Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Powell al FOMC di novembre: picco dei tassi più alto e nessun pivot

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che il picco dei tassi di interesse statunitensi sarà più alto di quanto precedentemente previsto, ma il percorso per raggiungerlo potrebbe presto comportare aumenti minori. Powell ritiene opportuno rallentare il ritmo degli aumenti già dal prossimo incontro o quello successivo.

“È molto prematuro pensare di fare una pausa”, ha detto il presidente alla conferenza stampa dopo la riunione del FOMC di novembre, in cui è stato deciso il quarto aumento consecutivo di 75 punti base. Saranno necessari ulteriori aumenti per portare i tassi a un livello sufficientemente restrittivo.

La decisione unanime della Fed ha innalzato l’obiettivo per il tasso di riferimento a un intervallo compreso tra il 3,75% e il 4%, il livello più alto dal 2008.

aumento tassi Fed FOMC novembre

I funzionari si sono riuniti giorni prima delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti, il cui tema dominante è stato la rabbia per le pressioni sui prezzi che le famiglie devono sopportare.

L’esito del voto dell’8 novembre potrebbe costare ai Democratici del presidente Joe Biden il controllo del Congresso e alcuni legislatori del suo partito hanno iniziato a sollecitare pubblicamente la Fed a mostrare moderazione. Powell, da parte sua, ha cercato di tenere la banca centrale fuori dal diatribe politiche.

Il nuovo focus della politica della Fed

Powell ha respinto l’argomentazione riguardante un potenziale “pivot“, dicendo che adesso il focus non deve andare sul ritmo dei rialzi dei tassi ma sul livello che raggiungeranno e su quanto tempo vi rimarranno.

Nella sua dichiarazione, la Fed ha affermato che il ritmo degli ulteriori aumenti dei tassi terrà conto dei ritardi con cui la politica monetaria influisce sull’attività economica e sull’inflazione e degli sviluppi economici e finanziari.

I funzionari, come previsto, hanno affermato che continueranno a ridurre le loro partecipazioni in titoli del Tesoro e titoli garantiti da ipoteca come previsto, a un ritmo pari a circa 1,1 trilioni di dollari all’anno.

“Il record storico mette fortemente in guardia contro un allentamento prematuro della politica”, ha affermato. “Rimarremo sulla rotta, fino a quando il lavoro non sarà finito”.

Le previsioni economiche

Le previsioni della Fed a settembre implicavano una mossa di 50 punti base a dicembre, secondo la proiezione mediana. Tali proiezioni hanno mostrato che i tassi avrebbero raggiunto il 4,4% quest’anno e il 4,6% l’anno prossimo, prima dei tagli nel 2024. Le osservazioni di Powell hanno chiarito che il picco dei tassi segnalato in quelle proiezioni sarebbe stato più alto.

In questa riunione non sono state rilasciate nuove stime. Gli aggiornamenti verranno pubblicati quando i funzionari si riuniranno dal 13 al 14 dicembre, avendo tra le mani altri due mesi di dati sull’occupazione e sull’inflazione.

Gli effetti della politica sull’economia

La campagna di inasprimento della Fed più aggressiva dagli anni ’80 sta iniziando a raffreddare alcune parti dell’economia, in particolare il settore immobiliare.

Non c’è stato invece un allentamento significativo nel mercato del lavoro, con la disoccupazione a settembre che ha raggiunto il minimo di mezzo secolo del 3,5%. Anche la domanda di lavoro è rimasta forte, con 1,9 posti di lavoro vacanti per ogni disoccupato, secondo i dati JOLTS di martedì.

“Il mercato del lavoro rimane estremamente teso”, ha affermato Powell, aggiungendo che “continua a essere sbilanciato, con la domanda che supera sostanzialmente l’offerta di lavoratori disponibili”.

La reazione dei mercati

Inizialmente, le azioni sono aumentate e i rendimenti dei Treasury sono crollati insieme al dollaro dopo la dichiarazione del FOMC. Poi, quando Powell ha parlato di un picco dei tassi più alto, i rendimenti e il dollaro sono aumentati e le azioni sono scivolate. L’S&P 500 ha subito la sua peggiore sconfitta nel giorno del FOMC da gennaio 2021.

Mercato obbligazionario

Gli investitori obbligazionari non vedono alcun sollievo dal ciclo di inasprimento della Federal Reserve più aggressivo degli ultimi decenni. Le dichiarazioni di Powell hanno spinto i trader a valutare maggiori probabilità che i tassi rimangano elevati per gran parte del prossimo anno.

Le stime del picco dei tassi della Fed per il 2023 si sono estese al 5,10% alla riunione di maggio, un nuovo massimo per questo ciclo.

picco tassi fed più alto 2023

Il rendimento a due anni ha guidato il sell off su tutte le scadenze dei Treasury, chiudendo la sessione in rialzo di 7 punti base al 4,62%. In precedenza, il rendimento era sceso di 12 punti base al 4,43% in risposta alla dichiarazione politica della banca centrale. Un picco dei tassi più alto del 5% significa che la parte breve della curva ha un prezzo “errato” e i rendimenti a due anni potrebbero avvicinarsi a quella soglia.

La ricalibrazione dell’inasprimento della Fed ha visto i trader valutare brevemente circa 57 punti base di inasprimento alla riunione di dicembre, in calo dai 61 punti base prima della dichiarazione del FOMC.

Mercato azionario

Le azioni sono scese decisamente al ribasso dopo che Powell ha affermato che la Fed ha ancora strada da percorrere nel suo ciclo politico. La mossa ha spazzato via un precedente rally guidato dalle sue osservazioni secondo cui il ritmo più lento degli aumenti potrebbe arrivare già a dicembre.

Le megacap tecnologiche hanno sopportato il peso maggiore delle vendite, con giganti come Apple e Tesla che sono crollati di oltre il 3,5%. Qualcomm, il più grande produttore di processori per smartphone, è crollato dopo una previsione debole.

ARTICOLI CORRELATI:

“Pausa” o “pivot”: quale sarà il passo successivo della politica monetaria della Fed?

Il crollo più lungo dei Treasury dal 1984 si intensifica con il mercato che sconta un picco dei tassi della Fed del 5% il prossimo anno

Il CPI di settembre batte le aspettative mantenendo la Fed sul suo percorso aggressivo di aumento dei tassi

I crescenti timori che la politica monetaria della Fed possa causare una recessione

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.