Cos’è il Quantitative Tightening?

Circa due anni dopo aver lanciato il più grande stimolo monetario della storia moderna, la Federal Reserve sta ritirando il suo sostegno all’economia statunitense. L’elemento più delicato del suo piano è il quantitative tightening (QT), ovvero la riduzione del suo bilancio record.

riduzione bilancio Fed

Cos’è il Quantitative Tightening e come avviene?

Il QT è l’opposto del quantitative easing (QE), un programma in cui una banca centrale acquista obbligazioni al fine di abbassare i tassi d’interesse a lungo termine e stimolare l’economia.

Con il QE vengono create riserve bancarie nel sistema finanziario con la speranza che i prestatori trasferiscano la liquidità come credito alle aziende e alle famiglie in modo da stimolare la crescita economica. Il QT serve invece a ridurre l’offerta di riserve per ottenere gli effetti opposti.

Durante il quantitative tightening la banca centrale lascia che le obbligazioni che ha acquistato raggiungano la scadenza. Alla scadenza dell’obbligazione, il Dipartimento del Tesoro paga la Fed sottraendo la somma dal saldo di cassa che tiene in deposito presso la banca centrale, facendo di fatto sparire il denaro.

Per soddisfare i suoi obblighi di spesa, il Tesoro ha bisogno di ricostituire quel mucchio di contanti vendendo nuovi titoli. Quando le banche acquistano quei Treasury, riducono le proprie riserve drenando denaro dal sistema e annullando ciò che è stato creato con il QE.

riserve bancarie Fed

Il QT è già stato condotto?

Il QT non è un programma che è stato portato avanti spesso. La Bank of Japan, ad esempio, ha lasciato restringere il suo bilancio nel 2006-2007, in quello che molti considerano come un inasprimento prematuro della politica monetaria in mezzo alla continua battaglia del Giappone contro le pressioni deflazionistiche e la crescita stagnante.

La Banca centrale europea ha consentito un calo delle sue partecipazioni nel 2013-14 a seguito di un’impennata durante la crisi dell’euro. La Bank of England ha dichiarato a maggio che avrebbe preso in considerazione la vendita attiva delle sue partecipazioni obbligazionarie, piuttosto che lasciarle raggiungere la scadenza.

La Fed ha utilizzato il QT durante la ripresa dalla crisi finanziaria del 2008, quando ha ritenuto che l’economia fosse sufficientemente forte. L’inasprimento è durato dal 2017 al 2019.

Alcune opinioni sugli effetti del QT

In un saggio dell’aprile 2019, il vicepresidente della Fed di St. Louis Christopher Neely ha discusso l’impatto del QE e della forward guidance. Gli studi indicano che dal 2008 al 2013 gli acquisti di asset della Fed e le indicazioni prospettiche sui futuri tassi a breve termine hanno ridotto i rendimenti delle obbligazioni a 10 anni. Tuttavia, ha affermato Neely, è improbabile che il quantitative tightening ostacoli in modo significativo l’attività economica.

Nel marzo 2019, il presidente della Fed di St. Louis Jim Bullard ha affermato che gli effetti finanziari e macroeconomici di QE e QT potrebbero essere asimmetrici. In particolare, la dimensione del bilancio può essere importante quando aumenta, ma non quando diminuisce.

Come reagiscono i mercati al QT?

L’ultima volta, il QT è iniziato senza intoppi nell’ottobre 2017. Tre mesi dopo, però, le obbligazioni e il mercato azionario sono scesi.

A novembre 2018, alcuni partecipanti al mercato sostenevano che la Fed avesse ridotto le riserve bancarie in modo troppo drastico, lasciando gli istituti di credito alla ricerca di contanti e i mercati monetari in subbuglio. Il dollaro si è rafforzato, esercitando pressioni sui mercati emergenti che avevano accumulato debito denominato in dollari. I premi sulle obbligazioni dei paesi in via di sviluppo sono aumentati vertiginosamente insieme agli spread delle società con rating “spazzatura”.

All’inizio, la Fed ha mantenuto il suo programma, con Powell che ha affermato che il QT era in modalità “pilota automatico”. A quel punto l’indice S&P 500 è crollato di quasi il 16% in tre settimane a dicembre del 2018. Successivamente, la Fed ha abbandonato gli aumenti dei tassi e ha annunciato l’eliminazione graduale del quantitative tightening a marzo 2019.

quantitative tightening effetto mercato azionario

Questo non è servito a calmare i mercati. A settembre 2019, i tassi nel repo market sono aumentati vertiginosamente, spingendo la Fed a iniettare liquidità a breve termine. Il mese successivo, i responsabili politici hanno affermato che avrebbero intensificato gli acquisti di Treasury per mantenere un’ampia offerta di riserve bancarie.

quantitative tightening e repo market settembre 2019

Questa volta sarà diverso?

Le circostanze sono cambiate dall’ultima volta che la Fed ha intrapreso il QT. Per prima cosa, il quadro operativo quotidiano per la Fed è stato ottimizzato, in modo tale da mantenere ampia l’offerta di riserve nel sistema.

La Fed ha dichiarato che, per garantire una transizione graduale, intende rallentare e quindi fermare il calo delle dimensioni del bilancio quando i saldi di riserva sono leggermente al di sopra del livello che giudica coerente con un regime di riserve ampie.

Powell ha detto al Congresso all’inizio di marzo che il processo richiederà circa tre anni, il che implica circa $ 3 trilioni o più di riduzioni.

Inoltre la Fed ha nuovi strumenti che può utilizzare per evitare alcune tensioni a breve termine nei mercati finanziari. L’anno scorso ha introdotto la Standing Repo Facility, che può fornire fino a $ 500 miliardi di contanti overnight al sistema bancario. Una struttura separata offre dollari ad altre banche centrali in tutto il mondo. La Federal Reserve Bank di New York può anche stipulare accordi di riacquisto nazionali non programmati.

L’attuale programma della Fed

Alla riunione politica di maggio, la Fed ha deciso di ridurre il suo bilancio a un ritmo mensile massimo di 60 miliardi di dollari in titoli del Tesoro e di 35 miliardi di dollari in titoli garantiti da ipoteca, dopo alcuni mesi iniziali a un ritmo più lento. Il ritmo è quasi il doppio del QT condotto dal 2017 al 2019.

La liquidazione del bilancio della Federal Reserve dovrebbe aumentare proprio questa settimana. La Fed utilizzerà i suoi $ 326 miliardi di dollari di T-bills quando i coupon scenderanno al di sotto del livello mensile. Settembre sarà il primo mese in cui i T-bills verranno riscattati poiché le cedole scenderanno al di sotto del nuovo limite dell’autorità monetaria.

Il portafoglio della Fed ha $ 43,6 miliardi di Treasury in scadenza a settembre, il che significa che i funzionari dovranno rilasciare anche $ 16,4 miliardi di T-bills.

C’è stato molto interesse per i T-bills del portafoglio della Fed a causa del fatto che l’ultima volta che ha intrapreso il QT non possedeva nessuno di questi titoli.

L’aumento dell’offerta di T-bills è fondamentale per i trader del mercato monetario che hanno lottato per trovare asset in cui investire, decidendo di parcheggiare la liquidità in eccesso presso la struttura dell’overnight reverse repurchase agreement della Fed.

overnight reverse repurchase agreement Fed
ARTICOLI CORRELATI:

Quantitative Tightening: l’impatto sui mercati finanziari

I possibili effetti del quantitative tightening

L’equivalenza tra gli aumenti dei tassi e il Quantitative Tightening

Non contare su un cambio di politica della Fed

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy