CPI di Agosto: cosa aspettarsi?

L’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti è da tempo il dato più importante per gli investitori. Visto che il mercato azionario è salito negli ultimi giorni, molti pensano che i dati del CPI di agosto che usciranno oggi mostreranno un continuo calo dell’inflazione

Scopri

Cosa aspettarsi dal CPI di ottobre

Il dato più atteso dai mercati quest’anno è stato sicuramente quello dei prezzi al consumo statunitensi. Gli investitori cercano disperatamente dei segnali che diano alla Federal Reserve delle motivazioni per mettere in pausa il suo ciclo di aumento dei tassi d’interesse. Dopo l’ultima lettura che ha sorpreso al rialzo, cosa dobbiamo aspettarci dal CPI di ottobre? Per rispondere a questa domanda, andremo a vedere una serie di misure e indicatori che sembrerebbero anticipare buone notizie.

L’inflazione “di fondo” ha raggiunto il picco

La Fed di New York ha dei modelli per calcolare un tasso di inflazione “di fondo”. Questa misura, che include sia i prezzi del CPI che altre variabili macro, è virata al ribasso. In passato, l’indice si è rivelato un buon leading indicator dell’inflazione core. Come mostrato nel grafico che segue, il core CPI tende a seguire l’Underlying Inflation Index con un ritardo di alcuni mesi. Ciò sembra suggerire un punto di flessione dell’inflazione.

leading indicator inflazione

Il tasso di crescita della serie è rallentato dal 4,9% registrato da marzo 2022 a maggio 2022. Nel frattempo, il core CPI è aumentato del 6,6% a settembre rispetto all’anno scorso, eguagliando il massimo ciclico raggiunto il mese precedente. L’ultima volta (settembre 2009) che lo spread tra i due indici si trovava ai livelli attuali, il core CPI è crollato entro nove mesi.

Gli indici dei prezzi dell’ISM

Quando i dirigenti aziendali vengono intervistati nel sondaggio dell’Institute for Supply Management sulle condizioni del loro business, la domanda più importante che riguarda l’inflazione è quella sui prezzi che stanno pagando. L’indice ISM dei prezzi pagati per il settore manifatturiero il mese scorso è sceso sotto 50, il livello considerato come la linea di demarcazione tra espansione e contrazione. L’indice equivalente per i prezzi dei servizi, invece, è leggermente aumentato ma il picco è già stato raggiunto.

picco indici prezzi PMI

Cosa suggeriscono i CEO delle aziende?

Buone notizie arrivano anche dagli algoritmi che elaborano le earning call dei CEO con gli investitori. In questa stagione degli utili, le menzioni di “prezzi degli input più bassi” sono aumentate. Secondo Bank of America, il numero di dirigenti che ha segnalato costi dei materiali più bassi questo trimestre è il più alto da quando ha iniziato a raccogliere i dati nel 2017.

menzioni prezzi input più bassi

Le trascrizioni hanno anche offerto alcune prove del fatto che il mercato del lavoro non è così rigido come prima. Un anno fa, le aziende si lamentavano di dover offrire dei bonus per attirare personale. Le menzioni di “bonus” sono diminuite in modo molto significativo dal picco dell’autunno scorso ma sono ancora al di sopra della media pre-pandemia.

menzioni bonus personale

Le materie prime

I prezzi dei futures sulle materie prime non influiscono sull’inflazione core, ma hanno un potente effetto sulle misure headline dell’inflazione e sul costo della vita. Il tasso di inflazione su base annua dell’indice Bloomberg Commodities, un ampio benchmark che include metalli industriali e preziosi, energia e materie prime agricole, è sceso brevemente al di sotto del 10% la scorsa settimana per la prima volta dall’inizio del 2021. Gli effetti base stanno cominciando ad avere un impatto.

picco aumenti prezzi materie prime

La forza deflazionistica della Cina

Per almeno due decenni, la Cina è stata l’acquirente mondiale di ultima istanza, l’ultima fonte di domanda che sostiene i prezzi nel resto del mondo. Ciò non ha causato inflazione, in gran parte perché il paese ha fornito manodopera a basso costo. A questo punto, la politica Covid Zero sta effettivamente aiutando la Fed a tenere sotto controllo la domanda.

La scorsa settimana sono girate notizie non confermate secondo cui la Cina aveva deciso di iniziare a revocare la politica Covid Zero. Poco dopo però è arrivata una dichiarazione ufficiale che metteva in discussione quei rapporti.
“Le pratiche precedenti hanno dimostrato che i nostri piani di prevenzione e controllo e una serie di misure strategiche sono completamente corretti”, ha detto Hu Xiang, un funzionario dell’ufficio di prevenzione e controllo delle malattie della Commissione sanitaria nazionale.

In termini economici, questa è una cattiva notizia per gran parte del resto del mondo in quanto danneggia gli asset rischiosi. Tuttavia, è senza dubbio una buona notizia per le banche centrali poiché la Cina continua a offrire una forza deflazionistica, piuttosto che inflazionistica.

ARTICOLI CORRELATI:

Il CPI di settembre batte le aspettative mantenendo la Fed sul suo percorso aggressivo di aumento dei tassi

Inflazione USA ad agosto supera le aspettative

Inflazione statunitense al 9,1%

Il picco dell’inflazione? Il CPI di luglio è inferiore alle aspettative

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy