Bull Run di Bitcoin: dovresti comprare sopra i 40.000 dollari?

Bitcoin è aumentato di oltre il 160% quest’anno. Martedì il token ha superato i 43.000 dollari, aggiungendo circa il 16%. L’ottimismo per ulteriori guadagni è alto. Stiamo assistendo a una bull run di Bitcoin oppure il prezzo del token è destinato a fermarsi? La performance

Scopri

L’evoluzione del sistema bancario ombra

L’innovazione finanziaria e tecnologica e i cambiamenti nel contesto macroeconomico hanno portato alla crescita delle istituzioni finanziarie non bancarie e allo spostamento delle banche nella fornitura dei tradizionali servizi di intermediazione finanziaria (raccolta di depositi, concessione di prestiti e facilitazione dei pagamenti). In questo post,

Scopri

Guida per iniziare ad investire: le basi degli investimenti

Se sei un investitore principiante o devi ancora iniziare ad investire, magari perché pensi di aver bisogno di molti soldi o non sei sicuro di quale sia il miglior investimento, ti servono le basi. Tutti devono iniziare da qualche parte. Warren Buffet, uno degli uomini

Scopri

E’ giunta la fine dell’era della globalizzazione?

La parola “geopolitica” sta emergendo sempre più spesso nelle chiamate degli utili e nei documenti di alcune delle più grandi aziende del mondo. Tutte le discussioni sulla fine dell’era della globalizzazione non sono più solo chiacchiere. Adesso iniziano ad emergere prove concrete del fatto che le aziende si stanno schierando con il loro capitale. Le multinazionali occidentali stanno costruendo le fabbriche del futuro in nazioni che la pensano allo stesso modo. Allo stesso tempo, i governi stanno spingendo le aziende a tenere a mente gli interessi nazionali e fornendo sussidi e altri incentivi per riportare la produzione a casa.

Secondo un’analisi di Bloomberg Economics dei dati sugli investimenti diretti esteri, il mondo si sta riorganizzando in blocchi rivali, sebbene ancora collegati, che riflettono i voti delle Nazioni Unite sull’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

E’ ancora prematuro parlare della fine dell’era della globalizzazione. Ma le tensioni geopolitiche stanno iniziando a modellare i flussi commerciali. All’inizio di quest’anno, gli economisti del Fondo monetario internazionale hanno dichiarato che i flussi di investimenti e beni non seguivano più i percorsi abituali. L’analisi dei dati ha rilevato che la geopolitica ha avuto un ruolo accelerante nel guidare il flusso di capitali negli ultimi anni. I recenti flussi di investimenti esteri sono diventati più propensi a dirigersi verso paesi allineati geopoliticamente piuttosto che verso quelli geograficamente vicini.

La geopolitica guida gli investimenti esteri

La competizione geopolitica finora si è concentrata su settori tecnologici strategici come i semiconduttori o l’informatica quantistica, così come su progetti di energia pulita. Ora anche il commercio mondiale delle materie prime si sta fratturando. Gli Stati Uniti e i loro alleati asiatici ed europei si stanno adoperando per garantire nuove catene di approvvigionamento amichevoli per i minerali e altre materie prime come rame, nichel e litio.

In alcuni luoghi la divisione è guidata dal desiderio di allontanarsi dal dollaro. I paesi BRICS stanno esplorando una nuova valuta comune che potrebbe proteggere i membri dall’impatto di sanzioni come quelle imposte alla Russia. Il Bangladesh ha accettato di pagare alla Russia circa 300 milioni di dollari in yuan cinesi per una centrale nucleare. Il Pakistan è desideroso di un accordo a lungo termine per l’acquisto di greggio russo nella valuta cinese.

Ma niente mostra il modo in cui il mondo sta cambiando meglio degli investimenti diretti esteri greenfield. Si tratta degli investimenti a lungo termine in nuove fabbriche che spesso richiedono anni per essere realizzate.

Usando come filtro i voti delle Nazioni Unite per condannare l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, Bloomberg Economics ha scoperto che la quota globale di investimenti diretti esteri greenfield destinati a paesi che non hanno condannato l’invasione è stata in media solo del 15% negli ultimi due anni, in calo rispetto al 30% nel decennio fino al 2019. La quota della Cina, inclusa Hong Kong, è scesa a meno del 2% nel 2022 da una media di quasi l’11% nel periodo 2010-19. Gli investimenti in Russia si sono completamente prosciugati.

Gli Stati Uniti sono stati i maggiori vincitori nel 2021-22, registrando il maggiore aumento della loro quota. A guadagnare quote di investimenti esteri sono stati anche altri paesi del G7 come la Germania, l’Italia e il Regno Unito.

Il futuro di un’economia mondiale divisa

Guidati da Stati Uniti e Unione Europea, i paesi che hanno votato per condannare l’invasione della Russia rappresentano oltre due terzi del prodotto interno lordo globale. La Cina si trova al centro dell’altro blocco.

frammentazione economia globale

Il FMI ha calcolato che, negli scenari più estremi in cui l’economia globale si dividesse in blocchi concorrenti, si distruggerebbe fino al 7% della produzione nel lungo termine.

La crescente frammentazione potrebbe avere conseguenze negative più ampie per l’economia globale come una maggiore inflazione dovuta all’aumento dei costi di produzione, una minore innovazione poiché la cooperazione internazionale nella ricerca diventa più rara e una maggiore povertà e disuguaglianza globale.

E’ ancora presto per parlare della fine dell’era della globalizzazione

Anche se stiamo assistendo alla frammentazione dell’economia globale, oggi i paesi sono più interconnessi di quanto lo siano mai stati. La guerra in Ucraina e le conseguenti sanzioni hanno ostacolato il commercio di particolari materie prime. Altri eventi, come le guerre commerciali tra Stati Uniti e Cina, hanno causato disagi. Ma la realtà è che il commercio globale si è dimostrato resiliente.

L’istinto delle aziende di inseguire profitti e mercati redditizi rimane forte quanto il desiderio di affari dei consumatori. I membri di entrambi i blocchi rimangono desiderosi di commerciare tra di loro. Il mese scorso il ministro del Commercio americano si è recato in Cina per discutere di una possibile ripresa delle vendite di aerei Boeing e di altre esportazioni statunitensi.

Paesi come l’India che hanno scelto di non condannare l’invasione della Russia stanno cercando nuove relazioni strategiche con gli Stati Uniti e altre potenze occidentali, che considerano questi legami vitali. Sia gli investitori cinesi che quelli occidentali si stanno riversando in una famiglia sempre più importante di economie di collegamento come il Vietnam e il Messico, che stanno cercando di cavalcare i blocchi su entrambi i lati.

ARTICOLI CORRELATI:

Friend-Shoring: il futuro del commercio globale?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.