Le probabilità di recessione stanno aumentando

Goldman, come Morgan Stanley, non prende la recessione come il suo caso base, a differenza di Nomura e Deutsche Bank ma si affretta a chiarire che, nel caso in cui si verificasse, l’S&P potrebbe scendere a 3.150. Nel frattempo, secondo le stime di Bloomberg Economics, le probabilità di recessione sono aumentate. Le probabilità di recessione negli Stati Uniti nei prossimi dodici mesi sono pari al 38%.

In un rapporto di Goldman Sachs in cui sono state analizzate ben 77 recessioni in tutto il mondo dal 1961, gli economisti hanno tirato le loro conclusioni in modo da fornire un contesto all’attuale situazione economica. Parte di ciò che stiamo vedendo oggi suggerisce che il mondo potrebbe essere sull’orlo di una recessione. Tuttavia ci sono diversi aspetti che fanno da “cuscinetto” contro un downturn profondo. Gli aspetti fondamentali da tenere d’occhio se la recessione arriverà saranno la risposta fiscale e monetaria.

I punti chiave dell’analisi di Goldman Sachs

– Secondo Goldman, le probabilità che l’economia entri in recessione nel prossimo anno sono del 30% negli Stati Uniti, del 40% in Euro Area e del 45% nel Regno Unito.

– La disoccupazione è aumentata di un tasso mediano del 2,7% nelle economie avanzate durante le recessioni, con incrementi maggiori negli anni ’80 e nel Regno Unito e incrementi minori in Giappone. Incrementi maggiori si sono registrati nelle recessioni più gravi.

– Il surriscaldamento dell’economia (crescita dei salari e inflazione core elevata) e gli aumenti dei tassi d’interesse spesso precedono gravi recessioni. Attualmente, nelle economie avanzate, La crescita dei salari, l’inflazione core e l’aumento previsto dei tassi di riferimento stanno registrando livelli simili a quelli tipici di una recessione. Misure più elevate di surriscaldamento economico negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada rispetto a Giappone e Euro Area suggeriscono che la prossima recessione potrebbe essere un po’ meno superficiale nelle prime tre.

– La risposta della politica monetaria e fiscale potrebbe essere più limitata rispetto alle recessioni precedenti. I problemi energetici rappresentano il rischio principale in Europa. L’inflazione di lungo periodo e le aspettative salariali sembrano ancora per lo più ancorate e c’è la possibilità che i problemi lato offerta migliorino.

La frequenza delle recessioni

La probabilità delle economie avanzate di entrare in recessione dagli anni ’60 è stata in media di circa il 15%. Il rischio di recessione non è variato molto tra i paesi o nel tempo negli ultimi decenni.

le probabilità di recessione
La probabilità media di recessione in varie economie avanzate dal 1961

La probabilità di recessione negli Stati Uniti è stata in media del 12% dagli anni ’90. Tra il 1855 e il 1990 è stata molto più alta del 23%. Dal grafico seguente possiamo notare che le recessioni statunitensi sono diventate meno frequenti in seguito alla creazione della Fed, all’ancoraggio delle aspettative di inflazione e al calo dell’importanza del settore manifatturiero.

le recessioni degli Stati Uniti

La gravità delle recessioni

Goldman definisce la gravità delle recessioni utilizzando la variazione del tasso di disoccupazione dal minimo al picco. L’analisi esclude la recessione del 2020 in quanto l’aumento del tasso di disoccupazione è stato un outlier.

La disoccupazione è aumentata di un tasso mediano del 2,7% nelle economie avanzate, con incrementi leggermente maggiori negli anni ’80. I paesi con maggiori aumenti del tasso di disoccupazione tendono ad avere recessioni meno frequenti, inclusi Regno Unito, Paesi Bassi e Svezia. Al contrario, i paesi con incrementi minori del tasso di disoccupazione tendono ad avere recessioni più frequenti, come Germania, Italia e Giappone.

le probabilità di recessione in base al tasso di disoccupazione
La variazione mediana del tasso di disoccupazione per decade e per diversi paesi sviluppati

Prevedere la gravità di una recessione

Goldman ha concluso che la crescita del costo unitario del lavoro e l’inflazione core elevata, insieme ad ampi aumenti del tasso di riferimento, spesso precedono gravi recessioni.

Nelle economie avanzate, la crescita del costo del lavoro, l’inflazione core e l’aumento previsto dei tassi d’interesse sono generalmente ai livelli mediani delle recessioni avvenute nel periodo preso in considerazione da Goldman Sachs. Il surriscaldamento è maggiore negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada e minore in Giappone e in Eurozona.

Secondo Goldman, dal punto di vista pessimistico, le misure di surriscaldamento economico elevate indicano un’alta probabilità di recessione. Sul lato ottimista, gli strateghi della banca suggeriscono che l’ampio surplus del settore privato indichi che la recessione potrebbe rivelarsi più leggera.

Gli economisti di Goldman non sono però riusciti a quantificare l’effetto negativo di decine di trilioni di valore perso. Mentre ci sono $ 2 trilioni di risparmi in eccesso, $ 20 trilioni sono evaporati dal mercato azionario.

La risposta della politica monetaria e fiscale potrebbe essere più limitata del solito perché i tassi ufficiali rimangono vicini al loro limite inferiore. I bilanci delle banche centrali e i livelli del debito pubblico sono molto elevati rispetto agli standard storici. Inoltre, l’esposizione alla guerra in Ucraina e il rischio di scarsità di approvvigionamento energetico dipingono una visione relativamente negativa per Germania e Italia.


ARTICOLI CORRELATI:

La prossima recessione: profondità e durata

Il rischio di una recessione è alto?

Frenare l’inflazione senza una recessione

Mercato del credito: cosa ci dice riguardo alle probabilità di recessione?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.