Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

CPI USA di novembre sotto le stime conferma il picco dell’inflazione

Un indicatore chiave dei prezzi al consumo negli Stati Uniti ha registrato l’aumento mensile più piccolo in più di un anno, indicando che il picco dell’inflazione è probabilmente stato raggiunto e convalidando il previsto rallentamento del ritmo degli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve. Il core CPI USA di novembre, che esclude cibo ed energia, è aumentato dello 0,2% su base mensile e del 6% rispetto all’anno precedente.

Il CPI complessivo è aumentato dello 0,1% rispetto al mese precedente e del 7,1% su base annua, poiché i prezzi dell’energia più bassi hanno contribuito a compensare l’aumento dei costi alimentari. Il calo nella lettura annuale (-0,63 punti percentuali) è stato il più grande dal 2020. Le stime mediane degli economisti vedevano aumenti mensili dello 0,3% sia nelle misure core che in quelle complessive.

CPI USA novembre aumento più piccolo

L’ultimo rapporto sui prezzi al consumo del 2022 ha indicato un’inflazione che, sebbene troppo alta, sta iniziando a rallentare. Mentre la Fed probabilmente accoglierà con favore la decelerazione, il presidente Powell ha sottolineato sia l’impegno della banca centrale a riportare l’inflazione all’obiettivo della banca centrale sia l’incertezza delle prospettive.

Si prevede che la Fed aumenterà i tassi di mezzo punto percentuale oggi, un aumento minore rispetto a quello implementato nelle ultime quattro riunioni ma che porterebbe comunque i tassi d’interesse al livello più alto dal 2007.

L’inflazione dei servizi

Con gli economisti che si aspettano una continua moderazione dell’inflazione dei beni di base e un’eventuale svolta negli indicatori immobiliari il prossimo anno, l’attenzione si sta spostando sempre di più sui servizi di base per giudicare il percorso delle pressioni sui prezzi.

I prezzi dei servizi, esclusi i servizi energetici e gli affitti, sono aumentati solo dello 0,1% il mese scorso, dopo aver registrato aumenti dello 0,4% a ottobre e dello 0,8% a settembre. L’aumento anno su anno è stato del 6,2%, in calo rispetto al picco del 6,5% di settembre. Il presidente Powell ha recentemente indicato questa misura come potenzialmente più importante per determinare le prospettive dell’inflazione.

CPI USA novembre servizi

I costi degli alloggi, che costituiscono circa un terzo del CPI complessivo, sono aumentati dello 0,6% il mese scorso, l’aumento più piccolo in quattro mesi. Lo shelter ha dato il maggior contributo al guadagno mensile del CPI.

CPI USA novembre contributo mensile categorie

Mentre gli affitti sono aumentati dello 0,8% e l’affitto equivalente dei proprietari è aumentato dello 0,7%, il costo dell’alloggio fuori casa è sceso dello 0,7% dopo l’impennata del mese precedente. Sebbene i dati del settore privato indichino una stabilizzazione degli affitti in una serie di città in tutto il paese, c’è un ritardo tra i cambiamenti in tempo reale e quando questi si riflettono nei dati.

I movimenti mensili più rilevanti

I prezzi dei beni di base sono diminuiti per il secondo mese consecutivo a novembre, scendendo dello 0,5%. Di seguito le variazioni mensili più significative:

  • auto usate: – 2,9%,
  • abbigliamento: +0,2%
  • energia: -1,6%
  • cibo: +0,5%
  • tariffe aeree: -3%
  • assistenza medica: -0,7%

Pausa della Fed in vista?

I dati sull’inflazione negli Stati Uniti hanno offerto una prova più evidente che le pressioni sui prezzi hanno raggiunto il picco. Tuttavia, con l’inflazione complessiva annua ancora al di sopra del 7%, è troppo presto perché la Fed metta in pausa la rapida ascesa dei tassi di interesse.

La Fed potrebbe essere preoccupata per la ripresa dei salari, che a novembre sono aumentati dello 0,5% rispetto al mese precedente, ma erano comunque in calo dell’1,9% rispetto a un anno fa, secondo un rapporto separato. Salari più alti possono portare a prezzi al consumo più alti perché le aziende tendono a trasferire almeno una parte delle spese aggiuntive sui loro clienti.

Finora, il mercato del lavoro, sebbene lentamente in fase di raffreddamento, rimane forte. I datori di lavoro nella maggior parte dei settori continuano ad aggiungere posti di lavoro e aumentare i salari. Le aziende sono generalmente riluttanti a licenziare i lavoratori e ci sono ancora milioni di posizioni vacanti in tutta l’economia.

La reazione dei mercati al CPI USA di novembre

Dopo i dati sull’inflazione degli Stati Uniti, i trader di obbligazioni hanno tagliato le scommesse sugli aumenti dei tassi di interesse per il prossimo anno, propendendo per un aumento di un quarto di punto a febbraio. In totale, sono prezzati altri 84 punti base di aumenti nelle prossime due riunioni politiche (con una mossa di 50 punti base alla riunione di oggi ormai consolidata).

Il mercato degli swap sta ora prezzando un picco dei tassi del 4,85% entro maggio, in calo rispetto a quasi il 5% prima della stampa sull’inflazione. Dopodiché, sono prezzati 50 punti base di tagli dei tassi nella seconda metà del prossimo anno.

aspettative tassi Fed dopo CPI USA novembre

Le azioni hanno chiuso una sessione volatile con un guadagno dopo che i dati hanno indicato che il peggio dell’inflazione è probabilmente passato. I dati al di sotto delle stime sono stati brevemente celebrati con un’impennata delle azioni, ma la maggior parte dei guadagni è stata cancellata nel corso della sessione.

I titoli del Tesoro sono aumentati lungo tutta la curva, con il rendimento a due anni sensibile alla politica che è sceso di ben 24 punti base.

Il biglietto verde ha interrotto un rally di due giorni. Allo stesso tempo, l’euro e la sterlina hanno beneficiato dei dati più deboli sull’inflazione statunitense. Lo yen ha sovraperformato.

Il petrolio ha esteso i sui guadagni, con il greggio Brent di nuovo sopra gli 80 $.

ARTICOLI CORRELATI:

Inflazione statunitense sotto le aspettative a ottobre: salgono azioni e obbligazioni

Inflazione secolare: le tendenze globali che contribuiscono al cambiamento di regime inflazionistico

Il CPI di settembre batte le aspettative mantenendo la Fed sul suo percorso aggressivo di aumento dei tassi

Inflazione USA ad agosto supera le aspettative

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.