Inflazione negli Stati Uniti: scomponiamo la lettura di maggio

L’inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto l’8,6% su base annua a maggio. I costi dei servizi hanno continuato a salire, cosa da tenere d’occhio perché è lì che i consumatori spendono la maggior parte dei loro soldi. Inoltre, l’inflazione dei servizi non è correlato ai picchi “transitori” delle materie prime.

I costi della benzina e del gas naturale sono esplosi. L’energia ha registrato un aumento del 3,9% rispetto a aprile e del 34,6% su base annua. Il costo del cibo è aumentato di oltre il 10%.

Nel paniere di beni e servizi utilizzato per il CPI, ci sono sempre alcune voci che diminuiscono o rimangono stabili e altre che aumentano. Il tutto viene confrontato con i livelli di un anno fa, il che getta l’effetto base nel mix. Ciò fa si che i tassi del CPI anno su anno non siano mai una linea retta. Tuttavia, in questo ciclo inflazionistico, abbiamo avuto un rialzo quasi rettilineo, interrotto solo da due eventi che hanno dato false speranze.

inflazione negli Stati Uniti

Il potere d’acquisto del dollaro

L’inflazione negli Stati Uniti tiene traccia della perdita del potere d’acquisto del dollaro. A maggio, il potere d’acquisto di $ 100 indicizzato al 1° gennaio 2000 è sceso a $ 57,80. E’ per questo che l’inflazione attuale sta mettendo di cattivo umore gli americani.

il potere d'acquisto del dollaro

L’inflazione dei servizi negli Stati Uniti

Il CPI dei servizi è aumentato dello 0,8% rispetto al mese precedente e del 5,7% rispetto a un anno fa, il peggiore aumento dal 1990. I servizi includono i costi dell’alloggio, di cui parleremo in dettaglio, e altre voci:

Assicurazione sanitaria: +13,8%
Tariffe aeree: +37,8%
Sistemazione in hotel e motel: +22,2%
Servizi di consegna: +16,4%
Servizi di lavanderia e tintoria: +10,1%

inflazione negli Stati Uniti

Il CPI dello shelter

Il CPI dello shelter rappresenta il 32,4% del CPI totale e riflette i costi abitativi. Le componenti più importanti all’interno di questo paniere sono l’affitto della residenza principale (rent of primary residence) e l’affitto di residenza del proprietario (owner equivalent rent OER).

L’affitto della residenza primaria è balzato dello 0,6% nel mese di maggio e del 5,2% anno su anno. Misura ciò che un gruppo molto ampio di inquilini ha riportato come la variazione nel tempo dei pagamenti dell’affitto.

L’OER è balzato dello 0,6% rispetto a aprile e del 5,1% anno su anno. Misura i costi della proprietà di una casa, sulla base di quanto un gruppo molto ampio di proprietari di case chiederebbe per l’affitto.

inflazione negli Stati Uniti

Il CPI degli affitti

Le misure di affitto del CPI tengono traccia degli aumenti di affitto effettivamente sperimentati dagli inquilini. Lo Zillow Rent Index è salito alle stelle a partire dall’estate del 2021. Su base annua, a maggio è balzato del 16,4%, un incremento minore dei precedenti. Gli affitti però tendono ad essere in ritardo rispetto allo Zillow Rent Index ed è probabile che continueranno a salire anche se l’indice di Zillow ha fatto marcia indietro.

inflazione negli Stati Uniti

I beni non durevoli

L’inflazione dei beni non durevoli è dominato da cibo, benzina, servizi pubblici e forniture per la casa. Include anche veicoli nuovi e usati, elettronica di consumo, mobili, elettrodomestici, ecc. Dopo essere aumentato solo dello 0,3% su base mensile ad aprile alimentando le false speranze, è aumentato del 2,1% a maggio e del 14,3% anno su anno, il picco peggiore dall’aprile 1980. Il “cibo fuori casa”, come quello di distributori automatici, caffetterie, paninoteche e ristoranti, è aumentato dello 0,7% nel mese e del 7,4% anno su anno, il massimo da novembre 1981.

inflazione negli Stati Uniti

L’inflazione dei beni durevoli negli Stati Uniti

Da un mese all’altro, il CPI per i beni durevoli è aumentato dello 0,1% a maggio, dopo essere rimasto pressoché invariato ad aprile, ed essere diminuito a marzo. Anno su anno, i beni durevoli sono aumentati dell’11,4%, in calo rispetto al picco del 18,7% di febbraio.

Il calo mensile del CPI dei beni durevoli a marzo e aprile avevano dato origine a false speranze secondo cui l’inflazione aveva toccato “il picco”. Quello che possiamo dire è che l’aumento dei prezzi dei beni durevoli potrebbe in effetti aver raggiunto il picco e che l’inflazione si è spostata dai beni durevoli ai servizi.

Il CPI dei veicoli usati, dopo essere diminuito su base mensile per tre mesi consecutivi, è aumentato nuovamente a maggio. Il grafico che segue mostra il valore dell’indice, non la variazione percentuale.

inflazione negli Stati Uniti

Chiaramente, il CPI dei veicoli usati ha raggiunto il picco a livelli assolutamente folli. E’ molto probabile che l’aumento di questa categoria si placherà nel 2022.

Il CPI dei veicoli nuovi è aumentato dell’1,0% per il mese e del 12,6% anno su anno, il secondo peggior aumento in assoluto nei dati risalenti agli anni ’50. Tuttavia, alcuni modelli stanno ora iniziando a vedere scorte in aumento in mezzo al continuo calo delle vendite, che potrebbe eventualmente ridurre questo indice dei prezzi.

L’inflazione core negli Stati Uniti

Il core CPI, che esclude le componenti alimentari ed energetiche volatili, tiene traccia dell’inflazione nell’economia in generale. Su base mensile, è balzato dello 0,6% a maggio, accelerando da febbraio e marzo. Anno su anno, è aumentato del 6%, il terzo aumento peggiore dal 1982.


ARTICOLI CORRELATI:

Mercato obbligazionario: tra inflazione e rischio recessione

Il picco dell’inflazione è vicino?

Frenare l’inflazione senza una recessione

La reazione dei mercati finanziari all’inflazione USA

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.
Cookie Policy