La Fed è disposta a tollerare una recessione

Powell ha dato il segnale più chiaro fino ad oggi che la Federeal Reserve è disposta a tollerare una recessione come compromesso per riprendere il controllo dell’inflazione. Ieri, come previsto, la Fed ha aumentato i tassi di 75 punti base per la terza volta consecutiva.

Scopri

Gli effetti della recessione sulla tua vita

L’ultimo rapporto trimestrale sul prodotto interno lordo degli Stati Uniti ha mostrato una seconda contrazione consecutiva, classificando l’economia in una recessione tecnica. Vale quindi la pena esaminare quali siano gli effetti della recessione sulla tua vita? Ufficialmente, il National Bureau of Economic Research definisce la

Scopri

La definizione di recessione: è già iniziata?

La stima dell’Atlanta Fed GDPNow per il PIL reale del secondo trimestre aggiornata al 19 luglio è pari al -1,6%. Secondo la definizione classica che prevede due trimestri consecutivi di rallentamento della crescita, gli Stati Uniti sarebbero quindi in una recessione tecnica. In questo articolo

Scopri

Le probabilità di recessione stanno aumentando

Goldman, come Morgan Stanley, non prende la recessione come il suo caso base, a differenza di Nomura e Deutsche Bank ma si affretta a chiarire che, nel caso in cui si verificasse, l’S&P potrebbe scendere a 3.150. Nel frattempo, secondo le stime di Bloomberg Economics,

Scopri

Come interpretare il segnale di recessione dell’inversione della curva dei rendimenti

L’inversione della curva dei rendimenti è spesso vista come segnale di recessione imminente. Tuttavia l’avvertimento dovrebbe essere interpretato accuratamente. In passato, la curva dei rendimenti ha fornito
falsi segnali. Per valutare l’accuratezza della previsione possiamo stimare delle soglie di inversione. In ogni caso, l’inversione oltre una determinata soglia deve essere tradotta in termini di probabilità.

In uno studio empirico per valutare l’affidabilità del segnale di recessione dell’inversione della curva dei rendimenti, Radobank si è concentrata su tre spread di rendimento: lo spread tra i rendimenti a 10 anni e a 3 mesi, quello tra i 10 anni e i 12 mesi e tra i 10 anni e i 2 anni.

I risultati confermano che più basso è lo spread, maggiore è la probabilità di una recessione. Tuttavia, limitarsi a osservare se uno spread è positivo o negativo non è utile. E’ meglio utilizzare delle soglie specifiche per valutare il segnale di recessione dell’inversione della curva dei rendimenti.

Supponiamo che lo spread 10-2 sia negativo. Ciò non è sufficiente per segnalare una recessione. Mentre la previsione della curva dei rendimenti è binaria in termini di esito (recessione o non recessione), dovremmo pensare in termini di
probabilità. In particolare, la probabilità di recessione aumenta con la profondità dell’inversione.

I falsi segnali

Tra l’inversione della curva dei rendimenti e l’arrivo di una recessione deve passare un certo periodo di tempo. La letteratura accademica prende un orizzonte temporale di un anno. Se una recessione arriva molto più avanti, dobbiamo concludere che l’inversione ha dato un falso segnale.

Consideriamo lo spread tra i rendimenti a 10 e a 2 anni. In effetti, questo spread è sempre stato negativo prima di ogni recessione. Se però osserviamo da vicino il periodo che ha preceduto la recessione iniziata ad aprile 2001, lo spread 10-2 è stato negativo dal 2 febbraio 2000 a fine dicembre 2000. Quindi l’inversione è avvenuta con 14 mesi di anticipo, il che è in linea con il pensiero che le inversioni precedono le recessioni di circa un anno.

segnale recessione curva rendimenti: spread 10 anni 2 anni

Prima di questa inversione ce n’è stata una precedente tra giugno e luglio del 1998, ovvero 2 anni e 10
mesi in anticipo, ben oltre i 12 mesi utilizzati come orizzonte temporale nella pratica. L’inversione massima raggiunta in quel periodo è stata di -7 bps. Questo sembra essere stato un falso segnale.

Per quanto riguarda lo spread tra i 10 anni e i 3 mesi, c’è stato un falso segnale simile prima della recessione del 2001. Nel settembre 1998 è avvenuta un’inversione. Successivamente, nella seconda metà del 2000, abbiamo assistito a un’inversione che ha plausibilmente predetto la recessione.

segnale recessione curva rendimenti: spread 10 anni 3 mesi

Infine, diamo un’occhiata allo spread tra i 10 anni e i 12 mesi. C’è stata un’inversione che è iniziata il 20 marzo 2000, circa 12 mesi prima della recessione. Tuttavia, il 21 settembre 1998 e il 5 ottobre 1998 ci sono state anche brevi inversioni di appena 2 punti base.. Quindi anche questo spread ha fornito dei falsi segnali, anche se molto più piccoli.

segnale recessione curva rendimenti: spread 10 anni 12 mesi

Le soglie di inversione di Radobank

La possibilità di falsi segnali non rende la curva dei rendimenti inutile come strumento di previsione delle recessioni, considerando che le inversioni premature erano molto più piccole delle inversioni successive. Di conseguenza, possiamo migliorare l’accuratezza della previsione applicando delle soglie per filtrare i segnali.

Guardando ai falsi segnali del 1998 possiamo avere un’idea delle soglie da considerare. In quel caso lo spread 10 anni/12 mesi era molto più vicino a zero degli altri due.

inversioni curva rendimenti falsi segnali

Tuttavia, l’utilizzo di un modello logit ha fatto concludere gli economisti di Radobank che le soglie per lo spread 10/3 mesi e 10/12 mesi non sono statisticamente diverse da zero. Al contrario, la soglia dello spread 10/2 anni è -16 punti base. Ciò significa che un’inversione del segmento 10/2 prevede una recessione solo se lo spread è inferiore a -16. Per gli altri due spread possiamo continuare a utilizzare un valore critico di 0.

soglie inversione curva rendimenti segnale recessione

Come interpretare il segnale di recessione dell’inversione della curva dei rendimenti

Secondo Radobank, quando l’inversione degli spread 10/3 mesi e 10/12 mesi raggiunge zero, la probabilità di una recessione è esattamente del 50%. Quindi, anche se la soglia è zero, un’inversione non implica con certezza una recessione e sono da aspettarsi falsi segnali. Il segnale dello spread 10/2 anni può essere più affidabile, tenendo conto di una soglia diversa da zero.

L’attuale segnale di recessione dell’inversione della curva dei rendimenti

Attualmente, si hanno segnali misti dagli spread presi in esame. Lo spread 10/12 mesi si trova sotto la soglia dello 0, mentre il 10/2 anni ha superato la soglia chiave di -16 punti base. Ciò suggerirebbe una probabilità maggiore del 50% di una recessione nei prossimi 12 mesi.

Allo stesso tempo però, lo spread tra i 10 anni e i 3 mesi si trova a 46 punti base. Questo spread non sta ancora prevedendo una recessione anche se sta scendendo molto velocemente.

ARTICOLI CORRELATI:

Le probabilità di recessione stanno aumentando

La curva dei rendimenti più importante per prevedere le recessioni

Inversione della curva dei rendimenti: siamo vicini a una recessione?

Perché la curva dei rendimenti è importante?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy