Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

Dal ‘soft landing’ al ‘no landing’ dell’economia

Mentre persiste il dibattito sul fatto che la Fed sarà in grado di progettare un “soft landing”, abbattendo l’inflazione senza un forte rallentamento economico, oppure si troverà a dover gestire un “hard landing”, facendo sprofondare l’economia in una recessione, un terzo scenario si sta facendo strada: il “no landing“.

In uno scenario di “no landing”, l’economia statunitense non rallenta, l’inflazione rimane sopra la tendenza e la Federal Reserve è costretta non solo ad aumentare i tassi più del previsto, ma a mantenerli elevati più a lungo.

Lo scenario “senza atterraggio” rischia di riportare volatilità sui mercati perché reintroduce l’incertezza sull’inflazione e sul percorso di inasprimento della Fed. Il quadro non è affatto chiaro per il mercato azionario, dove tori e orsi stanno combattendo su ciò che conta di più: l’aumento dei tassi o un’economia che si dimostra resiliente.

Il mercato del lavoro e il no landing

Il rapporto sull’occupazione di gennaio ha svolto un ruolo importante nell’alimentare la discussione sulla possibilità di un “no landing'”. I dati non solo hanno inferto un duro colpo alle scommesse per una recessione a breve termine, ma hanno anche segnalato rischi al rialzo per l’inflazione.

Secondo il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, le buste paga non agricole sono aumentate di 517.000 a gennaio. Gli economisti si aspettavano un aumento di 170.000. La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,3% rispetto al mese precedente, come previsto dal consenso. Il tasso di disoccupazione, derivato da un altro sondaggio, è sceso di un decimo di punto percentuale raggiungendo il 3,4% – il livello più basso dal 1969.

I consumatori sono resilienti

Ad alimentare lo scenario di “nessun atterraggio” sono stati i dati sull’inflazione e sulle vendite al dettaglio. Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti a gennaio hanno registrato l’aumento più alto in quasi due anni, dimostrando che i consumatori hanno ancora voglia di spendere.

Il Dipartimento del Commercio ha affermato che le vendite al dettaglio sono aumentate del 3,0% il mese scorso, il maggiore aumento da marzo 2021, dopo essere diminuite dell’1,1% a dicembre. Su base annua, l’aumento è stato del 6,4%.

vendite al dettaglio no landing

Il calo delle vendite nei due mesi precedenti è stato attribuito all’anticipo degli acquisti natalizi, che secondo gli economisti non erano stati completamente adeguati dal modello utilizzato dal governo per eliminare le fluttuazioni stagionali dai dati.

Più resiliente si rivelerà l’economia, più la Fed sarà costretta a mantenere una politica restrittiva.

Alcuni segnali preoccupanti sulle pressioni inflazionistiche

Il rapporto sulle vendite al dettaglio è arrivato sulla scia di una stampa sull’inflazione che ha evidenziato che gli sforzi della Fed non hanno ancora avuto gli effetti previsti. La disinflazione di cui ha parlato Powell non avverrà tutta insieme e al momento è trainata dai beni.

Gran parte dell’impennata dei prezzi è stata davvero “transitoria” e dovuta a fattori legati alla pandemia. Ma l’inflazione dei servizi sembra persistere. Esclusi cibo ed energia, l’inflazione dei beni si trova al di sotto dell’obiettivo del 2% mentre quella dei servizi continua a salire.

inflazione USA gennaio

Gli affitti contano sempre di più. L’OER, una stima dell’affitto implicito che sarebbe pagabile per le proprietà, continua a salire, mentre un indice che esclude gli alloggi è diminuito drasticamente dal picco superiore al 10% della scorsa estate.

Pochi giorni dopo il CPI, è arrivato l’indice dei prezzi alla produzione. Il PPI degli Stati Uniti è rimbalzato più del previsto a gennaio, salendo dello 0,7% (il massimo da giugno). Su base annuale, Il PPI è salito del 6%.

Le stime mediane in un sondaggio di economisti di Bloomberg prevedevano che l’indice aumentasse dello 0,4% rispetto a un mese prima e del 5,4% da gennaio 2022.

Escludendo le componenti alimentari ed energetiche volatili, il cosiddetto PPI core è aumentato dello 0,5% a gennaio e del 5,4% rispetto all’anno precedente.

Cosa pensa il mercato di questi dati?

Ci sono sempre più segnali che il mercato sta prezzando lo scenario di no landing. Non solo i tassi a breve termine stanno aumentando, ma le aspettative di inflazione a un anno si avvicinano al 3%.

In altre parole, il mercato pensa che tra un anno l’inflazione sarà significativamente più alta rispetto all’obiettivo di inflazione del 2%. In risposta a ciò, la Fed dovrà essere più aggressiva per garantire che le aspettative di inflazione non si allontanino troppo dall’obiettivo della Fed.

Nel frattempo, il mercato dei future prevede un picco dei tassi al di sopra del 5% alla fine di quest’anno. La curva dei rendimenti – già invertita da tempo – ha raggiunto l’inversione più profonda in 40 anni. I rendimenti a breve termine hanno superato i rendimenti a lungo termine senza interruzioni per sette mesi consecutivi.

ARTICOLI CORRELATI:

Soft landing: cos’è e perché la Fed non riuscirà a evitare una recessione?

L’inflazione USA rimane elevata, aggiungendo pressione per ulteriori aumenti della Fed

Bostic: picco dei tassi della Fed più alto del previsto

La Fed alza i tassi di 25 pb e prevede un “paio” di aumenti in più

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.