Il mercato di cui nessuno parla è forse il più importante: il Repo Market

Il repo market è il mercato più importante e più sottovalutato di tutti. Esso rappresenta la parte più rilevante del mercato del reddito fisso e svolge un ruolo importante per l’intero sistema monetario globale.

Il termine “repo” fa riferimento a repurchase agreement, letteralmente “accordo di riacquisto”. In Italia sono conosciuti come pronti contro termine.

Che cos’è un repurchase agreement?

Un repo non è altro che una forma di prestito garantito, in cui una parte vende un’asset (solitamente titoli a reddito fisso) a un’altra parte in cambio di denaro e si impegna a riacquistare lo stesso asset ad un altro prezzo in un certo momento futuro.

L’acquirente diventa legalmente il nuovo proprietario. Se il venditore non riesce a restituire i soldi che ha ricevuto in cambio della vendita dell’asset, l’acquirente può vendere l’asset che ha ricevuto a terzi per compensare la sua perdita. L’asset funge quindi da garanzia e mitiga il rischio di credito dell’acquirente. In termini tecnici, l’asset è chiamato collaterale.

A cosa serve un repo?

Un repo svolge quattro funzioni che sono fondamentali per il funzionamento efficiente di molti altri mercati finanziari:

– L’acquirente può investire contanti in maniera sicura in quanto il prestito è garantito dal collaterale.

– Il venditore dell’asset può prendere in prestito contanti per finanziare una posizione long su una qualsiasi attività, per un importo e ad un tasso (repo rate) che riflettano la qualità del collaterale che ha fornito come garanzia. I repo rappresentano quindi prestiti a basso costo.

– Il venditore può prestare un asset che è richiesto dal mercato in cambio di contanti che possono essere reinvestiti per un profitto.

– L’acquirente dell’asset, e quindi chi presta i soldi, è come se prendesse in prestito il titolo e può decidere di stabilire una posizione short vendendolo oppure adempiere ad una vendita che era già stata concordata. Il repo market è quindi molto usato per lo short selling e lo short covering.

Il ruolo del repo market

Tenendo conto delle funzioni di un repo possiamo arrivare a capire quali sono quelle del repo market nel suo insieme.

1. Fornire una fonte efficiente di finanziamento a breve termine;

2. Fornire un mercato monetario più resiliente;

3. Costituire un mercato sicuro e flessibile per investimenti a breve termine;

4. Facilitare le operazioni della banca centrale;

5. Fornire finanziamenti a grandi investitori che usano la leva finanziaria e che vogliono coprire posizioni short;

6. Coprire l’emissione di debito primario;

7. Garantire liquidità nel mercato del debito secondario;

Questi sono solo le principali funzioni che il repo market svolge. Stai iniziando a capire perché è il mercato più importante?

I protagonisti del repo market

Tradizionalmente, sul lato vendita, i principali partecipanti del repo market sono gli intermediari di mercato (market maker, broker-dealer e banche di investimento) e investitori obbligazionari con leva finanziaria in cerca di finanziamenti a basso costo.

Sul lato dell’acquisto, i principali utilizzatori del repo market sono gli investitori alla ricerca di investimenti sicuri a breve termine, come grandi banche commerciali, banche centrali che investono riserve in valuta estera, istituzioni finanziarie internazionali, fondi comuni di investimento, gestori patrimoniali con eccedenze di cassa temporanee e tesorerie di grandi società non finanziarie e di infrastrutture del mercato finanziario come le controparti centrali (CCP) e i depositari centrali di sicurezza (CSD).

La maggior parte delle banche centrali fa affidamento sul repo market come canale principale per la trasmissione della politica monetaria al mercato finanziario più ampio e per fornire assistenza di emergenza al sistema bancario.

Il riutilizzo del collaterale

Il mercato globale dei repo ha una dimensione di circa 15 trilioni di dollari e un turnover di $ 3-4 trilioni in transazioni giornaliere. La forma di collaterale più utilizzata sono le obbligazioni, soprattutto i Treasury.

In un repo, l’acquirente diventa proprietario del collaterale ricevuto come garanzia nella transazione e può utilizzarlo come desidera. Spesso l’acquirente può decidere di riutilizzare il collaterale in altri repo. Ecco che la parte più interessante e insidiosa del repo market riguarda appunto il collaterale.

I titoli vengono scambiati, riutilizzati e reintegrati in quantità incalcolabili. Piuttosto che pensare agli accordi repo come a una serie di transazioni individuali, gli istituti finanziari ottengono non solo contanti ma anche titoli a garanzia attraverso ampi portafogli e operazioni per motivi di profitto o di controllo del rischio.

I titoli garantiti spesso passano di mano molte volte nel corso di un determinato periodo di tempo. Queste “catene di collaterale” costituiscono quindi la spina dorsale del repo market. Senza di loro, il collaterale non scorre e ciò può portare a gravi guasti nell’intero sistema finanziario.

I repo fails

Quando chi presta il denaro, cioè chi riceve il collaterale, non è in grado o non ha intenzione di restituire il titolo alla scadenza del repo, lasciando che il debitore tenga il denaro, si va a costituire una mancata consegna, che in gergo è chiamata “repo fail“.

Ci sono dei momenti in cui le garanzie diventano più preziose dei contanti. Spesso le due parti invece di scambiare contanti per garanzie, scambiano forme di garanzie diverse (un titolo per un titolo diverso). Se una delle due parti non restituisce il titolo, anche in questo caso si crea un repo fail.

La spiegazione più comune per i repo fail che riguardano i Treasury è che i venditori allo scoperto diventano prevalenti creando uno squilibrio di mercato. In realtà la ragione è molto più profonda ed è associata a deficit sistemici.

Immaginiamoci una di queste catene di collaterale, che coinvolge un titolo su cui fanno affidamento altre 30 transazioni. Se alla base l’acquirente non restituisce quel titolo, altri 29 transazioni salteranno.

Ci sono, purtroppo, molti esempi che dimostrano come i repo fails si allineino perfettamente con episodi di stress.

repo market repo fails

Sfortunatamente, l’unica vera fonte di dati sui repo fails è la Fed di New York, che raccoglie dati incompleti che riguardano solo i primary dealer, lasciando fuori la maggior parte del repo market. Inoltre, i loro dati non separano i repo fails classici (cash contro collaterale) da quelli “trasformati” (collaterale contro collaterale).

Troppo frequentemente, le catene di collaterale sono state interrotte dall’avversione al rischio da parte dei dealer. Quando i dealer non forniscono quello che il repo market richiede, il riutilizzo diminuisce e le catene si contraggono lasciando gli utenti a bocca asciutta.

ARTICOLI CORRELATI:

Perché comprare obbligazioni?

Mercato obbligazionario: tra inflazione e rischio recessione

Come interpretare il segnale di recessione dell’inversione della curva dei rendimenti

La curva dei rendimenti più importante per prevedere le recessioni


MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy