Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 25

cosa fa muovere i mercati settimana 25
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Il rally di “sollievo” della settimana appena conclusa ha portato l’S&P 500 a salire di oltre il 6% dopo una serie di sconfitte, il secondo aumento più grande dall’inizio dell’anno. L’indice adesso è nuovamente al di sopra della soglia del 20% dai suoi massimi storici.

Gli improvvisi rally caratteristici di quest’anno sono diventati la rovina degli hedger, che stanno pagando a caro prezzo le opzioni put che spesso non riescono a produrre guadagni. Una semplice strategia di protezione che consiste nel possedere il 5% di put out-of-the-money sull’S&P 500 ha perso quasi quanto l’indice stesso quest’anno. Ciò è in netto contrasto con il crollo di marzo 2020, quando la strategia ha reso il 2,2%.

Sotto la superficie permane comunque l’incertezza per le prospettive di crescita, poiché i titoli economicamente sensibili come i produttori di materie prime e gli industriali hanno ottenuto i risultati meno brillanti. L’ETF del settore dei materiali ha rotto al ribasso un’area importante che sembrerebbe voler ritornare a testare, magari per continuare al ribasso.

cosa fa muovere i mercati: il settore dei materiali

D’altronde, in questo ambiente, le aziende cicliche non dovrebbero avere grandi prestazioni. Un indice MSCI che replica i titoli ciclici è sulla buona strada per il settimo mese consecutivo di sottoperformance rispetto al comparto difensivo.

azioni cicliche vs azioni difensive

Le aspettative del mercato sui tassi d’interesse

Il mercato pensa che la Fed terminerà il suo ciclo di rialzi prima di quanto scontato in precedenza. Al momento, stanno scontando una probabilità del 71% di un aumento dei tassi di 75 punti base a luglio mentre le aspettative sugli aumenti a dicembre e febbraio sono crollate.

cosa fa muovere i mercati: le aspettative sui tassi della Fed
Il mercato pensa che la Fed raggiungerà il picco del suo ciclo di hiking a marzo 2023

Il mercato dei tassi sembra consapevole della possibilità che qualcosa possa andare storto da qui in poi. Sicuramente anche la revisione al ribasso delle aspettative di inflazione dell’University of Michigan per i prossimi 5-10 anni ha influito sui movimenti dei mercati monetari.

Le materie prime industriali e il settore energetico

Le preoccupazioni per il rallentamento economico sono riflesse anche nelle performance dei metalli industriali, che sono sulla buona strada per il peggior trimestre dalla crisi finanziaria del 2008.

Il rame è sprofondato in un mercato ribassista dal record di quattro mesi fa. Lo stagno è crollato del 21% nella sua settimana peggiore da quando la crisi degli anni ’80 ha congelato gli scambi sul London Metal Exchange per ben quattro anni.

Questi movimenti rappresentano una drammatica inversione di tendenza rispetto agli ultimi due anni, quando i metalli sono aumentati su un’ondata di ottimismo post-lockdown, previsioni inflazionistiche e i problemi dell’offerta.

Adesso, nonostante le forniture siano ancora scarse, i prezzi stanno crollando mentre le preoccupazioni per un rallentamento dell’attività industriale nelle principali economie si combinano con il crollo della domanda cinese.


cosa fa muovere i mercati: il breakout del rame
Il breakout del rame

Il petrolio, dopo la caduta di inizio settimana, ha messo in scena un drammatico rimbalzo venerdì, salendo fino al 3% e chiudendo a malapena in rosso. Inutile dire che l’energetico rimane il settore con le migliori performance del 2022.

performance settoriali YTD
Hai già scaricato la mia app gratuita Quantaste?
ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 24

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 23

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 22

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.