Quali sono i rischi di un inasprimento monetario eccessivo?

Nella strada di ritorno verso l’obiettivo del 2% di inflazione della Fed potrebbero verificarsi molti incidenti. In questo post andremo ad esaminare quali potrebbero essere i rischi di un inasprimento monetario eccessivo da parte delle banche centrali. Tenendo a mente i rischi noti, forse quelli

Scopri

Powell al FOMC di novembre: picco dei tassi più alto e nessun pivot

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che il picco dei tassi di interesse statunitensi sarà più alto di quanto precedentemente previsto, ma il percorso per raggiungerlo potrebbe presto comportare aumenti minori. Powell ritiene opportuno rallentare il ritmo degli aumenti già dal prossimo

Scopri

“Pausa” o “pivot”: quale sarà il passo successivo della politica monetaria della Fed?

La corsa per aumentare i tassi di interesse a livelli che sperano di reprimere l’inflazione sta entrando in una fase meno punitiva. La parola chiave “pivot” è di tendenza mentre si diffonde la speculazione sulla possibilità che la Fed possa guidare i mercati verso un taglio dei tassi il prossimo anno.

Una “pausa” potrebbe essere più probabile. Tuttavia, non abbiamo sentito usare nessuna delle due espressioni per descrivere il percorso della politica monetaria nei prossimi mesi. Affermare che la fine della più rapida stretta monetaria in almeno una generazione si sta avvicinando potrebbe essere una forzatura ma aumenti meno aggressivi dei tassi d’interesse da qui in poi sembrano avere senso.

aumento tassi interesse economie sviluppate

Una conseguenza del premere più delicatamente i freni è che la pausa prevista per il prossimo anno potrebbe richiedere più tempo per concretizzarsi. Alla riunione del FOMC di domani ci si aspetta che i funzionari aumentino il ​​tasso di riferimento di altri tre quarti di punto percentuale, la quarta mossa consecutiva di tale entità, e che passi a incrementi più piccoli alle prossime riunioni.

L’economia globale ha rallentato in modo significativo. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha avvertito la settimana scorsa della “maggiore probabilità di una recessione” e ha segnalato che è in lavorazione un approccio meno aggressivo.

Le banche centrali si stanno avvicinando a una sorta di “pivot”

Essendosi affrettati a portare i costi dei prestiti a un punto tale da limitare l’economia, i responsabili politici di tutto il mondo stanno iniziando a cercare una rampa di decelerazione. Anche se le banche centrali non sono pronte a terminare l’inasprimento, non è più folle ipotizzare che gli aumenti dei tassi sovradimensionati siano dietro di noi. Negli ultimi decenni, mosse al di sopra dei 25 punti base sono state insolite.

Quelli che avrebbero potuto essere considerati segnali isolati stanno diventando sempre più difficili da ignorare. La Reserve Bank of Australia ha sorpreso con un aumento di solo un quarto di punto questo mese, al posto del previsto aumento di 75 punti base. È l'”avvicinarsi” la chiave per capire questo momento.

L’esempio della Bank of Canada

Anche la Bank of Canada ha annunciato un aumento dei tassi di interesse inferiore al previsto la scorsa settimana e ha affermato che si sta avvicinando alla fine della sua storica campagna di inasprimento. La banca centrale ha aumentato il suo tasso di riferimento di mezzo punto percentuale al 3,75%, andando contro le previsioni di un ulteriore movimento di 75 punti base.

Tiff Macklem, governatore della Bank of Canada, è andato oltre nella sua conferenza stampa: “Questa fase di inasprimento volgerà al termine. Ci stiamo avvicinando, ma non ci siamo ancora”. Macklem ha detto ciò che pochi potrebbero esprimere in modo così esplicito, ad eccezione della sua controparte di Tokyo, Haruhiko Kuroda, che ogni mese trova nuovi modi per sottolineare che non sta nemmeno contemplando un aumento dei tassi.

La Bank of Canada è stata una delle principali banche centrali più agguerrite nell’attuale campagna di inasprimento e il suo tasso di riferimento è ora il più alto di 10 grandi economie sviluppate.

tassi interesse paesi sviluppati

Siamo vicini a un pivot della Fed?

A meno che non ci sia un problema che pone un potenziale rischio sistemico, è improbabile che la Fed annunci un pivot nei prossimi incontri. Un’inversione sarebbe come ammettere di essere andata troppo oltre.

Non abbiamo avuto alcuna indicazione che la Fed sia convinta che il tasso terminale sia stato raggiunto. In ogni caso, ci sono molte ragioni per cui la Fed potrebbe iniziare a ridurre l’entità e la frequenza degli aumenti dei tassi. Queste includono:

Nel lungo periodo, la politica della Fed è ancora guidata dall’idea che, per evitare una spirale salari/prezzi simile a quella degli anni ’70, la politica debba diventare rigida.

Un problema che si potrebbe verificare con l’ammissione di un Fed pivot è la potenziale impennata degli asset di rischio che allenterebbe immediatamente le condizioni finanziarie. Ciò potrebbe portare a un rimbalzo delle pressioni sui prezzi e danneggiare la lotta all’inflazione.

Adesso c’è bisogno di credibilità, coerenza e chiarezza da parte della principale banca centrale mondiale. Qualsiasi altra cosa offuscherà la visione del mercato e, in questo caso, accentuerà i rischi precedentemente associati a una Fed degli anni ’70 proprio nel momento in cui la banca centrale ha tolto quel confronto dal tavolo.

Il picco dell’inflazione

Sembra che l’inflazione abbia raggiunto il picco almeno negli Stati Uniti. L’inflazione headline e le misure dell’indice PCE nel rapporto sul prodotto interno lordo del terzo trimestre sono notevolmente rallentate da giugno.

È probabile che in futuro diminuiscano anche le cosiddette misure “core” dell’inflazione, poiché i prezzi delle case e gli affitti sono diventati decisamente più bassi e l’inflazione salariale sta decelerando. Tali input, tuttavia, tendono a muoversi con un deciso ritardo, quindi potrebbero non influenzare le letture dell’inflazione per altri tre o sei mesi.

Detto questo, stiamo sentendo sempre più aziende discutere di un rallentamento dell’economia, di interruzioni della catena di approvvigionamento in declino e della capacità di negoziare costi di input inferiori, tutti segnali positivi che le pressioni sui prezzi stanno diminuendo.

ARTICOLI CORRELATI:

L’inversione della curva dei rendimenti preferita dalla Fed: il segnale di recessione dello spread tra i rendimenti a 10 anni e i 3 mesi

I crescenti timori che la politica monetaria della Fed possa causare una recessione

Cosa potrebbe spingere la Fed a rallentare l’aumento dei tassi?

Perché il mercato del lavoro è così importante per la Fed?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy