A che punto si trova Powell nella sua lotta contro l’inflazione?

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parlerà al simposio del Jackson Hole alla fine di questa settimana. Come dopo l’evento dello scorso anno, in cui il presidente ha affermato che le pressioni inflazionistiche erano transitorie, non mancheranno le critiche alle sue affermazioni. L’opinione più diffusa tra economisti e investitori è che la Fed abbia fatto troppo poco e troppo tardi per arginare l’aumento dei prezzi. Vale quindi la pena analizzare a che punto si trova Powell nella sua lotta contro l’inflazione.

E’ vero! La Fed ha continuato a mantenere i tassi intorno allo 0% fino al 2021 quando avrebbe dovuto iniziare ad aumentarli. Per rimediare a questi errori, Powell dovrà convincere il pubblico di essere determinato a continuare la sua lotta. Ci si aspetta quindi che nel suo discorso al simposio tenga un tono decisamente hawkish.

Cosa ha già fatto la Fed?

Dall’inizio di quest’anno, la Fed ha inasprito la politica monetaria con aumenti dei tassi che non si vedevano da decenni. A luglio ha proceduto con il secondo aumento consecutivo di 75 punti base, portando il tasso di riferimento in un range di 2,25%-2,50%. Le mosse di giugno e luglio rappresentano l’azione consecutiva più forte da quando la Fed ha iniziato a utilizzare il tasso fed funds come principale strumento di politica monetaria all’inizio degli anni ’90.

tassi fed funds effettivi

Il 9 marzo di quest’anno la Fed ha posto fine al quantitative easing iniziato a marzo 2020 e dal 1° giugno ha avviato il programma di quantitative tightening (QT), riducendo il proprio bilancio di $ 45 miliardi al mese durante l’estate. Dal primo settembre il ritmo di riduzione raddoppierà a $ 90 miliardi al mese.

attività bilancio Fed
Il bilancio della Fed

I risultati ottenuti finora

Sebbene il tasso sui fondi federali influisca più direttamente su ciò che le banche si addebitano a vicenda per i prestiti a breve termine, è in grado di influenzare una moltitudine di prodotti di consumo come i mutui, i prestiti automobilistici e le carte di credito. Mentre i consumi continuano a reggere, grazie anche al debito che i consumatori stanno assumendo, il mercato immobiliare sta già subendo una flessione.

Il tasso sui mutui a 30 anni è aumentato fino al 5,8% dal 3,2% all’inizio dell’anno. Ciò, accoppiato a prezzi delle case alle stelle, ha portato l’accessibilità delle case ai minimi storici. I potenziali acquirenti si sono ritirati e le vendite stanno crollando. Per cercare di mantenere stabili le vendite e evitare le cancellazioni degli accordi, i costruttori di case stanno tagliando i prezzi. La diminuzione dei prezzi delle case avrà un effetto ritardato sull’inflazione di affitti e shelter.

tassi mutui USA

L’Indice delle condizioni finanziarie della Fed di Chicago, che misura quanto sia difficile per i consumatori e le imprese ottenere prestiti, è salito da quando la Fed ha iniziato il suo inasprimento. Una lettura dell’indice sotto lo zero rappresenta condizioni relativamente facili mentre se è sopra lo zero sono relativamente difficili.

Dalla Grande Recessione, l’indice è stato sopra lo zero solo due volte: all’indomani della crisi del tetto del debito dell’estate 2011 e durante i primi mesi del lockdown del 2020. Subito dopo che Powell ha annunciato l’aumento dei tassi di interesse di 75 punti base e ha affermato che li avrebbe aumentati per tutto il tempo necessario, l’indice si è avvicinato allo zero.

indice condizioni finanziarie

Powell e la disoccupazione

Dopo l’incontro di luglio, Powell ha chiarito che non esiste un compromesso tra inflazione e occupazione. Ad un certo punto, le azioni per stabilizzare i prezzi peseranno anche sul mercato del lavoro.

Ci sono dei leading indicator che già preannunciano questo fatto. Uno di questi è la media a 4 settimane delle richieste per i sussidi di disoccupazione. Anche se il livello a cui si trova è storicamente molto basso, il ritmo con cui sta aumentando è al di sopra della media storica in prossimità di una recessione.

richieste sussidi disoccupazione USA

Le offerte di lavoro del JOLTS report hanno iniziato a ribaltarsi. A confermare la discesa sono i dati settimanali di Indeed e le innumerevoli dichiarazioni delle aziende in cui annunciano tagli al personale.

L’occupazione nel settore manifatturiero, uno dei comparti più ciclici dell’economia, è già passata in territorio di contrazione secondo i dati dell’ISM.

Ci sono anche alcuni segnali che indicano che la crescita salariale potrebbe aver raggiunto il picco. La crescita salariale si è spostata seguendo l’andamento del rapporto tra numero di disoccupati e offerte di lavoro.

rapporto disoccupati offerte lavoro USA

Anche il tasso di licenziamento tende a guidare la crescita salariale. Questo dato è diminuito in modo significativo sulla base del tasso di variazione.

La posizione di Powell è che qualsiasi aumento della disoccupazione necessario per portare l’inflazione al 2% vale la pena di essere assorbito a breve termine.

Il tasso neutrale

La Fed ha quasi raggiunto il livello neutrale dei tassi di interesse. Secondo alcuni economisti però, con un’inflazione core tra il 4% e il 5%, i tassi d’interesse dovrebbero essere al di sopra di questa soglia.

tasso interesse neutrale

Dopo l’adozione da parte di Powell dell’ipotesi dell’inflazione transitoria durante il Jackson Hole dello scorso anno, colpirlo ora è molto facile. Tuttavia, le parole e le azioni di Powell dall’inizio di quest’anno hanno puntato nella giusta direzione.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa aspettarsi dal Jackson Hole

In che modo l’aumento dei tassi viene trasmesso all’economia? Il ruolo delle condizioni finanziarie

La strada per il ritorno dell’inflazione al 2% non è spianata

Il picco dell’inflazione? Il CPI di luglio è inferiore alle aspettative

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy