Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

L’inflazione USA continua a scendere a dicembre

L’inflazione USA ha continuato a rallentare a dicembre, confermando che le pressioni sui prezzi hanno raggiunto il picco e mettendo la Federal Reserve sulla buona strada per rallentare nuovamente il ritmo degli aumenti dei tassi di interesse.

L’indice complessivo dei prezzi al consumo è sceso dello 0,1% rispetto al mese precedente, con i costi energetici più bassi che alimentano il primo calo in 2 anni e mezzo. Su base annuale la misura è aumentata del 6,5%, il minimo da ottobre 2021.

inflazione USA dicembre

Escludendo cibo ed energia, il cosiddetto core CPI è aumentato dello 0,3% il mese scorso e del 5,7% rispetto all’anno precedente, il ritmo più lento da dicembre 2021.

I dati sull’inflazione USA di dicembre, se abbinati alle letture dei mesi precedenti, sono coerenti con la moderazione degli aumenti dei prezzi e potrebbero aprire la strada alla Fed per passare a un aumento di un quarto di punto alla prossima riunione che si concluderà il 1° febbraio.

Detto questo, il lavoro della banca centrale è tutt’altro che concluso. La resilienza della domanda dei consumatori, unita a un mercato del lavoro teso, minaccia di mantenere la pressione al rialzo sui prezzi.

Si prevede che la Fed aumenterà ulteriormente i tassi di interesse prima di fermarsi per valutare l’impatto sull’economia del ciclo di inasprimento più aggressivo degli ultimi decenni. I responsabili politici hanno sottolineato la necessità di mantenere i tassi a un livello elevato per un bel po’ di tempo e messo in guardia dal sottovalutare la loro determinazione.

Gli affitti continuano ad essere il driver principale dell’inflazione

I costi degli alloggi, che rappresentano la maggiore componente dei servizi e costituiscono circa un terzo del CPI, sono aumentati dello 0,8% il mese scorso, dando il maggior contribuito all’aumento mensile del core CPI. Anche l’affitto equivalente dei proprietari (OER) è aumentato dello stesso importo.

A causa del modo in cui viene calcolata questa categoria, c’è un ritardo tra le misure in tempo reale – che attualmente mostrano un rallentamento – e i dati del Dipartimento del lavoro.

Escludendo energia, affitto e OER, i prezzi dei servizi sono aumentati dello 0,3%. Il presidente della Fed Jerome Powell e i suoi colleghi hanno sottolineato l’importanza di guardare questa misura quando si valuta la traiettoria dell’inflazione.

Su base annuale, l’inflazione degli affitti è aumentata dell’8,3%, in rialzo rispetto al 7,9% di novembre, mentre quella dello shelter è aumentata del 7,5%, dal 7,1% precedente.

inflazione affitti USA dicembre

Ecco alcune delle variazioni mensili più rilevanti nei dati dell’inflazione USA di dicembre:

  • Cibo a casa: +0,2%, l’aumento più basso da marzo 2021;
  • Olio combustibile: -16,6%, il calo più grande da febbraio 1990;
  • Auto usate: -2,5%, il sesto calo consecutivo;
  • Abbigliamento: +0,5%, l’aumento più grande da giugno;
  • Tariffe aeree:-3,1%, il calo maggiore da agosto;
  • Servizi di assistenza medica: +0,1%, il primo aumento in tre mesi.

Beni vs Servizi

Escludendo cibo ed energia, i prezzi dei beni sono scesi dello 0,3% rispetto a novembre, guidati dalla diminuzione dei prezzi delle auto usate. I prezzi della benzina sono scesi del 9,4%, dando il maggior contributo alla diminuzione della lettura headline.

Sui prezzi delle merci continua a pesare la rotazione della spesa dei consumatori dai beni ai servizi. Si prevede che un ulteriore calo dei prezzi dei beni sarà uno dei principali motori della discesa del core CPI annuale nel 2023.

Mentre l’inflazione annuale dei beni è scesa al minimo da febbraio 2021, l’inflazione dei servizi è salita al massimo da settembre 1982.

inflazione beni servizi USA dicembre

Quale sarà il percorso dell’inflazione dal picco?

C’è ancora molta incertezza su quanto l’inflazione possa diminuire e se i rapidi aumenti dei tassi della Fed alla fine spingeranno gli Stati Uniti in recessione.

Dato che i salari costituiscono un’ampia quota dei costi delle imprese, gli economisti pensano che il mercato del lavoro svolga un ruolo chiave nelle prospettive di inflazione. L’ultimo rapporto sull’occupazione ha mostrato un certo raffreddamento della crescita dei salari, ma le assunzioni rimangono robuste e il tasso di disoccupazione è sceso al minimo in cinque decenni.

Il persistente squilibrio tra domanda e offerta di lavoro sta sostenendo la crescita dei salari e la spesa dei consumatori in un momento in cui la Fed sta cercando di rallentare la domanda.

Oltre alle dinamiche nazionali, per la traiettoria dell’inflazione saranno determinanti anche diversi fattori globali, come lo stato delle catene di approvvigionamento e le tensioni geopolitiche.

La reazione dei mercati al rapporto sull’inflazione USA di dicembre

I rendimenti dei Treasury sono crollati dopo che i dati sull’inflazione hanno mostrato segni di allentamento, guidati dal segmento a breve termine. Le azioni hanno registrato lievi guadagni.

Sulla scia del rilascio, gli swap si sono spostati scontando meno di 50 punti base di inasprimento nei prossimi due incontri. I prezzi sui contratti di febbraio suggeriscono una mossa di 25 punti base per quell’incontro e solo una piccola possibilità di una mossa di 50 punti base.

aspettative tassi Fed riunione febbraio
ARTICOLI CORRELATI:

Fuga dati CPI USA: la sicurezza dei rilasci è in dubbio

Guarda l’inflazione degli affitti per valutare la politica monetaria della Fed

CPI USA di novembre sotto le stime conferma il picco dell’inflazione

Inflazione statunitense sotto le aspettative a ottobre: salgono azioni e obbligazioni

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.