Il settore immobiliare sta già accusando l’aumento dei tassi

Dopo i dati sull’inflazione, adesso il focus di investitori ed economisti è sulla riunione del FOMC di domani. Mentre il dibattito su soft e hard landing continua, c’è un’area in particolare in cui la politica monetaria della Fed potrebbe portare cambiamenti significativi: il settore immobiliare.

Scopri

Recessione abitativa: cosa dicono i dati della NAHB

I dati della National Association of Home Builders fanno pensare ad una recessione abitativa imminente. La fiducia dei costruttori di case, dopo il secondo crollo del mese scorso, che è stato il secondo più grande nella storia dei dati, è scesa nuovamente ad agosto segnando

Scopri

Il rallentamento del mercato immobiliare

I segnali di rallentamento del mercato immobiliare sono ormai ovunque. Gli ultimi arrivano dai dati sulle vendite e sui prezzi delle nuove case, che sono crollati a giugno mentre l’inventario è salito ai massimi dal 2008. La scorsa settimana invece la National Association of Realtors

Scopri

Il crollo della domanda di mutui negli Stati Uniti è solo l’ultimo dei segnali di recessione del mercato immobiliare

Nella settimana terminata il 30 settembre, la domanda di mutui per l’acquisto di una casa è precipitata del 13% dai livelli della settimana precedente, secondo la Mortgage Bankers Association (MBA). Rispetto alla stessa settimana dell’anno scorso, le richieste di acquisto di mutui sono diminuite del 37%, superando i minimi del lockdown. Secondo la MBA, il calo settimanale è stato causato dall’uragano Ian e dal picco dei tassi ipotecari.

applicazioni mutui USA minimo covid

L’attività di rifinanziamento

Le domande per rifinanziare un mutuo esistente sono crollate del 18% rispetto alla settimana precedente e dell’86% rispetto a un anno fa, toccando il livello più basso da gennaio 2000. D’altronde, come può un proprietario di una casa rifinanziare un vecchio mutuo al 3-4% con un nuovo mutuo al 7%?

L’attività di rifinanziamento ipotecario è fondamentale per gli istituti di credito ipotecario. Questi istituti hanno tutti ridotto il personale di migliaia di persone ciascuno e le loro azioni sono crollate. Alcuni prestatori di mutui hanno già dichiarato il fallimento.

azioni prestatori mutui USA
Le azioni dei maggiori istituti di credito ipotecario sono crollate

L’aumento dei tassi ipotecari

La misura giornaliera del tasso ipotecario fisso a 30 anni di Mortgage News Daily ha raggiunto il 7,08% la scorsa settimana. La misura settimanale di Freddie Mac, basata sui tassi ipotecari all’inizio di questa settimana, è balzata di 41 punti base rispetto alla settimana precedente, al 6,7%,. Questo è il livello più alto dal 2007.

Il tasso medio per un mutuo a 15 anni è aumentato di 52 punti base rispetto alla settimana precedente, attestandosi al 5,96%, il più alto da ottobre 2008, secondo i dati di Freddie Mac.

tassi mutui USA 30 anni 15 anni massimo 2008

Lo spread tra i tassi ipotecari e i Treasury

Il tasso ipotecario fisso a 30 anni viaggia più o meno parallelamente al rendimento del Tesoro a 10 anni. Questo ha senso perché la maggior parte dei mutui viene estinta molto prima, poiché le persone rifinanziano il mutuo o vendono la casa. Secondo Rocket Mortgage, la durata media di un mutuo a 30 anni è inferiore a 10 anni.

La differenza tra il tasso ipotecario fisso a 30 anni e il rendimento dei Treasury a 10 anni è aumentato a 2,92 punti percentuali, eguagliando il massimo pluriennale del 31 dicembre 2008, raggiunto durante la crisi finanziaria. Per arrivare ad una differenza più ampia, bisogna tornare al 1986.

Lo spread tende ad allargarsi o restringersi quando un tasso si muove molto più velocemente dell’altro. Quest’anno il divario si è allargato perché il rendimento dei Treasury a 10 anni è stato più lento a salire. Quest’ultimo reagisce sempre molto più lentamente ai cambiamenti nelle politiche monetarie rispetto ai rendimenti a breve termine.

spread tassi mutui Treasury

L’aumento dell’offerta di case

La nuova costruzione residenziale è stata lenta nel rispondere alla ripresa della domanda nel 2020, con le restrizioni Covid che hanno limitato l’attività nella fase iniziale della pandemia. Poi è arrivato l’aumento dei costi delle materie prime mentre la mancanza di lavoratori disponibili ha creato sfide e costi di montaggio. L’avvio di alloggi e i permessi di costruzione alla fine hanno accelerato, raggiungendo i massimi degli ultimi 16 anni all’inizio del 2022.

Tuttavia, l’indice del sentiment della National Association of Homebuilders Builders è diminuito per nove mesi consecutivi a causa del calo della domanda combinato con i costi elevati. Le vendite stanno rallentando in un momento in cui l’attività di costruzione è forte.

L’inventario delle nuove case in vendita è aumentato del 64% dal terzo trimestre del 2020. In genere, i costruttori non sono nella posizione finanziaria per mantenere le case inoccupate e sono quindi costretti a diminuire i prezzi per cercare di venderle.

La storia non è così drammatica nel mercato delle case esistenti, anche se l’inventario in vendita è aumentato del 50% da febbraio a 1,28 milioni di case e ci vorranno 3,2 mesi per cancellare l’arretrato di case in vendita al ritmo attuale delle transazioni. Questo è in aumento rispetto a 1,6 mesi a gennaio, ma rimane al di sotto della media di 5,4 mesi degli ultimi 20 anni.

Le implicazioni per l’economia

Secondo Fannie Mae, la combinazione di alta inflazione, inasprimento della politica monetaria e un mercato immobiliare in rallentamento potrebbe far precipitare l’economia in una modesta recessione nel 2023. La società stima una crescita dell’1,3% del PIL degli Stati Uniti nel terzo trimestre e dello 0,7% nel quarto trimestre. L’economia si contrarrà dello 0,4% nel primo trimestre del 2023.

Poiché i tassi dei mutui continuano ad aumentare, Fannie Mae ha abbassato le sue previsioni per le vendite totali di case a 5,71 milioni nel 2022 e 4,98 milioni nel 2023. Si tratta rispettivamente di un calo del 17,2% e del 12,8% annuo.

L’aumento dei tassi sta già avendo l’effetto desiderato dalla Fed sul mercato immobiliare, poiché la crescita dei prezzi delle case ha iniziato a rallentare. “Prevediamo che il rallentamento delle abitazioni continui fino al 2023 con l’aumento dei vincoli di accessibilità economica per i potenziali acquirenti di case e la diminuzione dell’attività di rifinanziamento”, ha affermato il capo economista di Fannie Mae

I tassi continueranno ad aumentare

Dopo aver toccato i minimi storici lo scorso anno, i tassi ipotecari hanno iniziato a salire nel 2022 quando la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse per combattere l’inflazione.

La Fed ha alzato per la terza volta consecutiva i tassi di interesse di 75 punti base a settembre, dopo che l’inflazione ha raggiunto l’8,3% ad agosto, rimanendo vicina al massimo degli ultimi 40 anni.

Fannie Mae prevede che il tasso di riferimento della Fed raggiungerà un intervallo compreso tra il 3,5% e il 3,75% all’inizio del 2023. Secondo la società di mutui, il recente aumento dei tassi di interesse è dovuto al riconoscimento da parte del mercato di due fattori critici: che l’inflazione non è transitoria e che, per domarla, la Federal Reserve dovrà essere risoluta, anche se il rischio di recessione è alto.

ARTICOLI CORRELATI:

Il rallentamento del mercato immobiliare

Mercato immobiliare USA: riuscirà a sopravvivere alla Fed?

Il settore immobiliare sta già accusando l’aumento dei tassi

Economia cinese: tra i lockdown e la crisi immobiliare

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy