Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

L’inflazione USA rimane elevata, aggiungendo pressione per ulteriori aumenti della Fed

I dati di martedì hanno mostrato che l’inflazione USA è rimasta elevata, segnalando persistenti pressioni inflazionistiche che potrebbero spingere la Federal Reserve ad alzare i tassi di interesse più in alto di quanto precedentemente previsto.

Su base mensile, l’indice complessivo dei prezzi al consumo è salito dello 0,5% a gennaio, il massimo in tre mesi, sostenuto dai costi dell’energia e degli alloggi. La misura è aumentata del 6,4% rispetto all’anno precedente.

Escludendo cibo ed energia, il cosiddetto core CPI è aumentato dello 0,4% il mese scorso e del 5,6% rispetto all’anno precedente. Gli economisti vedono questa misura come un indicatore migliore dell’inflazione sottostante rispetto all’indice CPI complessivo.

Le stime mediane in un sondaggio Bloomberg di economisti prevedevano un aumento mensile dello 0,5% nel CPI e un aumento dello 0,4% nel core CPI. Entrambe le misure annuali sono state superiori alle attese e hanno mostrato una decelerazione molto più lenta rispetto agli ultimi mesi.

inflazione USA elevata gennaio 2023

Le cifre supportano le recenti affermazioni dei funzionari politici secondo cui è necessario aumentare ulteriormente i tassi e mantenerli elevati per un po’ di tempo, e possibilmente a un livello più alto di quanto previsto in precedenza.

Il percorso verso la stabilità dei prezzi sarà probabilmente lungo e accidentato. La disinflazione dei beni che ha determinato il calo dell’inflazione complessiva negli ultimi mesi sembra perdere slancio e la solidità del mercato del lavoro continua a porre rischi al rialzo per la crescita dei salari e dei prezzi dei servizi.

I dettagli del rapporto sull’inflazione USA

Shelter

I dettagli del CPI hanno mostrato che lo shelter è stato di gran lunga il maggior contributore all’aumento mensile, rappresentando quasi la metà dell’aumento.

I costi degli alloggi, che rappresentano la maggiore componente dei servizi e costituiscono circa un terzo del CPI, sono aumentati dello 0,7% il mese scorso. Su base annuale, l’inflazione degli affitti e dello shelter ha raggiunto un massimo storico rispettivamente dell’8,56% e del 7,51%.

inflazione affitti USA gennaio 2023

A causa del modo in cui vengono calcolate le metriche immobiliari, c’è un ritardo significativo tra le variazioni dei prezzi in tempo reale e le statistiche del governo.

Il rapporto di gennaio ha incorporato nuovi pesi per il paniere dei consumatori per cercare di catturare più accuratamente le abitudini di spesa degli americani. I componenti dello shelter rappresentano ora una quota maggiore dell’indice complessivo, mentre le auto usate ne costituiscono una quota minore.

Servizi “core”

Gli americani hanno spostato una parte maggiore della loro spesa verso i servizi e la Fed, in particolare il presidente Jerome Powell, osserva da vicino quelli che escludono energia e alloggi per valutare le persistenza dell’inflazione.

I cosiddetti servizi core escluse le abitazioni sono aumentati dello 0,3%, in leggero calo rispetto al mese precedente. Si ritiene che i salari siano un fattore chiave della crescita in questa categoria. Detto questo, un calo mensile record dei servizi di assistenza medica ha pesato sulla cifra. Escludendo tale categoria, l’inflazione dei servizi è aumentata dello 0,8%, il massimo da settembre.

Ecco le variazioni mensili più significative:

  • Tariffe aeree: -2,1%;
  • Cibo a casa: +0,4%, l’aumento più basso da agosto 2021;
  • Farmaci da prescrizione: +2,1%, l’aumento più alto di sempre;
  • Case di cura: +1,4%, l’aumento più alto di sempre;
  • Abbigliamento: +0,8%, il massimo da dicembre 2021;
  • Riparazioni autoveicoli +2,7%, il massimo da agosto 2021.

I prezzi delle auto usate, un fattore chiave della disinflazione degli ultimi mesi, sono diminuiti per il settimo mese consecutivo mentre i prezzi dell’energia sono aumentati per la prima volta in tre mesi.

Salari

Mentre un forte mercato del lavoro ha sostenuto la crescita dei salari negli ultimi mesi, l’inflazione ha eroso quei guadagni all’inizio dell’anno. Un rapporto separato martedì ha mostrato che le retribuzioni orarie medie aggiustate all’inflazione sono diminuite dello 0,2% rispetto al mese precedente, il calo maggiore da giugno. La retribuzione è diminuita dell’1,8% rispetto all’anno precedente.

salari reali USA

Come si sono mossi i mercati?

Le revisioni annuali pubblicate venerdì hanno mostrato lievi ma notevoli aggiustamenti al rialzo dei dati sull’inflazione negli ultimi mesi del 2022.

Gli economisti si aspettano che l’inflazione USA scenda piuttosto bruscamente entro la fine del 2023, ma sono divisi sul fatto che un tale calo possa verificarsi senza far precipitare l’economia in recessione. Gran parte di ciò dipende da quanto lontano andrà la Fed. I responsabili politici avranno in mano i dati del CPI e il rapporto sull’occupazione di febbraio prima di incontrarsi il mese prossimo.

L’indice S&P 500 ha chiuso quasi piatto e il rendimento dei Treasury a due anni ha aggiunto più di 10 punti base dopo che i dati hanno mostrato che l’inflazione USA è rimasta elevata.

I trader hanno scontato una probabilità di quasi il 50% per un aumento del tasso di un quarto di punto a giugno, dopo aumenti simili a marzo e maggio.

previsioni aumenti tassi Fed

Gli indici azionari sono scesi quando il presidente della Federal Reserve Bank di Richmond, Thomas Barkin, ha dichiarato che la banca centrale potrebbe dover fare di più per combattere l’inflazione. Allo stesso tempo, il presidente della Fed di Dallas, Lorie Logan, ha affermato che gli aumenti dei tassi potrebbero durare per un periodo più lungo rispetto a quanto previsto in precedenza.

Le azioni hanno ridotto le perdite dopo che il presidente della Federal Reserve Bank di Filadelfia Patrick Harker ha affermato che i politici si stanno avvicinando ad un livello sufficientemente restrittivo dei tassi: “A mio avviso, non abbiamo ancora finito ma probabilmente siamo vicini”.

ARTICOLI CORRELATI:

Quanto è “persistente” l’inflazione in USA?

L’inflazione USA continua a scendere a dicembre

CPI USA di novembre sotto le stime conferma il picco dell’inflazione

Guarda l’inflazione degli affitti per valutare la politica monetaria della Fed

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.