Le cause dell’inflazione attuale

L’inflazione è rimasta a livelli ben al di sopra dell’obiettivo di inflazione del 2% della Federal Reserve per oltre un anno. Secondo uno studio della Fed di San Francisco, le cause dell’inflazione attuale sono da attribuire all’offerta.

I fattori dell’offerta spiegano circa la metà dell’aumento dell’indice delle spese per consumi personali (PCE Price Index). I fattori della domanda sono responsabili di circa un terzo, mentre la restante parte dell’aumento risulta da fattori ambigui, che non appartengono cioè ne alla domanda ne all’offerta.

Le cause dell’inflazione attuale e l’influenza dei fattori della domanda e dell’offerta hanno importanti implicazioni per la politica monetaria. Come ha affermato Powell in una recente intervista, la Fed può controllare la domanda, ma non ha il potere di influenzare l’offerta. La realizzazione di un soft landing potrebbe quindi dipendere da fattori fuori dal controllo della banca centrale.

La metodologia alla base dello studio

Per il suo studio Adam Hale Shapiro, economista della Fed di San Francisco, ha diviso le categorie nel paniere del PCE in gruppi guidati dall’offerta e dalla domanda. Le categorie guidate dalla domanda sono identificate come quelle in cui una variazione inaspettata del prezzo si muove nella stessa direzione della variazione inaspettata della quantità in un determinato mese. Le categorie guidate dall’offerta sono identificate come quelle in cui variazioni impreviste di prezzo e quantità si muovono in direzioni opposte.

Ogni mese vengono stimate le variazioni del livello di prezzo e del livello di quantità di ciascuna categoria. È importante isolare le componenti impreviste delle variazioni di prezzi e quantità, in contrapposizione al semplice cambiamento stesso. L’estrazione delle componenti impreviste delle variazioni mensili di prezzo e quantità per ciascuna categoria è un processo ottenuto con delle regressioni.

I risultati dello studio

I fattori dell’offerta spiegano circa la metà della differenza tra l’attuale inflazione PCE e i livelli di inflazione pre-pandemia e gli effetti sembrano essere aumentati di recente. I fattori della domanda sono responsabili di circa un terzo della differenza tra i due livelli. Gli effetti della domanda sono diminuiti recentemente. Il resto è dovuto a fattori che non possono essere definiti in modo definitivo come domanda o offerta.

In particolare, le categorie con variazioni di prezzo guidate dall’offerta nel 2021 e nel 2022 includono prodotti con vincoli di fornitura noti durante la pandemia, come automobili nuove, carburante e servizi di riparazione. Le categorie con variazioni di prezzo guidate dalla domanda durante questo periodo includono molti beni consumati a casa, ad esempio mobili, abbigliamento, giocattoli, apparecchiature video e pentole, nonché servizi come i ristoranti e musei.

le cause dell'inflazione
I contributi al PCE YoY dell’offerta (verde), della domanda (blu) e dei fattori ambigui (giallo) tra il 1998 e il 2022

Le cause dell’inflazione nel periodo della pandemia

Per capire se i fattori della domanda o dell’offerta siano responsabili degli attuali livelli di inflazione elevati, lo studio confronta l’attuale inflazione con i livelli medi dei 10 anni precedenti alla pandemia. Durante il periodo pre-pandemia, l’inflazione PCE è stata in media dell’1,5%. Il grafico seguente confronta i contributi più recenti dell’inflazione guidata dall’offerta nel riquadro A e dell’inflazione guidata dalla domanda nel riquadro B con le rispettive medie del periodo 2010-2019.

le cause dell'inflazione

L’inflazione guidata dall’offerta sta attualmente contribuendo con 2,5 punti percentuali in più rispetto alla sua media pre-pandemia, mentre l’inflazione guidata dalla domanda con 1,4 punti percentuali in più. Pertanto, l’inflazione guidata dall’offerta spiega poco più della metà del divario di 4,8 punti percentuali tra gli attuali livelli di inflazione PCE YoY e il livello medio pre-pandemia.

Le cause dell’inflazione core e degli aumenti mensili

Ripetendo lo stesso esercizio con l’inflazione PCE core, che esclude le categorie alimentari ed energetiche storicamente volatili, si ottengono modelli simili. Tuttavia, i fattori della domanda e dell’offerta spiegano ciascuno circa la metà degli elevati livelli di inflazione core. In particolare, i fattori guidati dall’offerta e dalla domanda spiegano ciascuno circa il 45% del divario di 3,3 punti percentuali tra gli attuali livelli di inflazione PCE core YoY e il livello medio pre-pandemia.

Infine, nello studio vengono valutati i contributi alle variazioni mensili annualizzate dell’inflazione PCE headline. Ciò fornisce una rappresentazione più frequente di come i fattori della domanda e dell’offerta hanno influenzato l’inflazione durante il periodo della pandemia. Nel grafico successivo viene mostrata la scomposizione dei contributi negli ultimi cinque anni.

le cause dell'inflazione

Il calo dell’inflazione all’inizio della pandemia è stato determinato da una diminuzione dei fattori della domanda, mentre vale il contrario per l’impennata dell’inflazione nel marzo 2021. Durante questo periodo l’economia ha iniziato a riaprirsi e la politica fiscale ha ulteriormente stimolato i fattori della domanda. Questi fattori hanno iniziato a rallentare nell’estate del 2021 con un aumento delle infezioni da COVID-19, ma la domanda è riemersa in autunno quando l’onda Delta si è attenuata.

Nel frattempo, nell’aprile 2021 hanno iniziato a manifestarsi i fattori dell’offerta, indicando una risposta leggermente ritardata dalla riapertura dell’economia. L’inflazione guidata dall’offerta è rimasta elevata da allora e ha subito un’accelerazione recentemente. Questa accelerazione è attribuibile alle interruzioni dell’approvvigionamento alimentare ed energetico, comprese quelle associate all’invasione dell’Ucraina.

Conclusioni

Il grande impatto dei fattori legati all’offerta implica che le pressioni inflazionistiche non si placheranno completamente fino a quando la carenza di manodopera, i vincoli di produzione e i ritardi di spedizione non saranno risolti. Sebbene sia ampiamente previsto che le interruzioni dell’approvvigionamento si attenueranno quest’anno, questo risultato è altamente incerto.

ARTICOLI CORRELATI:

Inflazione nel Regno Unito al massimo degli ultimi 40 anni

Banche centrali: come stanno influenzando i mercati finanziari?

Inflazione negli Stati Uniti: scomponiamo la lettura di maggio

Il picco dell’inflazione è vicino?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.