Banche centrali: come stanno influenzando i mercati finanziari?

Le banche centrali del mondo stanno scatenando quello che potrebbe rivelarsi il più aggressivo inasprimento della politica monetaria dagli anni ’80, agitando i mercati finanziari mentre si affrettano ad affrontare l’impennata dell’inflazione.

La settimana è iniziata con lo spostamento di Wall Street per scontare un aumento di 75 punti base del tasso della Federal Reserve. L’S&P 500 ha risposto entrando in un bear market. Allo stesso tempo, i rendimenti del decennale hanno sfiorato il 3,5% per poi ritornare intorno ai 3,2%.

La Bank of England ha aumentato di 25 punti base, procedendo con il quinto aumento consecutivo. Ha inoltre segnalato che presto raddoppierà il ritmo.

Anche i mercati emergenti dal Brasile a Taiwan fino all’Ungheria hanno aumentato i costi finanziari, mentre Australia, Corea del Sud, India, Nuova Zelanda e Canada sono tra quelli che si preparano ad ulteriori azioni.

La sorpresa della Swiss National Bank

La Swiss National Bank ha inaspettatamente aumentato i tassi d’interesse per la prima volta dal 2007, allontanandosi da una battaglia per domare una valuta più forte per concentrarsi sull’inflazione che minaccia di sfuggire di mano. Ha alzato il tasso di riferimento di 50 punti base a -0,25%, una mossa che ha fatto salire il franco di oltre il 2% rispetto all’euro, mettendo in vista la parità tra le due valute.

banche centrali Swiss National Bank
Il franco svizzero ha registrato l’incremento più grande dal 2015 nei confronti dell’euro

La BCE e i rendimenti dei paesi periferici

La reazione del mercato obbligazionario europeo al ritiro concertato dello stimolo si è rivelata così violenta che mercoledì la Banca centrale europea ha tenuto una riunione di emergenza per affrontare l’aumento dei rendimenti dei paesi “periferici”.

Ancora più preoccupanti sono gli spread di rendimento tra questi paesi e la Germania, indicatori che la BCE tiene molto d’occhio. Le dichiarazioni della Lagarde riguardo i reinvestimenti dei titoli in scadenza e di un nuovo strumento per tenere a freno i rendimenti di alcuni membri del blocco sembrerebbe aver calmato temporaneamente gli investitori.

spread BTP-Bund
Lo spread BTP-Bund è sceso dai picchi post-riunione

La controtendenza della Bank of Japan e della PBOC

La Bank of Japan invece, ha mantenuto le sue impostazioni accomodanti nonostante la forte pressione al ribasso sullo yen e sul mercato obbligazionario. La valuta giapponese ha raggiunto il livello più basso degli ultimi 24 anni e la BOJ ha dichiarato di aver messo il tasso di cambio nella sua lista dei rischi.

banche centrali

Anche la Cina si distingue come eccezione, sebbene questa settimana non abbia proceduto con un taglio del tasso di riferimento.

La politica più aggressiva dagli anni ’80

I soli funzionari della Fed prevedono che porteranno il loro benchmark al 3,8% entro la fine del 2023, dall’intervallo 1,5%-2% raggiunto questa settimana, e diverse banche di Wall Street vedono un picco ancora più alto.

I responsabili politici sono costretti ad agire in parte perché non sono riusciti a individuare il potere dell’aumento dell’inflazione. Sono stati quindi lenti a rispondere anche quando hanno accettato che le pressioni sui prezzi non fossero “transitorie”.

La corsa per riprendere il controllo solleva la minaccia di conseguenze indesiderate, tra cui recessioni e l’aumento della disoccupazione. L’aggressività delle banche centrali è anche una ricetta per i mercati finanziari volatili.

Dopo aver trascorso gli ultimi decenni con un’inflazione bassa, presumendo che questa condizione sarebbe continuata indefinitamente, i responsabili politici hanno un bel problema da risolvere adesso. L’inflazione è più del triplo dell’obiettivo della Fed e si dirige verso la doppia cifra nel Regno Unito.

La crescente aggressività della Fed mette anche sotto pressione i suoi colleghi, facendo salire il dollaro e contribuendo a una svendita globale di obbligazioni.

Il dollaro si trova al massimo degli ultimi 20 anni

Il soft landing

Il mercato del lavoro negli Stati Uniti è molto ristretto, come indicato dall’elevato tasso di posti di lavoro vacanti e dimissioni. Ciò ha portato a una crescita salariale record negli ultimi mesi. La crescita salariale, come ha riportato Larry Summers in uno studio recente, renderà molto più difficile raggiungere un soft landing. Ogni volta che la crescita salariale ha raggiunto il 5% mentre il tasso di disoccupazione era sotto al 4%, si è verificata una recessione entro due anni.

Bloomberg Economics fissa la probabilità di una recessione negli Stati Uniti al 72% entro la fine del prossimo anno, il che sfiderà le speranze di rielezione del presidente Joe Biden.

ARTICOLI CORRELATI:

Mercato obbligazionario: tra inflazione e rischio recessione

Lo spread BTP-Bund si allarga: la frammentazione dell’Eurozona

La debolezza dello yen: quali sono i livelli chiave

Riunione della BCE: termine degli acquisti e nuove proiezioni

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.