Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Inflazione statunitense sotto le aspettative a ottobre: salgono azioni e obbligazioni

L’inflazione statunitense è andata sotto le aspettative a ottobre, dando spazio alla Federal Reserve per procedere con aumenti dei tassi più piccoli. L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 7,7% rispetto all’anno precedente, l’aumento annuale più piccolo dall’inizio dell’anno e in calo dall’8,2% di settembre.

I prezzi core, che escludono cibo ed energia e sono considerati un indicatore migliore dell’inflazione sottostante, sono aumentati del 6,3%, indietreggiando dal massimo di 40 anni del mese precedente. Il core CPI è aumentato dello 0,3% su base mensile, mentre il CPI complessivo dello 0,4%. Sia gli aumenti annuali che quelli mensili sono stati al di sotto delle stime mediane degli economisti.

inflazione statunitense ottobre sotto aspettative

Sebbene la decelerazione dei prezzi core sia una buona notizia, l’inflazione rimane troppo alta. Il presidente della Fed Jerome Powell, che ha affermato all’inizio di questo mese che i funzionari devono vedere un modello coerente di indebolimento dell’inflazione mensile, ha indicato che i tassi di interesse probabilmente raggiungeranno un picco più alto di quanto i responsabili politici avessero previsto in precedenza. I funzionari della Fed avranno in mano sia un altro rapporto del CPI che un rapporto sul mercato del lavoro prima della loro riunione politica di due giorni a metà dicembre.

La crescita dei prezzi al consumo dovrebbe rallentare ulteriormente il prossimo anno, anche se alcuni economisti prevedono che il percorso di ritorno all’obiettivo di inflazione della Fed includa sia una recessione che un aumento del tasso di disoccupazione.

Scomponiamo il rapporto sull’inflazione statunitense di ottobre

L’aumento dei costi dello shelterla componente più importante dei servizi, che costituisce circa un terzo dell’indice CPI complessivo – ha contribuito a più della metà dell’aumento dell’CPI.

inflazione statunitense affitti ottobre
L’inflazione dello shelter è salita del 7,52%, l’aumento annuale più grande di sempre

Sebbene i dati del settore privato indichino una stabilizzazione – o addirittura un calo – degli affitti in una serie di città in tutto il paese, questi cambiamenti si riflettono nei dati con un ritardo.

Eliminando cibo, energia e shelter, il CPI è sceso dello 0,1%, la lettura più debole da maggio 2020. L’inflazione dei servizi è ora al massimo dal 1982, con un aumento più rapido del CPI dei beni.

inflazione statunitense ottobre beni servizi

I prezzi del cibo e delle auto usate sono diminuiti mentre quelli della benzina sono aumentati del 4%. Nel frattempo, i costi dell’assicurazione sanitaria sono scesi di un record del 4%, il calo più grande dei servizi sanitari dal 1971.

I costi del riscaldamento sono aumentati a ottobre, offrendo scarso sollievo ai consumatori alle prese con il più grande aumento delle bollette energetiche degli ultimi decenni. I prezzi delle utenze hanno continuato a registrare guadagni a due cifre, con le bollette del gas delle famiglie in aumento del 20% e le bollette dell’elettricità in aumento del 14% rispetto a ottobre dello scorso anno.

L’inflazione elevata continua a pesare sulle famiglie americane e sull’economia in generale. I prezzi elevati hanno consumato i guadagni salariali e portato molti a stringere la cinghia o fare affidamento sui risparmi e sul debito per continuare a spendere.

salari reali USA ottobre

La reazione dei mercati al CPI di ottobre

Dalle materie prime alle obbligazioni e alle azioni, quasi tutto è balzato giovedì dopo i dati dell’inflazione statunitense di ottobre.

L’S&P 500 è salito del 5,5%, il guadagno del Nasdaq 100 ha superato il 7% e i rendimenti dei Treasury a 10 anni sono crollati di oltre 20 punti base. Se misurati in base alla performance dei più grandi fondi negoziati in borsa che replicano l’S&P 500 e i Treasury, i guadagni combinati di azioni e obbligazioni sono andati oltre il 9%, i migliori da ottobre 2008.

Il Dow Jones ha guadagnato il 3,7%, il guadagno giornaliero più grande da maggio 2020, avanzando del 17% dal minimo del 30 settembre. L’indice delle blue-chip non è lontano dalla soglia del 20% che secondo alcuni investitori segnala l’inizio di un ciclo di mercato rialzista.

I titoli del Tesoro a due anni, nei quali la scorsa settimana i grandi speculatori avevano accumulato posizioni short record secondo i dati compilati dalla Commodity Futures Trading Commission, hanno assistito a un rally che ha spinto i rendimenti al ribasso di 26 punti base, il calo più grande in un decennio.

calo rendimenti 2 anni dopo inflazione USA

I trader hanno declassato le probabilità di un altro aumento dei tassi di tre quarti di punto a dicembre, pur continuando a valutare un aumento di mezzo punto. I mercati degli swap hanno riportato le scommesse sul picco dei tassi a poco meno del 4,9% nella prima metà del prossimo anno, da oltre il 5% prima dell’uscita dei dati.

Il dollaro ha avuto il suo giorno peggiore dal 2009, scendendo del 2%. I risk reversals a un mese sul biglietto verde, un indicatore del posizionamento e del sentiment del mercato delle opzioni, sono scesi al livello più basso da giugno, un segno che la domanda di dollari potrebbe diminuire.

Lo yen ha guadagnato quasi il 4%, il guadagno migliore tra le valute del G-10. Le valute europee sono aumentate rispetto al dollaro, con la sterlina che è salita fino al 3,3% al massimo da metà settembre. L’euro è salito fino al 2,1% al massimo in quasi due mesi, mentre il franco svizzero è balzato di oltre il 2%.

ARTICOLI CORRELATI:

Inflazione secolare: le tendenze globali che contribuiscono al cambiamento di regime inflazionistico

Cosa aspettarsi dal CPI di ottobre

Il CPI di settembre batte le aspettative mantenendo la Fed sul suo percorso aggressivo di aumento dei tassi

Inflazione USA ad agosto supera le aspettative

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.