Il rallentamento del mercato immobiliare

I segnali di rallentamento del mercato immobiliare sono ormai ovunque. Gli ultimi arrivano dai dati sulle vendite e sui prezzi delle nuove case, che sono crollati a giugno mentre l’inventario è salito ai massimi dal 2008. La scorsa settimana invece la National Association of Realtors ha riferito che anche le vendite di case esistenti a giugno sono crollate. A condire il tutto è stato l’S&P CoreLogic Case-Shiller Home Price Index che, sebbene sia un indicatore affidabile delle variazioni effettive dei prezzi delle case, è fortemente in ritardo.

La lettura dell’indice Case-Shiller uscita questa settimana si riferisce al mese di maggio e si basa sulle vendite registrate a marzo, aprile e maggio e su accordi fatti precedentemente. I segnali di rallentamento del mercato immobiliare si stanno insinuando nell’S&P CoreLogic Case-Shiller Home Price Index: su base mensile l’indice ha mostrato una decelerazione a maggio, guadagnando l’1,5% da aprile, in calo rispetto ai guadagni del 2,3% e del 2,6% nei due mesi precedenti.

Il prezzo medio delle case

Il prezzo mediano delle nuove case unifamiliari vendute a giugno è crollato del 9,5% da maggio, a $ 402.400. Questo valore è il più basso da giugno dello scorso anno. Il calo di giugno ha ridotto il guadagno anno su anno al 7,4%, da più del 20% in primavera.

il rallentamento del mercato immobiliare

I dati mensili dei prezzi mediani sono molto “rumorosi” e quindi è necessario prestare attenzione. Tuttavia, un calo del genere si è verificato solo altre tre volte nella storia dei dati che risalgono al 1965: durante la recessione del 1981, il crollo delle abitazioni nell’ottobre 2010 e a settembre 2014.

Con i tassi ipotecari a questi livelli, i potenziali acquirenti sono titubanti. I costruttori di case stanno rispondendo al calo della domanda tagliando i prezzi per incentivare le vendite. Secondo la misura di Freddie Mac, il tasso ipotecario medio a 30 anni è stato del 5,54% nell’ultima settimana di riferimento, superiore al 5% di metà aprile.

il rallentamento del mercato immobiliare

La scorsa settimana il più grande costruttore di case, D.R. Horton, ha dichiarato nel suo rapporto sugli utili che l’aumento del tasso di cancellazione nel trimestre in corso riflette principalmente la moderazione della domanda causata dall’aumento dei tassi sui mutui e dall’inflazione.

La vendita e l’inventario di case

Le vendite di nuove case unifamiliari sono diminuite dell’8,1% da maggio, a un tasso annuo destagionalizzato di 590.000 case, appena al di sopra del lockdown di aprile 2020. Su base annuale sono calate del 17,4%.

il rallentamento del mercato immobiliare

Simili cali delle vendite si sono verificati con le case esistenti, che sono crollate del 14% a giugno rispetto a un anno fa. Le case in vendita in tutte le fasi di costruzione hanno continuato ad accumularsi da agosto 2020. A giugno le case in vendita hanno raggiunto i 457.000, il numero più alto da maggio 2008.

il rallentamento del mercato immobiliare


L’offerta di nuove case invendute è aumentata a 9,3 mesi di vendite, come a maggio 2010, il livello più alto da aprile 2009, durante la crisi immobiliare.

il rallentamento del mercato immobiliare

Il sentiment dei costruttori di case

I costruttori di case hanno dovuto affrontare carenze di materiali, forniture e manodopera che hanno ritardato i progetti e il completamento delle case.

I costi di costruzione delle case unifamiliari, esclusi i costi dei terreni e altri costi non edilizi, sono aumentati del 17% anno su anno, il peggior picco dei costi di costruzione mai registrato nella storia dei dati che risalgono al 1964. Giugno è stato il 14° mese consecutivo di aumenti a due cifre.

il rallentamento del mercato immobiliare

Non sorprende che il sentiment dei costruttori di case abbia registrato il calo più grande dall’inizio della pandemia e il secondo più grande nella storia dei dati. Il pessimismo è aumentato anche per via dell’inflazione e dei tassi di interesse più elevati che hanno danneggiato il traffico e le vendite degli acquirenti.

il rallentamento del mercato immobiliare

Nonostante un potente rally estivo, le azioni dei costruttori di case sono scese tra il 24% e il 36% da inizio anno, sottoperformando l’S&P 500.

le azioni dei costruttori di case

Il mercato immobiliare è un leading indicator

Le persone spendono molto per le loro case e ciò che ci sta dentro, il che significa che il rallentamento del mercato immobiliare può fornire informazioni utili sulle prospettive dell’attività economica con mesi di anticipo.

Il mercato immobiliare rappresenta dal 15% al ​​18% del PIL degli Stati Uniti, secondo i dati della National Association of Home Builders. In altre parole, un mercato immobiliare debole o forte può avere un’influenza sostanziale sulla direzione complessiva dell’economia.

Tra i dati più importanti rilasciati mensilmente dall’US Census Bureau ci sono le housing starts e i building permits. Il continuo declino delle housing starts rallenta l’economia e può spingerla in una recessione. I building permits sono una forma di permesso o autorizzazione concessa dal governo o da altri organismi per la costruzione di un edificio nuovo o esistente legalmente. Secondo gli economisti, il numero di permessi rilasciati è direttamente proporzionale al sentiment economico e agli investimenti in costruzioni. In altre parole, all’aumentare del numero di permessi rilasciati, si vede migliorare il sentiment dell’economia e gli investimenti.

ARTICOLI CORRELATI:

Economia cinese: tra i lockdown e la crisi immobiliare

Mercato immobiliare USA: riuscirà a sopravvivere alla Fed?

I rischi per i mercati finanziari: quali sono le aree da tenere d’occhio?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.