Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

I crescenti timori che la politica monetaria della Fed possa causare una recessione

Precedentemente criticata per essersi mossa con troppo ritardo, la Federal Reserve sta dimostrando la sua determinazione a riportare l’inflazione all’obiettivo del 2%. Adesso, i timori che la politica monetaria della Fed possa causare una recessione stanno aumentando.

I funzionari della banca centrale prevedono che i tassi raggiungeranno il 4,4% entro la fine di quest’anno e il 4,6% nel 2023. Da ora in poi, la parte difficile per la banca centrale sarà mantenere il suo impegno mentre l’economia rallenta e le persone perdono il lavoro.

E’ facile essere uniti quando si cerca di recuperare terreno dopo essere rimasti molto indietro. Il mercato del lavoro è ancora forte e il pubblico vede la lotta all’inflazione come una priorità. Tutto questo cambierà quando gli sforzi della politica monetaria della Fed inizieranno ad avere il loro effetto, aumentando la disoccupazione e spingendo l’economia statunitense in recessione.

Eppure, a giudicare dalle loro stesse proiezioni, i funzionari della Fed non sono stati ancora del tutto chiari sul “dolore” che i consumatori e le imprese statunitensi dovranno sopportare a causa del restringimento della politica monetaria.

Le proiezioni rosee della Fed

Secondo il FOMC, dopo un forte rallentamento quest’anno, la crescita riprenderà nei prossimi tre anni, con una produzione di appena 0,6 punti percentuali al di sotto del suo potenziale in quel periodo.

Il tasso di disoccupazione aumenterà modestamente al 4,4% nel 2023 e nel 2024, rispetto all’attuale 3,7% e solo leggermente al di sopra della stima del 4,0% del tasso a lungo termine coerente con un target di inflazione del 2%. In qualche modo, tutto questo si rivelerà sufficiente per ridurre drasticamente l’inflazione al 2,3% entro il 2024.

Le proiezioni della Fed quindi sono ancora rosee e potrebbero non realizzarsi affatto. Per prima cosa, l’aumento del tasso di disoccupazione potrebbe essere maggiore. Secondo Larry Summers, potrebbero essere necessari 2 punti percentuali in più rispetto al livello di equilibrio a lungo termine solo per ridurre l’inflazione sottostante di 1 punto percentuale all’anno.

L’attuale relazione tra posti di lavoro vacanti e disoccupati suggerisce che il livello di equilibrio sia in realtà di circa il 5%. Ciò implica che sarebbe necessario un tasso di disoccupazione molto più elevato per ridurre significativamente l’inflazione. Dobbiamo anche notare che il tasso di disoccupazione non è mai aumentato dello 0,5% o più senza una recessione.

I membri del FOMC sembrano non essere d’accordo su quanto a lungo la banca centrale manterrà la sua lotta all’inflazione. Tutti tranne uno si aspettano tassi d’interesse compresi tra il 4,25% e il 5% nel 2023. Tuttavia, l’intervallo si allarga dal 2,5% al ​​4,75% alla fine del 2024.

Cosa accadrà quando le persone si renderanno conto che il dolore sarà maggiore di quello stimato dalla Fed?

L’inflazione potrebbe andare nella giusta direzione

Ci sono segnali che le pressioni inflazionistiche stiano diminuendo:

  • il calo dei prezzi delle materie prime;
  • la diminuzione dei nuovi contratti di locazione;
  • l’indice dei prezzi del PMI manifatturiero e dei servizi;
  • tariffe di trasporto e di spedizione in calo rispetto al loro picco;
  • la discesa dei prezzi delle auto usate;
  • il passaggio in territorio negativo dell’inflazione dei prezzi all’importazione negli ultimi tre mesi;
  • l’aumento più lento del guadagno orario medio;
  • aspettative di inflazione ridotte.

In aggiunta a questo elenco, i prezzi delle case negli Stati Uniti stanno scendendo per la prima volta in un decennio, in mezzo a tassi ipotecari più elevati e accessibilità limitata. L’indice S&P CoreLogic Case-Shiller, una misura nazionale dei prezzi delle case in 20 grandi città, è sceso dello 0,44% a luglio, il primo calo da marzo 2012.

politica monetaria Fed recessione abitativa

Il problema con questi dati è che, per loro natura, sono in ritardo e quindi guardano indietro. Da un certo punto di vista, la dipendenza dai dati potrebbe portare la Fed a restringere troppo rapidamente e causare una recessione, con l’economia che si raffredda più rapidamente di quanto i funzionari si rendano conto.

Gli effetti dell’inasprimento della Fed

Al momento, il mercato immobiliare è praticamente l’unica area in cui l’impatto dell’aumento dei tassi è già visibile. I tassi ipotecari sono saliti al 6,3%, il livello più alto dal 2008. Se si guarda il GDPNow, il tracker del PIL derivante dai modelli della Fed di Atlanta, quasi tutta la debolezza proviene dalle abitazioni.

Dopo l’ultimo rapporto sull’inizio delle costruzioni dell’US Census Bureau, l’aggiornamento più recente afferma che l’attuale crescita degli investimenti residenziali nel terzo trimestre è diminuita dal -20,8% al -24,5%. Questa massiccia riduzione porta la stima del PIL per il terzo trimestre allo 0,3%.

stima PIL USA terzo trimestre

Finora, l’aumento dei tassi di interesse non ha raffreddato il mercato del lavoro. Le richieste di sussidi di disoccupazione settimanali rimangono basse e il numero di richieste continue è effettivamente diminuito di recente.

sussidi disoccupazione USA

Questa è una buona cosa per i lavoratori. Ma aggiunge anche pressioni alla Fed per aumentare i tassi a causa della preoccupazione che l’inflazione elevata in un mercato del lavoro ristretto alimenti la crescita dei salari aumentando le probabilità di una spirale salari-prezzi.

ARTICOLI CORRELATI:

La Fed è disposta a tollerare una recessione

Cosa potrebbe spingere la Fed a rallentare l’aumento dei tassi?

Il settore immobiliare sta già accusando l’aumento dei tassi

Gli spread dei junk bond e il rischio recessione

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.