Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Il picco dell’inflazione? Il CPI di luglio è inferiore alle aspettative

Il CPI statunitense è diminuito più del previsto a luglio, aumentando la speculazione che l’inflazione abbia ormai raggiunto il picco e che la Fed possa permettersi di procedere in maniera meno aggressiva con gli aumenti dei tassi d’interesse.

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato dell’8,5% rispetto all’anno precedente, raffreddandosi dal 9,1% di giugno. I prezzi sono rimasti invariati rispetto al mese precedente (0% m/m). Il cosiddetto core CPI, che esclude le componenti alimentari ed energetiche più volatili, è aumentato dello 0,3% rispetto a giugno e del 5,9% rispetto a un anno fa.

I contributi mensili al CPI

La lettura mensile del CPI è stata il risultato di un calo dei prezzi dell’energia (-4,9%), che è stato il più drastico dall’inizio della pandemia. La diminuzione dei costi energetici ha compensato l’aumento dei prezzi del cibo (+1,1 m/m).

I prezzi della benzina sono scesi del 7,7% a luglio, il massimo da aprile 2020, dopo essere aumentati dell’11,2% un mese prima. I prezzi delle utenze sono diminuiti del 3,6%, il calo più grande da maggio 2009.

Gli affitti, i fattori principali dell’inflazione core, sono rimasti elevati (+0,7%m/m) ma, come sappiamo, sono dati in ritardo e il mercato immobiliare sta già rallentando grazie agli effetti degli aumenti dei tassi e dell’eccesso di offerta. Lo shelter si è moderato leggermente (+0,5% m/m) sulla scia di un calo mensile del 2,7% degli alloggi.

Per quanto riguarda i servizi, l’aumento dei prezzi è sceso allo 0,4% m/m, trainato da un calo del -0,5% nei servizi di trasporto.

CPI luglio 2022 picco inflazione

Segnali positivi arrivano dalla misura dell’ampiezza dell’inflazione. La lettura di luglio ha mostrato che il 71,8% del paniere del CPI sta aumentando a oltre il 4% su base annualizzata dei dati mese su mese, in calo dal massimo di giugno del 74,8%.

CPI luglio variazione mensile

L’aumento dei prezzi del cibo e il costo della vita

Il picco dell’inflazione può anche essere stato raggiunto ma il CPI rimane eccessivamente alto. Nonostante il raffreddamento dei prezzi del gas e delle auto usate offra un po’ di tregua ai consumatori, il costo del cibo continua ad aumentare.

I prezzi complessivi dei generi alimentari sono aumentati del 10,9% rispetto all’anno precedente, il più grande aumento dal 1979. Diversi prodotti essenziali come i cereali e alcuni prodotti lattiero-caseari hanno registrato aumenti record anno su anno.

Il costo della vita degli americani è ancora dolorosamente alto, costringendo molti a caricare le loro carte di credito e drenare i risparmi.

Le aspettative del mercato sugli aumenti dei tassi

La decelerazione maggiore del previsto nel tasso di crescita dei prezzi al consumo ha ristabilito un aumento del tasso di mezzo punto come il risultato più probabile della riunione della Fed a settembre, al posto di un altro aumento di tre quarti di punto.

aspettative tassi Fed settembre 2022
Le aspettative sugli aumenti dei tassi calcolate con il FedWatch Tool del CME

Gli swap che fanno riferimento alla riunione della Fed di settembre hanno prezzato un inasprimento di 60 punti base, in calo rispetto a 67 punti base. Il mercato ha anche rivalutato il probabile picco del tasso ufficiale della Fed (terminal rate), abbassandolo di circa cinque punti base al 3,62% nella prima parte del 2023.

Mercato obbligazionario e curva dei rendimenti

I rendimenti dei Treasury a due anni sono scesi di cinque punti base dopo un calo di quasi 20 punti base subito dopo l’uscita dei dati sull’inflazione. La diminuzione delle aspettative sugli aumenti dei tassi ha lasciato lo spread chiave della curva dei rendimenti (10/2 anni) meno invertito. Il rendimento a due anni ha chiuso a 44 punti base più in alto rispetto al rendimento a 10 anni. Subito dopo l’uscita dei dati lo spread è arrivato a -51 bps.

inversione curva rendimenti

Mercato azionario e asset di rischio

Gli indici azionari hanno festeggiato il picco dell’inflazione, con l’S&P 500 che è aumentato del 2,07% e il Nasdaq del 2,8%. Le small cap hanno sovraperformato (+2,9%) mentre il Dow Jones è stato l’underperformer.

Bitcoin non si è lasciato impressionare (+2,6%). In questo ultimo rimbalzo risk-on la criptovaluta ha continuato ad essere in ritardo rispetto al Nasdaq, l’indice con cui è maggiormente correlato.

Cosa pensano i funzionari della Fed del picco dell’inflazione

I funzionari della Federal Reserve hanno risposto al picco dell’inflazione dicendo che gli ultimi dati non cambiano il percorso della banca centrale verso tassi d’interesse ancora più alti quest’anno e il prossimo.

Il presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari, che prima della pandemia era il decisore politico più accomodante del FOMC, ha dichiarato mercoledì di volere il tasso fed funds al 3,9% entro la fine di quest’anno e al 4,4% entro la fine del 2023.

Il presidente della Fed di Chicago Charles Evans ha accolto con favore la notizia del picco dell’inflazione, ma ha aggiunto che il CPI rimane inaccettabilmente alto. Ha inoltre affermato di aspettarsi che la Fed aumenti i tassi nella restante parte dell’anno e nel prossimo.

Mary Daly, la presidente della Federal Reserve di San Francisco, nelle sue osservazioni dopo la stampa del CPI, ha affermato che è troppo presto per dichiarare vittoria nella lotta all’inflazione. Non ha escluso un terzo aumento consecutivo di 75 punti base a settembre e ha respinto le aspettative degli investitori di una svolta verso i tagli dei tassi nel 2023.

Anche Kashkari pensa che non sia realistico concludere che la Fed inizierà a tagliare i tassi all’inizio del prossimo anno ma ha concluso che è più probabile che la banca centrale si fermi ad un certo punto.

ARTICOLI CORRELATI:

Inflazione statunitense al 9,1%

In che modo i tassi d’interesse influenzano l’inflazione?

Le cause dell’inflazione attuale

Il picco dell’inflazione è vicino?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.