Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Crisi Immobiliare Cinese: Il Rischio di un Collasso che Spaventa il Mondo

La Cina si trova di fronte alla più grande bolla finanziaria della sua storia. E le azioni che Governo e Banca Centrale prenderanno nel breve periodo potranno cambiare per sempre le sorti del paese.

Il caso EVERGRANDE

Giovedì scorso, Evergrande ha presentato una richiesta di bancarotta al Tribunale di New York. La scelta di agire è derivata dal mancato pagamento di debiti superiori a 340 miliardi di dollari.

Questo ammontare rappresenta il 2% del Prodotto Interno Lordo della Cina ed è addirittura superiore al PIL di numerosi paesi tra cui Nuova Zelanda, Finlandia, Portogallo, Grecia, Romania e Cile, esaminato in termini assoluti.

Se ricordate già nel 2021 il colosso si è trovato alle prese con 300 miliardi di passività, quando i funzionari governativi hanno rafforzato i controlli sul settore immobiliare. La sua crisi di liquidità l’ha presto resa un simbolo dei problemi del settore immobiliare del paese.

Evergrande non è l’unica azienda del settore in difficoltà. 

La crisi si estende

Country Garden, compagnia di sviluppo immobiliare rinomata per i suoi enormi progetti nelle città di secondo e terzo livello della Cina, a inizio agosto ha mancato due pagamenti di interessi sulle obbligazioni. I pagamenti di interessi che sono dovuti in dollari americani hanno un valore relativamente basso, ma mancandoli, la società si è esposta al rischio default, scatenando il panico tra gli investitori.

La crisi immobiliare per la seconda economia mondiale è iniziata nel 2020, ma è stata la conseguenza di una bolla speculativa che dura da molto più tempo. La situazione immobiliare cinese sembra sempre più simile a un gigantesco schema Ponzi, con la liquidità che viene presa dai nuovi investitori per pagare i clienti esistenti in una spirale discendente fino al collasso. Questo può essere considerato uno schema Ponzi in stile Madoff, poiché si stanno sostanzialmente usando i soldi dei clienti per finanziare il prossimo progetto.

La Bolla Immobiliare Cinese nel Tempo

Nel corso degli ultimi tre decenni, durante i quali la popolazione cinese ha registrato una costante crescita e un sempre maggiore afflusso di cittadini nelle aree urbane in cerca di opportunità, i costruttori non sono stati in grado di soddisfare la domanda di nuovi appartamenti abbastanza rapidamente. Inoltre la situazione è peggiorata in gran parte grazie alle politiche governative. Per decenni, i regolatori hanno consentito agli sviluppatori di accumulare ingenti debiti per sostenere una crescita aggressiva. 

Questa situazione ha portato a una notevole trasformazione dell’economia cinese, con il settore immobiliare che ha assunto un ruolo di primo piano, fungendo da motore trainante per l’economia cinese. Il settore ha assorbito un’enorme quantità di manodopera e ha fornito un importante canale di investimento per i risparmi delle famiglie. Oggi, i dati rivelano che il settore immobiliare costituisce una parte significativa dell’attività economica del paese, rappresentando più di un quarto di tutta l’attività economica cinese.

Dati del settore immobiliare CINESE

A giudicare dalle statistiche ufficiali, sembra che  il mercato immobiliare della nazione sia stato più resiliente rispetto alla tiepida crescita economica e alle inadempienze record degli sviluppatori. I prezzi delle nuove case in 70 città, escluse le abitazioni sovvenzionate dallo stato, sono diminuiti dello 0,23% il mese scorso rispetto a giugno, quando sono scesi dello 0,06%, secondo i dati del National Bureau of Statistics. I prezzi sono scesi dello 0,47% nel mercato secondario. 

Se guardiamo rispetto all’agosto del 2021 i prezzi delle nuove case sono diminuite solamente del 2,4% mentre quelli delle case esistenti sono diminuiti del 6%.

La vendita di nuove abitazioni è in continua crescita da inizio 2023.

Come vi dico sempre, non è un dato che bisogna monitorare ma un insieme di dati per riuscire a unire tutti i puntini, soprattutto nel caso cinese. Ad esempio  il calcolo dei dati da parte del National Bureau of Statistics, si basa principalmente su sondaggi piuttosto che sui dati relativi ai prezzi delle transazioni, e questo aiuta le  autorità ad attenuare la tendenza negativa e a evitare grandi oscillazioni. Se guardiamo infatti il quadro offerto dagli agenti immobiliari cinesi è molto più preoccupante. A Hangzhou, vicino alla sede di Alibaba, i prezzi delle case sono scesi tra il 25 e il 28 % rispetto al picco di ottobre 2021.

Secondo Leyoujia (istituto di ricerca immobiliare), i prezzi delle case in cinque quartieri popolari di Shenzhen sono diminuiti del 15% negli ultimi tre anni. Questa distorsione di informazioni potrebbe frenare ulteriormente gli acquirenti e raffreddare ulteriormente un’economia che non se la sta passando molto bene.

Economia CINESE

Prendendo infatti in considerazione alcuni indicatori macroeconomici cinesi vediamo come la situazione stia peggiorando notevolmente. Se guardiamo il grafico delle vendite al dettaglio infatti notiamo che a luglio ha registrato un ulteriore calo segnando un + 2,5%. Si in positivo ma molto lontano dal 18,4 di aprile 2023.

Vendite al dettaglio – Trading economics

Anche il tasso di crescita del prodotto interno lordo sta diminuendo. Questo in parte può essere dovuto anche al raffreddamento del settore immobiliare che come già visto prima rappresenta tra il 20 e il 30% dell’economia del paese. 

GDP Cina QoQ- Trading Economics

Le esportazioni cinesi a luglio hanno registrato il maggior calo negli ultimi tre anni.  Nei primi sette mesi dell’anno, le esportazioni sono scese del 5% rispetto allo stesso periodo del 2022, attestandosi a 1.94 trilioni di dollari.

Esportazioni YoY – Trading Economics

Mentre le importazioni sono scese del 12,4 % annuo a 201,16 miliardi di dollari nel luglio 2023. Si è trattato del quinto mese consecutivo di minori acquisti e del calo più marcato da maggio 2020.

Importazioni Cina YoY – Trading Economics

Va ricordato inoltre che il paese sta affrontando rispetto agli altri paesi del mondo una deflazione, appesantito dal rallentamento dei consumi interni, scendendo a luglio del – 0,3 % cosa che non accade da più di di due anni. Sono andati in negativo anche i prezzi alla produzione che sono calati del -4,4% su base annua anche se in ripresa rispetto al – 5,4% di giugno.

Inflazione cinese – Trading Economics

La  disoccupazione giovanile è ai massimi storici, questo potrebbe influire notevolmente sulla crescita economica del paese e raffreddare il mercato immobiliare.

Disoccupazione giovanile in Cina – Trading Economics

Il Ruolo della Banca Centrale

Ad aumentare la pressione sull’economia del Dragone oltre alla già citata istanza di Evergrande e al caso Country Garden,e la situazione economica incerta è arrivato un nuovo allarme di insolvenza che potrebbe scatenare un nuovo momento Lehman Brothers. Infatti  secondo il WSJ la società di Zhongrong International Trust, che alla fine del 2022 gestiva asset per 108 miliardi di dollari, ha recentemente mancato il pagamento di interessi per 14 milioni di dollari a tre altre compagnie cinesi quotate in borsa.

In questa situazione gioca un ruolo fondamentale la banca centrale, che sembra però sottovalutare il problema. Notizia recente, è che le istituzioni finanziarie cinesi hanno ridotto il tasso di riferimento per i prestiti in misura inferiore al previsto e hanno evitato di ridurre il tasso di riferimento per i mutui. Il tasso di riferimento per i prestiti a un anno è stato abbassato di 10 punti base al 3,45%, mentre il tasso a cinque anni è stato inaspettatamente mantenuto al 4,2%. Le mosse del PBOC sono state definite sconcertanti nonostante  quest’ultima abbia dichiarato che la Cina coordinerà il sostegno finanziario per risolvere i rischi del debito pubblico locale e ridurre i rischi sistemici, cercando anche di “aggiustare e ottimizzare” le politiche di credito per il settore immobiliare e ridurre i costi di finanziamento per l’economia.

Conclusioni

Possiamo quindi concludere dicendo che le sorti dell’economia cinese e di conseguenza quella globale sono fortemente influenzate dalle politiche della banca centrale cinese. Senza stimoli aggressivi da Pechino e sforzi nel settore privato, alcuni economisti prevedono una stagnazione prolungata in Cina. Questo scenario richiama la situazione giapponese degli anni ’90 ( che il paese sta vivendo ancora oggi), con deflazione e crescita limitata. Tuttavia, a differenza del Giappone, la Cina entrerebbe in un tale periodo prima di raggiungere lo status di paese sviluppato. Questo perché il paese ha redditi pro capite molto al di sotto di quelli delle economie più avanzate. Il reddito nazionale pro capite della Cina è arrivato a circa 12.850 dollari lo scorso anno. Questo lo pone al di sotto della soglia attuale di 13.845 dollari che la Banca Mondiale classifica come il minimo per un paese ad “alto reddito”. 

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.