Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Inflazione secolare: le tendenze globali che contribuiscono al cambiamento di regime inflazionistico

Dopo un lungo regime di deflazione, sembra che l’economia sia spinta verso un nuovo e più difficile equilibrio. Sebbene ci siano fattori transitori che stanno guidando l’inflazione dell’era post-pandemica, si possono riconoscere anche delle tendenze che farebbero pensare a un’inflazione secolare.

Cosa si intende per inflazione secolare?

Per inflazione secolare si intende un periodo prolungato di aumento dei prezzi. E’ un tipo di inflazione “cronica”, che continua a persistere per un lungo periodo di tempo. L’aumento dei prezzi è graduale piuttosto che drastico.

Sebbene sia più comunemente usata per descrivere un tasso di inflazione moderato, l’inflazione secolare può essere utilizzata per descrivere la maggior parte dei tassi di inflazione che sono distribuiti su lunghi periodi di tempo. Questo tipo di inflazione può essere costante (senza molti movimenti verso il basso) o intermittente (che si verifica a intervalli regolari).

Poiché qualsiasi tendenza secolare richiede tempo per materializzarsi, l’inflazione secolare spesso non viene riconosciuta fino a quando non è diventata una forza radicata ed evidente. I fattori che più influenzano l’inflazione secolare sono la crescita dell’offerta di moneta, la composizione della popolazione, la mobilità del lavoro, il commercio internazionale, l’apertura dei mercati finanziari e i disastri naturali.

La deflazione degli ultimi 40 anni

Per quasi quarant’anni, il mondo è stato testimone di un calo generale dei prezzi e di una minore incertezza sull’inflazione. Questa tendenza è stata guidata da molti fattori, tra cui l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro, la globalizzazione, la maggiore integrazione economica globale, l’aumento della mobilità del lavoro e dei progressi tecnologici.

Ogni volta che si verifica un aumento della domanda, la risposta del mercato per ripristinare l’equilibrio sarà una combinazione di espansione dell’offerta e aumento dei prezzi e, negli ultimi decenni, l’espansione dell’offerta ha chiaramente dominato, creando pressioni deflazionistiche che sono diventate scontate.

Cosa sta cambiando?

Il contesto globale che ha contribuito alle tendenze disinflazionistiche negli ultimi decenni è messo sotto pressione. Politiche monetarie e fiscali accomodanti, unite all’aumento del debito, hanno costituito un mix inflazionistico.

La produttività

La produttività dei mercati sviluppati è stata anemica negli ultimi decenni. L’effetto inflazionistico è stato compensato da guadagni di produttività altrove, in particolare in Cina. L’impulso disinflazionistico derivante da maggiori guadagni di produttività in Cina è stato esportato in tutto il mondo attraverso l’aumento dei legami commerciali globali. La globalizzazione in stallo e l’indebolimento della produttività cinese potrebbero invertire la tendenza disinflazionistica dominante negli ultimi due decenni.

cina produttività declino inflazione secolare

Gli aspetti demografici

La capacità produttiva sottoutilizzata nell’economia globale è diminuita mentre la domanda globale è cresciuta, poiché decine di milioni di consumatori si sono uniti alla classe media. Allo stesso tempo, l’elasticità delle catene di approvvigionamento globali è diminuita, aumentando il potere contrattuale dei lavoratori nelle economie avanzate.

La prova di ciò non è difficile da trovare. L’organizzazione sindacale si sta espandendo e i datori di lavoro hanno difficoltà a spazzare via le preferenze dei dipendenti per il lavoro ibrido.

La popolazione nei paesi che rappresentano oltre il 75% del PIL globale sta invecchiando. Nonostante l’aumento della longevità, questa tendenza implica una riduzione dell’offerta di lavoro e un aumento dei rapporti di dipendenza, senza una riduzione comparabile della domanda. Questi e altri fattori stanno alimentando pressioni al rialzo sui salari.

La tecnologia

Mentre è probabile che ci saranno continue forze deflazionistiche derivanti dal progresso tecnologico, le fasi successive di tale cambiamento si svolgeranno in uno scenario geopolitico e del mercato del lavoro radicalmente diverso.

Le prime fasi del cambiamento tecnologico si sono svolte in un mondo sempre più aperto con un commercio libero. La fase successiva potrebbe svolgersi in un mondo in rapido passaggio dal world wide web alla regionalizzazione del cyberspazio.

Le catene di approvvigionamento

È in corso un processo di diversificazione delle catene di approvvigionamento. Da essere costruite interamente sull’efficienza a breve termine e sulla base del vantaggio comparativo, le filiere diversificate saranno più resilienti ma anche più costose.

Le tensioni geopolitiche

I governi stanno sostenendo politiche (come tariffe, sussidi o divieti) volte a spostare i modelli commerciali dei loro paesi verso alleati strategici. Questa è in parte una risposta a potenziali interruzioni associate al crescente uso del commercio e della finanza per ottenere un effetto leva nelle relazioni internazionali.

Sebbene si possa discutere dei vantaggi in termini di sicurezza di queste politiche, esse sono chiaramente inflazionistiche, poiché spostano esplicitamente le catene di approvvigionamento dalle fonti a basso costo.

Ad esempio, a causa della guerra della Russia in Ucraina, l’Europa ha abbracciato una diversificazione del suo sistema energetico per porre fine alla sua dipendenza dai combustibili fossili russi. Questo processo porterà a costi energetici più elevati nel lungo periodo, almeno fino a quando le tecnologie per l’energia rinnovabile non saranno implementate completamente tra diversi decenni.

I livelli di debito

Il debito globale rimane a livelli elevati a causa della pandemia e il contesto odierno di aumento dei tassi di interesse significa che lo spazio fiscale è destinato a contrarsi. Tuttavia, si prevede che la transizione verso l’energia pulita richiederà circa 3 trilioni di dollari di investimenti all’anno per i prossimi tre decenni. Gran parte di questa somma sarà probabilmente finanziata con il debito e l’aumento della domanda aggregata in un contesto globale già limitato dall’offerta creerà un’ulteriore pressione inflazionistica.

debito globale record
ARTICOLI CORRELATI:

Le cause dell’inflazione attuale

Il CPI di settembre batte le aspettative mantenendo la Fed sul suo percorso aggressivo di aumento dei tassi

A che punto si trova Powell nella sua lotta contro l’inflazione?

Inflazione USA ad agosto supera le aspettative

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.