Quanto è difficile misurare l’inflazione?

Con i prezzi in rapido aumento dopo la pandemia di Covid, raramente i dati sull’inflazione sono stati così presenti nel dibattito pubblico come negli ultimi anni. Le stime dell’inflazione per un dato mese possono cambiare sostanzialmente man mano che vengono rilasciati i dati successivi. Ad

Scopri

Fino a quando rimarranno alti i tassi di interesse?

Per quanto tempo i mutuatari di tutto il mondo riusciranno a sostenere tassi di interesse più alti è forse la domanda più importante in economia in questo momento. L’analisi dei funzionari politici ha portato a previsioni errate secondo cui l’inflazione si sarebbe rivelata transitoria con

Scopri

E’ giunta la fine dell’era della globalizzazione?

La parola “geopolitica” sta emergendo sempre più spesso nelle chiamate degli utili e nei documenti di alcune delle più grandi aziende del mondo. Tutte le discussioni sulla fine dell’era della globalizzazione non sono più solo chiacchiere. Adesso iniziano ad emergere prove concrete del fatto che

Scopri

La Russia vieta temporaneamente le esportazioni di diesel e benzina

La decisione della Russia di vietare temporaneamente le esportazioni di diesel e benzina rischia di interrompere le forniture prima dell’inverno. Il carburante di tipo diesel alimenta diverse aree dell’economia globale. La perdita di offerta, e qualsiasi aumento dei prezzi, avrà quindi vaste implicazioni. Ma quanto

Scopri

Tutto quello che devi sapere sul blocco BRICS

Il blocco BRICS – Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa – è un gruppo multilaterale che promuove un movimento verso un mondo più “multipolare” e lontano dal dominio degli Stati Uniti, esercitato attraverso strutture come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale.

Decine di paesi di ogni orientamento politico, tra cui Indonesia, Arabia Saudita e Emirati Arabi, chiedono a gran voce di aderire al gruppo. L’ammissione di nuovi membri è stata una delle priorità dell’agenda del vertice BRICS che si è tenuto a Johannesburg questa settimana.

L’ostacolo più grande all’espansione del blocco BRICS è la divergenza tra i membri sulle principali questioni politiche e di sicurezza, comprese le relazioni con gli Stati Uniti. La Cina ha avviato il dibattito sull’espansione quando ha presieduto il vertice BRICS lo scorso anno, suscitando la preoccupazione tra alcuni membri del gruppo che la sua influenza potesse diventare troppo grande. Ora sembra esserci un accordo sull’ammissione di più membri, anche se rimangono alcuni punti critici.

In questo post esploreremo il mondo dei BRICS, dalla loro nascita ai tentativi di espansione.

Come è nato il blocco BRICS?

Il termine “BRIC” è stato coniato nel 2001 dall’economista di Goldman Sachs Group Jim O’Neill per attirare l’attenzione sui forti tassi di crescita di Brasile, Russia, India e Cina. L’acronimo è nato per sostenere una tesi ottimistica per gli investitori in un contesto di pessimismo del mercato a seguito degli attacchi terroristici negli Stati Uniti l’11 settembre di quell’anno.

La rapida crescita delle quattro nazioni all’epoca significava che avevano interessi condivisi e sfide comuni. Stavano già cooperando in forum come l’Organizzazione Mondiale del Commercio e sentivano che la loro influenza in un ordine mondiale dominato dagli Stati Uniti sarebbe stata maggiore se le loro voci si fossero unite.

Il primo incontro dei ministri degli Esteri dei paesi BRIC è stato organizzato dalla Russia a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2006. Il gruppo ha tenuto il suo primo vertice nel 2009. Il Sudafrica ha aderito alla fine del 2010, aggiungendo un’altra lettera all’acronimo originale.

Quali sono i traguardi raggiunti finora dal blocco BRICS?

I maggiori risultati dei BRICS sono stati di natura finanziaria. I paesi hanno concordato di mettere in comune 100 miliardi di dollari in valuta estera, che potranno prestarsi reciprocamente durante le emergenze.

Nel 2015 hanno fondato la Nuova Banca per lo Sviluppo, un’istituzione ispirata alla Banca Mondiale che ha approvato più di 32 miliardi di dollari di prestiti principalmente per acqua, trasporti e altri progetti infrastrutturali.

Negli ultimi cinque anni, il commercio tra i membri del blocco BRICS è aumentato del 56% arrivando a 422 miliardi di dollari. Dal punto di vista economico, le risorse naturali e i prodotti agricoli di Brasile e Russia li rendono partner naturali della Cina. India e Cina hanno rapporti commerciali più deboli tra loro, in parte a causa delle rivalità politiche e di un’aspra disputa sui confini.

Nel vertice BRICS di quest’anno, i leader del Sud del mondo hanno discusso su come aumentare gli scambi nelle proprie valute e creare un sistema di pagamenti comune, iniziative che potrebbero ridurre la loro dipendenza dal dollaro. L’introduzione di una valuta comune è vista come un progetto di lungo termine.

Chi è il membro più influente dei BRICS?

Il prodotto interno lordo della Cina è più del doppio di quello di tutti gli altri membri messi insieme. In teoria, questo dovrebbe dargli la massima influenza. L’India, che recentemente ha superato la Cina in termini di popolazione, ha fatto da contrappeso.

membri blocco BRICS capitalizzazione mercato

La Cina è considerata un paese in via di sviluppo, anche se il suo status di seconda economia più grande del mondo rende questa classificazione poco adatta.

I BRICS non hanno formalmente approvato la grande spinta cinese allo sviluppo chiamata Belt and Road Initiative, in parte perché l’India si oppone ai progetti infrastrutturali nel territorio controllato dal Pakistan, suo vicino e acerrimo rivale.

La Nuova Banca per lo Sviluppo non ha un azionista dominante. Pechino ha accettato le quote paritarie sostenute da Nuova Delhi. La banca ha sede a Shanghai, ma è stata guidata da un indiano e adesso il capo è l’ex presidente del Brasile.

I BRICS come tema di investimento

C’è ancora un forte interesse per i mercati emergenti tra gli investitori. Ma oggi i BRICS sono in gran parte irrilevanti come tema di investimento a causa dei cambiamenti geopolitici e delle diverse traiettorie economiche dei membri.

Ad eccezione dell’India, negli ultimi cinque anni i BRICS hanno sottoperformato i loro omologhi dei mercati emergenti. Le sanzioni guidate dagli Stati Uniti hanno messo la Russia off-limits per la maggior parte degli investitori stranieri. Anche alcuni settori in Cina – in particolare quello tecnologico – sono stati sanzionati o si trovano ad affrontare potenziali divieti di investimento.

La Cina è alle prese con un rallentamento strutturale. L’economia del Brasile ha subito un netto rallentamento dopo la fine del boom globale delle materie prime circa dieci anni fa, mentre quella del Sud Africa è stata soggetta ad anni di continui blackout energetici perché l’azienda statale non riesce a produrre abbastanza elettricità per soddisfare la domanda.

L’India è ancora una storia di crescita che le banche di investimento paragonano oggi alla Cina di 15 anni fa, anche se non è chiaro se possa seguire il modello cinese guidato dal settore manifatturiero.

ARTICOLI CORRELATI:

Vertice BRICS: espansione, de-dollarizzazione, moneta comune

I migliori Carry Trade del 2023

Il rallentamento dell’economia cinese è un problema per tutto il mondo

Deflazione in Cina: perché i prezzi stanno diminuendo?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.