Cos’è il P/E ratio e come si usa per investire?

Uno degli strumenti di base da conoscere per investire è il P/E ratio (price-to-earnings ratio), in italiano rapporto prezzo-utili. E’ un parametro che aiuta a stabilire una sorta di standard nel mercato. Come è facilmente intuibile dal suo nome, non è altro che il rapporto tra il prezzo corrente del titolo e il suo utile per azione (EPS). In breve, il P/E ratio è una formula utilizzata per determinare approssimativamente quale valore il mercato assegna a un determinato titolo.

il P/E ratio

Il prezzo di un’azione è accurato perché viene riportato in tempo reale. I guadagni, invece, sono riportati trimestralmente. Nel momento in cui questi utili vengono pubblicati, la società sta già affrontando il trimestre successivo. Quindi, la rendicontazione degli utili può considerarsi ritardata e il P/E ratio rappresenta una stima piuttosto che un calcolo accurato.

Nonostante ciò, investitori e analisti utilizzano il P/E ratio è il parametro più usato per determinare il valore delle azioni di una società. Il valore viene confrontato con il record storico o con gli utili previsti per il futuro. Viene anche comunemente utilizzato quando si confrontano società nello stesso gruppo industriale, mercati o benchmark. Indipendentemente dalla situazione in cui verrà utilizzato, sarà fondamentale sapere se la stima degli utili riguarda il futuro (forward P/E) o fa riferimento a valori del passato (trailing P/E).

A cosa serve il P/E ratio?

Con tutto ciò che è stato detto finora, potrebbe sembrare che il P/E ratio non sia uno strumento molto affidabile. Tuttavia, è ancora la formula più comunemente usata da analisti e investitori per determinare la valutazione di un determinato titolo. Nonostante alcuni problemi, rimane migliore delle alternative esistenti.

Un valore elevato del P/E ratio indica che gli investitori si aspettano una crescita degli utili maggiore in futuro o che l’azienda sta ottenendo prestazioni migliori rispetto all’anno precedente. D’altra parte, un P/E ratio basso tende a suggerire il contrario: un’azienda è probabilmente in difficoltà o sta mostrando una sorta di declino.

La natura del rapporto prezzo/utili gli consente di fungere da metodo di standardizzazione per il mercato mediante la determinazione di un valore relativamente coerente per $ 1 di guadagni. A questo proposito, prendendo valori del passato e calcolando una media da utilizzare come benchmark, un investitore potrebbe determinare se vale la pena acquistare o meno un’azione.

In un mondo perfetto, il price-to-earnings ratio mostra ciò che il mercato è disposto a pagare per le azioni oggi in base ai guadagni previsti o ai guadagni dell’anno precedente. Ma come abbiamo già discusso, ci sono ragioni per prendere con le pinze questo valore.

Il forward P/E e il trailing P/E

Abbiamo già stabilito che il P/E ratio è una formula semplice, ovvero il rapporto tra il valore di mercato per azione e l’utile per azione. Il prezzo delle azioni può essere ottenuto facilmente ed è considerato affidabile. Gli utili per azione, invece, sono meno certi perché derivano da proiezioni prospettiche o da analisi del passato.

Una parte importante della determinazione del rapporto è se un investitore utilizza valori a termine o valori finali. Un rapporto prezzo/utili a termine (forward P/E), è un metodo per proiettare i valori P/E guardando al futuro piuttosto che prendere in considerazione i valori passati. Poiché si basa su stime e proiezioni, non è un riflesso accurato del valore di una società. Tuttavia, è un modo molto utile per avere un’idea di ciò che le tendenze implicano sul valore futuro e del consenso degli analisti.

Invece di guardare alle proiezioni future, il trailing P/E utilizza le prestazioni dell’azienda negli ultimi dodici mesi. Poiché utilizza numeri reali, non è una stima ma un valore effettivo. Alcuni investitori scelgono il trailing P/E perché non si fidano delle stime. Tuttavia il passato non è garanzia del futuro. I numeri dell’ultimo anno potrebbero essere fortemente influenzati da un evento importante che potrebbe causare una variazione estrema del valore. Inoltre, il trailing P/E viene generalmente segnalato trimestralmente, quindi è spesso obsoleto nel momento in cui viene pubblicato.

Il blended P/E ratio

Nel tentativo di affrontare alcune delle carenze del forward e del trailing P/E, si può utilizzare il blended P/E ratio. Il calcolo di questa variante utilizza una media ponderata del valore effettivo più recente e del valore previsto più vicino. Riducendo l’intervallo di tempo sia nell’intervallo forward che in quello trailing, il calcolo si avvale di informazioni più rilevanti ed evita la probabilità di alcune insidie ​​della stima su un periodo di tempo più lungo.

Il rapporto misto non è infallibile e potrebbe essere meglio utilizzarlo insieme agli altri tipi di rapporti per avere un’idea più accurata di ciò che la crescita e le prestazioni passate implicano per il futuro. Può anche essere utile confrontare il rapporto P/E dell’azienda con quello delle società dello stesso settore. Questo può aiutare a identificare se si tratta o meno di una società di successo o solo di una tendenza nel settore.

In conclusione

Nessuno di questi rapporti è perfetto. Ognuno ha i suoi punti di forza e debolezza. E’ importante quindi non avvalersi solamente delle misure dei diversi P/E ratio per prendere decisioni di investimento.

ARTICOLI CORRELATI:

Come si trova il fair value di un’azienda?

Gli indicatori del market breadth

La differenza tra le aziende cicliche e non cicliche

Factor Investing: investire sui temi del mercato azionario

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy