Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

L’evoluzione del sistema bancario ombra

L’innovazione finanziaria e tecnologica e i cambiamenti nel contesto macroeconomico hanno portato alla crescita delle istituzioni finanziarie non bancarie e allo spostamento delle banche nella fornitura dei tradizionali servizi di intermediazione finanziaria (raccolta di depositi, concessione di prestiti e facilitazione dei pagamenti). In questo post, esamineremo lo sviluppo congiunto delle banche e delle società non bancarie all’interno della struttura organizzativa delle holding bancarie. La Federal Reserve di New York ha analizzato l’evoluzione del cosiddetto sistema bancario ombra utilizzando un database della struttura organizzativa di tutte le holding bancarie esistenti dagli anni ’70. I risultati dell’analisi suggeriscono che esistono importanti sinergie di conglomerazione nel tenere sia le banche che le istituzioni finanziarie non bancarie sotto lo stesso ombrello organizzativo.

Banche e Non-Banche

La concezione tradizionale dell’intermediazione finanziaria vede le banche e le società non bancarie evolversi in modo indipendente. Le banche sono fondamentalmente istituzioni depositarie che concedono prestiti e facilitano i pagamenti. La loro evoluzione rimane ancorata a queste attività principali. D’altro canto, le istituzioni finanziarie non bancarie sono viste come un gruppo eterogeneo: assicuratori, istituti di credito specializzati, fondi di investimento. Ciascun segmento opera secondo strutture di controllo, normative e modelli di business distinti. Una caratteristica comune delle istituzioni finanziarie non bancarie è che possono sostituire le banche come intermediari finanziari.

L’innovazione finanziaria e i cambiamenti normativi negli anni ’90 hanno rafforzato la cartolarizzazione delle attività. Ciò ha spostato la modalità prevalente di intermediazione finanziaria da un modello incentrato sulle attività bancarie principali – come la raccolta di depositi e l’emissione di prestiti – a un nuovo modello in cui i prestiti erano impacchettati in titoli e venduti agli investitori. Con questo cambiamento, è cresciuta l’importanza di diverse attività non bancarie che comportano la fornitura di servizi specializzati a sostegno del processo di cartolarizzazione (come prestiti specializzati, creazione di mercati, gestione di attività e assicurazioni).

Piuttosto che restare a guardare passivamente, le banche hanno adattato i propri modelli di business e hanno incorporato sempre più queste nuove attività. Questa visione alternativa implica che l’evoluzione delle banche e dei soggetti non bancari è fortemente intrecciata.

L’evoluzione congiunta di banche e non banche

Storicamente le holding bancarie hanno avuto una sostanziale impronta non bancaria. Nel grafico seguente si possono osservare le attività di 200 holding bancarie – che complessivamente detengono circa il 90% degli asset del settore – per ogni trimestre dal 1990 al 2022.

evoluzione sistema bancario ombra

La stragrande maggioranza delle holding ha filiali non bancarie. Nel corso degli anni, si sono aggiunte entità quali istituti di credito non bancari, intermediari, fondi di gestione patrimoniale e assicurazioni. Nel quarto trimestre del 2022, solo circa l’8% delle filiali delle holding bancarie erano classificate come banche commerciali.

Una visione delle attività non bancarie incentrata sui conteggi delle filiali può essere fuorviante perché tali entità potrebbero essere semplicemente entità vuote create per ragioni legali, o potrebbero essere attività accessorie (non finanziarie). Scopriamo invece che le filiali non bancarie contribuiscono in modo significativo al modello di business delle holding bancarie, misurato dalla composizione delle loro attività e del loro reddito. Nel grafico seguente vengono scomposti gli asset delle prime 200 holding per tipologia di filiale: bancaria o non bancaria.

asset banche e non banche

Come mostra il grafico, le istituzioni finanziarie non bancarie rappresentano una quota in costante aumento del totale degli asset delle holding bancarie: circa il 15%, ovvero più di 2,9 trilioni di dollari, nel quarto trimestre del 2022.

L’evidenza dimostra che le istituzioni finanziarie non bancarie hanno avuto un ruolo significativo all’interno delle holding nel corso degli anni. La decisione di raggruppare le filiali all’interno delle catene di controllo interno riflette la capacità di quelle filiali collegate di generare benefici di conglomerazione. Le imprese bancarie hanno semplicemente perseguito una strategia di diversificazione organizzativa e riconosciuto l’esistenza di vantaggi di conglomerazione tra banche e non banche.

ARTICOLI CORRELATI:

I rischi sistemici dello Shadow Banking system: perché dovresti conoscere le dinamiche “ombra”

Il mercato di cui nessuno parla è forse il più importante: il Repo Market

Gli haircut e la prociclicità del Repo Market

Cosa è successo nel Repo Market a Settembre del 2019

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.