Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Cosa potrebbe spingere la Fed a rallentare l’aumento dei tassi?

Oltre alle pressioni inflazionistiche, gli economisti stanno osservando altre metriche di mercato per capire cosa potrebbe spingere la Fed a rallentare l’aumento dei tassi.

La lettura del CPI di agosto più alta del previsto ha cementato le scommesse su una terza mossa consecutiva di 75 punti base alla riunione del FOMC di oggi. L’attuale ciclo di aumento dei tassi d’interesse della Fed è il più aggressivo degli ultimi decenni.

Tra i potenziali indicatori che potrebbero indurre i responsabili politici a frenare o quantomeno rallentare il ciclo di hiking ci sono gli spread creditizi, il rischio di insolvenza, la liquidità del mercato obbligazionario e le turbolenze valutarie.

Gli spread creditizi

Gli spread creditizi investment grade sono la metrica più importante da tenere d’occhio, data l’ampia percentuale di obbligazioni di questo tipo. Qualsiasi ampliamento eccessivo degli spread oltre 250 punti base, vicino al picco della pandemia, potrebbe indurre una guida politica meno aggressiva.

La differenza tra il rendimento medio delle obbligazioni societarie statunitensi investment grade e i Treasury privi di rischio è balzata di circa il 70% nell’ultimo anno, facendo aumentare i costi di finanziamento per le imprese.

Gran parte dell’aumento è derivato dal fatto che i dati sull’inflazione negli Stati Uniti hanno battuto le previsioni. Nel grafico seguente le bandiere verdi mostrano le volte in cui il CPI YoY ha battuto le aspettative.

rallentare aumento de tassi Fed

Sebbene gli spread siano scesi dai massimi di luglio a160 punti base, l’aumento sottolinea l’intensificarsi delle tensioni sui mercati del credito dovute alla stretta monetaria.

Gli spread di credito, insieme ai prezzi delle azioni, tassi d’interesse e tassi di cambio, fanno parte degli indici che valutano le condizioni finanziarie, ampiamente osservate dalla Fed per valutare l’efficacia della sua politica.

Secondo l’indice delle condizioni finanziarie di Goldman Sachs, l’aumento dei costi di finanziamento e il calo delle azioni dalla metà di agosto hanno inasprito le condizioni finanziarie a livelli visti l’ultima volta a marzo 2020.

Indicatori del rischio default

Un’altra metrica che potrebbe spaventare la Fed è un aumento del costo della protezione contro il rischio di insolvenza sul debito societario. Lo spread sull’indice Markit CDX North America Investment Grade, un benchmark di credit default swap su un paniere di obbligazioni investment grade, è raddoppiato quest’anno a circa 98 punti base, avvicinandosi al massimo del 2022 di 102 punti base fissato a giugno.

Rising Default risk chart
La correlazione tra il dollaro e il costo per la protezione contro il rischio di default delle società investment grade

Il crescente rischio di insolvenza è stato strettamente correlato all’impennata del dollaro, che sta beneficiando del rapido aumento dei tassi di interesse della Fed e delle prospettive di crescita globale più deboli.

La liquidità del mercato obbligazionario

Un altro fattore che potrebbe indurre la Fed a rallentare i rialzi dei tassi è la contrazione della liquidità del mercato dei Treasury. Un indice Bloomberg della liquidità del mercato obbligazionario degli Stati Uniti è vicino al suo livello peggiore all’inizio del 2020, quando gli scambi si sono praticamente bloccati con lo scoppio della pandemia.

rallentare aumento dei tassi Fed

Anche la profondità del mercato dei T-note a 10 anni misurata da JPMorgan è scesa ai livelli visti l’ultima volta a marzo 2020.

La scarsa liquidità del mercato obbligazionario aggiungerebbe pressione agli sforzi della Fed per ridurre il suo bilancio (quantitative tightening).

La volatilità dei mercati valutari

La quarta area che potrebbe indurre la Fed a rallentare l’aumento dei tassi è la crescente turbolenza nei mercati valutari. Il dollaro ha stabilito massimi pluriennali contro quasi tutte le sue controparti principali.

La Fed, in genere, ignora la forza del dollaro, ma i ribassi eccessivi dell’euro possono alimentare la preoccupazione per il peggioramento della stabilità finanziaria globale. La valuta comune ha esteso le perdite nell’ultimo mese, raggiungendo la parità con il dollaro.

Il tasso di cambio dollaro-yen è arrivato ad una soglia vicina a quella raggiunta quando il Giappone è stato costretto a intervenire per sostenere la valuta.

La volatilità implicita sta aumentando per tutte le valute principali. L’aumento mostra che i mercati stanno diventando sempre più nervosi.

Lo yuan cinese è scivolato oltre i 7 per dollaro, con la PBOC che continua a segnalare il suo nervosismo per la debolezza della valuta. Il dollaro canadese è sceso al livello più debole in quasi due anni e il dollaro australiano è vicino a un minimo pluriennale. La sterlina ha raggiunto il livello più basso dal 1985.

Le aspettative del mercato per la riunione di oggi

A seguito del rapporto del CPI, le aspettative implicite del mercato per il cosiddetto dot plot sono aumentate, con alcune scommesse che vedono un picco compreso tra il 4,75% e il 5,25%, tassi visti l’ultima volta nel 2007.

Complessivamente, i mercati monetari stanno valutando un picco del 4,5% entro marzo e un tasso dal 4% al 4,25% alla fine del 2023. Al contrario, le previsioni più recenti dei funzionari della Fed a giugno sono quasi tutte inferiori al 4% per il periodo 2022-2024. Osserveremo come sono cambiate le aspettative dei membri della Fed nel dot plot aggiornato che uscirà oggi.

Secondo il mercato quindi, la Fed non è vicina al punto in cui deciderà di rallentare con gli aumenti dei tassi. Il mercato sta scontando una probabilità non trascurabile di un aumento di 100 punti base alla riunione del FOMC di oggi. Un aumento di questa entità non si vede dagli anni ’80.

Le aspettative del mercato
ARTICOLI CORRELATI:

Non contare su un cambio di politica della Fed

Mercato immobiliare USA: riuscirà a sopravvivere alla Fed?

Cosa potrebbe fermare l’inasprimento della Fed

Quanto può durare il Quantitative Tightening?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.