Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 24

cosa fa muovere i mercati
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Il rally di venerdì non è riuscito a salvare il mercato azionario dalle perdite. Le azioni hanno subito la loro peggiore settimana da marzo 2020. Il Dow Jones ha chiuso 11 settimane in negativo sulle ultime 12. Ciò non era mai successo prima.

In cinque delle sette sessioni fino a giovedì, almeno nove titoli su 10 dell’S&P 500 sono scesi, un record di perdite diffuse.

Un quadro simile, anche se leggermente meno straziante, è prevalso in tutte le classi di attività. Dai titoli del Tesoro alle obbligazioni societarie e alle materie prime, tutto è sceso per la seconda settimana consecutiva, un periodo di ribassi radicali che non si verificava dal taper tantrum del 2013.

Sembra davvero che non ci sia nessun posto dove rifugiarsi. Gli investitori sono alle prese con il più aggressivo inasprimento della politica monetaria da parte delle banche centrali dagli anni ’80. Con le speranze di un picco dell’inflazione deluse a seguito di una lettura più calda del previsto dei prezzi al consumo negli Stati Uniti, la trepidazione per una recessione economica sta crescendo.

Mercato obbligazionario globale

Dall’uscita del CPI di venerdì scorso, la curva si è notevolmente appiattita con i rendimenti a 2 anni in rialzo di oltre 30 punti base e i 30 anni in rialzo di circa 10 punti base. Ciò ha portato le spread 30/2 ad invertirsi brevemente.

Il rendimento del decennale è stato respinto per ben due volte intorno al livello del 3,50%.

I mercati del credito hanno continuato a crollare, con HYG che è sceso al livello più basso da quando la Fed ha iniziato ad acquistare obbligazioni “spazzatura” nel panico di marzo 2020.

Il mercato obbligazionario giapponese è stato al centro delle headline dei giornali, con il rendimento del decennale che ha scambiato al di sopra della soglia consentita dello 0.25% per la maggior parte del tempo. I trader stavano scommettendo che la Bank of Japan non sarebbe riuscita ad ancorare i rendimenti obbligazionari con il suo programma di yield curve control. Tuttavia, al momento, sembra che la BOJ abbia vinto la sua battaglia. Dopo l’incontro della BOJ, i rendimenti hanno registrato la mossa più brusca dall’introduzione della politica nel 2016, riportandosi al di sotto della soglia limite.

Anche il mercato obbligazionario europeo è stato al centro dell’attenzione. La Banca centrale europea è stata costretta a riunirsi per discutere delle problematiche riguardo la cosiddetta “frammentazione”. La Lagarde, oltre a citare i reinvestimenti dei titoli in scadenza, ha parlato di un nuovo strumento da utilizzare per controllare i rendimenti obbligazionari dei paesi più fragili dell’Eurozona. Nonostante i dettagli non siano stati molti, le parole della Lagarde hanno calmato gli investitori e i rendimenti dei paesi periferici sono scesi.

Forex

Il dollaro è salito durante la settimana, dopo aver trovato supporto sui minimi pre-CPI. L’euro è rimasto pressoché invariato, con gli investitori che stanno cercando di bilanciare i percorsi di inasprimento della Fed e della BCE. Il prezzo ha trovato resistenza intorno agli 1.0775.

Lo yen, dopo un breve rialzo a seguito del rilascio della dichiarazione della Bank of Japan, è crollato registrando la sua peggiore performance giornaliera da marzo 2020.

Senza sorprendere, il governatore Kuroda ha tenuto duro, lasciando invariati i tassi al -0,1% e non apportando modifiche al suo programma di yield curve control per mantenere i rendimenti a 10 anni allo 0,25%. La BOJ ha inoltre inserito il tasso di cambio alla sua lista dei rischi.

La Swiss National Bank invece ha sorpreso tutti aumentando i tassi di 50 punti base. Il franco svizzero ha goduto del suo miglior rally nei confronti dell’euro da quando la SNB ha abbandonato il peg all’inizio del 2015. Anche la sterlina ha guadagnato a seguito dell’aumento di 25 punti base della BOE.

Il bear market delle crypto

Settimana nera per le crypto, con Bitcoin in calo del 30% e Ethereum del 35%. L’attuale drawdown di Bitcoin dal suo massimo storico di novembre è ora di circa il 70%.


Tra le crisi di diversi prestatori di criptovalute, Ethereum (che ha costituito la spina dorsale di alcuni dei contratti coinvolti in queste transazioni), è scoppiato al ribasso rispetto a Bitcoin.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 23

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 22

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 21

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.
Cookie Policy