischio di tasso d’interesse e aveva una base di depositi molto concentrata. I suoi clienti erano per lo più start-up tecnologiche, i cui depositi erano investiti dalla banca in Treasury e Mortgage-Backed Securities. Con il forte aumento dei tassi di interesse da parte della Fed, il valore di questi titoli è sceso. Allo stesso tempo, l’aumento dei tassi d’interesse ha provocato l’esaurimento dei finanziamenti alle start-up, che hanno iniziato a ritirare i loro depositi. Le banche europee, oltre ad essere soggette alle regole di Basilea III, hanno una base di depositi maggiormente diversificata.

Per quanto riguarda Credit Suisse, il prezzo delle azioni era in diminuzione da anni, tra diversi scandali e fallimenti nella gestione del rischio (come ad esempio l’esposizione della banca ad Archegos Capital Management). A ottobre 2022 Credit Suisse ha annunciato un nuovo piano di rilancio, che però è stato considerato dal mercato non sufficientemente aggressivo. Questo, insieme alla pressione sul prezzo delle azioni per un aumento di capitale di 4 miliardi di franchi svizzeri, ha provocato un significativo deflusso di depositi dalla banca.

Il settore bancario è un gioco di fiducia. Nessuna banca può sopravvivere se ogni depositante ritira il proprio denaro. È per questo che la regolamentazione e una buona gestione del rischio sono fondamentali. E il caso di Credit Suisse è stato un caso isolato nel settore bancario europeo.

La situazione che il settore bancario si trova ad affrontare adesso è molto diversa e molto meno grave di quella della crisi finanziaria del 2008. Le banche sono molto più conservative, il capitale è superiore, la liquidità è strettamente regolamentata e le banche centrali sono in una posizione migliore per rispondere, data l’esperienza maturata.

Cosa è successo alle obbligazione AT1 di Credit Suisse?

Una parte interessante del salvataggio di Credit Suisse è che, mentre gli azionisti riceveranno 3 miliardi di franchi svizzeri in azioni di UBS, il valore di 16 miliardi di franchi svizzeri di obbligazioni Additional Tier 1 (AT1) verrà azzerato. Le obbligazioni AT1 sono un tipo di debito bancario concepito per sopportare le perdite durante una crisi come quella attuale. Tuttavia, l’aspettativa era che gli azionisti subissero le perdite prima dei detentori di obbligazioni AT1.

La decisione ha causato un certo scompiglio nel mercato delle AT1, soprattutto per i nomi più rischiosi del settore. In effetti, la normativa svizzera è stata modificata per rendere possibile l’imposizione di una perdita totale ai detentori del debito AT1 di Credit Suisse, nonostante esso sia di grado superiore rispetto alle azioni nella struttura del capitale.

L’esposizione delle banche europee alle obbligazioni AT1 di Credit Suisse ad alto rischio è molto limitata. Inoltre, nell’Unione Europea gli azionisti assorbono sempre per primi le perdite – gli strumenti ad alto rischio sono interessati solo successivamente.

ARTICOLI CORRELATI:

Fuga di depositi dalle banche: gli investitori preferiscono i fondi monetari

La Trappola della Crisi Finanziaria del 2008

Il crollo di Credit Suisse: cosa è andato storto?

Il crollo di Silvergate, Signature Bank e Silicon Valley Bank: analisi delle cause e delle conseguenze

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.