Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Il crollo di Credit Suisse: cosa è andato storto?

Una delle 30 banche di importanza sistemica globale non esiste più. Questo mese una lenta crisi, caratterizzata da scandali, battaglie legali e ingenti perdite, si è trasformata in un vero e proprio panico che ha portato al crollo di Credit Suisse. I clienti sono corsi agli sportelli e il governo svizzero è intervenuto per organizzare una frettolosa acquisizione da parte del rivale locale UBS Group AG.

La crisi e l’eventuale scomparsa dell’azienda sono il risultato di anni di costante declino. Il prestatore un tempo potente è passato da 1,2 trilioni di dollari di attività totali alla vigilia del crollo finanziario del 2008 a meno della metà adesso. Sebbene negli ultimi anni la banca avesse accumulato un cuscinetto di liquidità più sano, raggiungendo i 182 miliardi di dollari all’inizio del 2022, a dicembre era sceso di quasi il 60%. Anche il capitale della banca, accumulato nel decennio successivo alla crisi finanziaria, ha subito un calo a causa delle pesanti perdite dello scorso anno.

Gli ultimi cinque anni sono stati contrassegnati da una serie di scandali da prima pagina e passi falsi dei dirigenti che hanno portato la capitalizzazione di mercato di Credit Suisse da oltre $ 50 miliardi a circa $ 6 miliardi. La nomina di un nuovo CEO nel 2022 e l’aumento delle partecipazioni dei ricchi investitori mediorientali nell’azienda non sono serviti a ribaltare le sorti della banca.

In questo articolo tratteremo gli eventi che hanno colpito Credit Suisse, come la Swiss National Bank ha cercato di gestire la situazione e perché il crollo di questo istituto di credito ha implicazioni anche al di fuori della Svizzera.

Cosa è andato storto?

Gli scandali dell’istituto di credito svizzero includevano una condanna penale per aver consentito a spacciatori di droga di riciclare denaro in Bulgaria, il coinvolgimento in un caso di corruzione in Mozambico, uno scandalo di spionaggio che coinvolgeva un ex dipendente e un dirigente e una massiccia fuga di dati sui clienti. Anche la volontà di fare affari con clienti che altre banche hanno evitato, come il finanziere Lex Greensill e la fallita società di investimenti Archegos Capital Management, ha aggravato la sensazione di un’istituzione che non aveva una presa salda sul suo business.

Tutto ciò ha portato a deflussi di clienti senza precedenti alla fine del 2022. La perdita di affari è stata particolarmente drammatica nella gestione patrimoniale asiatica, che per molti anni è stata un’importante fonte di crescita degli utili.

crollo Credit Suisse depositi

L’amministratore delegato Ulrich Koerner ha lanciato una massiccia campagna per convincere i clienti a trattenere i loro soldi. Lo sforzo sembrava aver dato i suoi frutti a gennaio, quando la società ha riportato depositi netti positivi. Tuttavia, il 9 marzo, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha contestato il rapporto annuale della banca, costringendola a ritardarne la pubblicazione.

Il panico si è diffuso dopo il fallimento della Silicon Valley Bank, sottolineando come i tassi di interesse più elevati stessero erodendo il valore delle partecipazioni obbligazionarie delle banche. E a quel punto la fuga di depositi è stata inarrestabile.

Come è andata a finire?

Le azioni di Credit Suisse hanno raggiunto un minimo storico quando il suo maggiore azionista ha escluso di investire ulteriormente nella società. Ciò ha spinto Credit Suisse a chiedere alla banca centrale svizzera una dichiarazione pubblica di sostegno. Il costo per assicurare le obbligazioni della banca contro il default per un anno è salito a livelli che non si vedevano per una grande banca dalla crisi finanziaria globale del 2008.

crollo azioni Credit Suisse

Consapevole delle potenziali ricadute economiche in caso di fallimento di Credit Suisse, la Swiss National Bank si è offerta di prestare alla banca 50 miliardi di franchi svizzeri e di riacquistare fino a 3 miliardi di franchi di debito. Ciò ha concesso alle autorità svizzere un po’ di tempo per trovare una soluzione più sostenibile. Nel fine settimana successivo è arrivata l’acquisizione da parte del suo rivale locale UBS per circa 3,25 miliardi di dollari, meno della metà del suo valore di mercato.

Cosa significa il crollo di Credit Suisse?

Il crollo di Credit Suisse è arrivato poco dopo il fallimento di tre istituti di credito regionali statunitensi e ha sottolineato come alcune istituzioni finanziarie mal gestite abbiano faticato da quando l’era dei tassi di interesse vicino allo zero è giunta al termine.

La scomparsa dell’istituto di credito potrebbe spingere altre banche ad abbassare il proprio profilo di rischio e quindi ad emettere meno prestiti che consentono alle economie di crescere. Ciò renderebbe più difficile per le banche centrali continuare ad alzare i tassi di riferimento per raffreddare l’inflazione rovente senza causare una recessione.

Gli investitori hanno abbandonato le scommesse su ulteriori aumenti dei tassi e ora vedono la Fed tagliare i tassi già in estate. Il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha affermato il 16 marzo che le turbolenze dei mercati finanziari potrebbero colpire le condizioni del credito e smorzare la fiducia. Tuttavia, ha affermato che il settore bancario è in una posizione molto più forte rispetto a dove si trovava nel 2008.

ARTICOLI CORRELATI:

Come capire la solidità finanziaria di una banca: il Common Equity Tier 1 (CET1)

Il crollo di Silvergate, Signature Bank e Silicon Valley Bank: analisi delle cause e delle conseguenze

Crollo SVB: la Fed interviene insieme al Tesoro per evitare una crisi

Silicon Valley Bank: come è avvenuto il fallimento e dove potrebbe portare?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.