Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

I principi di investimento e di vita di Charlie Munger

Charlie Munger, che ha lavorato al fianco di Warren Buffett per 60 anni trasformando Berkshire Hathaway in una potenza di investimento globale, è morto martedì all’età di 99 anni. Già da tempo si era assicurato un posto tra gli investitori più influenti mai esistiti. Tra i suoi numerosi contributi, Munger ha lasciato centinaia di perle su come investire e vivere bene. Con simpatia e schiettezza, tra numerose assemblee degli azionisti di Berkshire, interviste e discorsi pubblici, Charlie Munger ha fatto emergere i suoi principi di investimento e di vita. In questo post ne vediamo alcuni.

Interessati di più discipline

Avvocato di formazione nonché un appassionato giocatore di poker, Munger ha attribuito gran parte del suo successo al suo interesse per tutto. Sosteneva l’apprendimento di tutte le grandi idee in tutte le grandi discipline. I suoi discorsi erano pieni di riferimenti a Confucio, Charles Darwin, Benjamin Franklin, Isaac Newtown e persino Mozart. In un certo senso, i suoi vasti interessi accademici sembravano rispecchiare il portafoglio di Berkshire, che attualmente comprende partecipazioni nel gigante tecnologico Apple, nell’assicuratore automobilistico Geico e nel trasportatore di dolciumi See’s Candies.

Munger ha temperato questo interesse per varie discipline con una resistenza alla diversificazione fine a se stessa. “Una delle cose insensate che vengono insegnate nella moderna istruzione universitaria è che un’ampia diversificazione è assolutamente obbligatoria per investire in azioni”, ha detto Munger durante l’incontro annuale di Berkshire di quest’anno. “È un’idea folle. Non è così facile avere una vasta gamma di buone opportunità facilmente identificabili”.

Preparati al peggio

Munger veniva definito come pessimista. Certamente, aveva una valutazione più cupa di Buffett riguardo alle prospettive di successo nel mondo degli investimenti di oggi. “È un mondo radicalmente diverso da quello in cui abbiamo iniziato. E suppongo che avrà le sue opportunità, ma avrà anche alcuni episodi spiacevoli”, ha detto al meeting di Berkshire quest’anno.

A Munger non dispiaceva guardare il bicchiere mezzo vuoto. Lo considerava un atteggiamento prudente. “Non mi rendeva infelice anticipare continuamente i problemi ed essere pronto ad agire adeguatamente se arrivavano”, ha detto pochi mesi prima dell’inizio della recessione del 2007 e della crisi finanziaria globale.

La sua prudenza gli ha impedito di investire in alcune delle aziende più importanti degli ultimi vent’anni. Nel 2019, Munger ha dichiarato di essersi pentito di non aver acquistato Alphabet agli albori. Geico era un cliente pubblicitario di Google all’epoca, e Munger disse che lui e Buffett avrebbero dovuto vedere quanto stava diventando forte.

Persegui la qualità

Munger ha spinto Buffett ad ampliare il suo approccio agli investimenti andando oltre il “valore” e verso la “qualità”. Munger ha minimizzato la sua influenza sullo stile di investimento di Buffet. Ecco cosa ha detto nel 2003:

C’è un po’ di mitologia nell’idea che io sia stato il grande illuminatore di Warren Buffett. Warren non ha avuto bisogno di molte spiegazioni, ma entrambi abbiamo continuato a imparare continuamente… E See’s Candy ha insegnato a entrambi una lezione meravigliosa. E ti insegnerò una lezione se ti racconto la storia completa. Se See’s Candy avesse chiesto 100.000 dollari in più, Warren e io saremmo andati a piedi. Ecco quanto eravamo stupidi in quel momento. E uno dei motivi per cui non abbiamo camminato è che mentre stavamo prendendo questa meravigliosa decisione non avremmo pagato un centesimo in più, Ira Marshall ci ha detto: “Ragazzi, siete pazzi. Ci sono alcune cose per cui dovreste pagare, cose come la qualità del business e così via. “State sottovalutando la qualità.”

Ma Buffett ha la sua versione della storia, che attribuisce molto più credito a Munger per l’evoluzione di Berkshire:

Non era solo Ira Marshall. Charlie ha enfatizzato la qualità molto più di quanto avessi fatto io quando ho iniziato. Aveva un background in una certa misura diverso dal mio, e sono rimasto enormemente colpito da un insegnante eccezionale, e per una buona ragione. Ha più senso, come abbiamo sottolineato, acquistare un’attività meravigliosa a un prezzo giusto, piuttosto che un’attività giusta a un prezzo meraviglioso. E abbiamo cambiato il nostro obiettivo – o comunque ho cambiato la mia attenzione mentre Charlie l’aveva già fatto.

Concentrati su cosa non fare

Nel suo discorso di apertura alla USC Gould School of Law del 2007, Munger ha condiviso i suoi pensieri su quella che ha chiamato “inversione”. In altre parole: “Cosa vuoi evitare?” Ha detto di aver fatto molte buone scelte semplicemente concentrandosi su cosa non fare. All’epoca, i suoi esempi includevano l’evitare la pigrizia, l’ideologia intensa e le associazioni perverse (incluso lavorare per persone che non ti piacciono o che non rispetti).

Una delle mosse migliori di Berkshire è stata evitare la frenesia speculativa come durante la bolla delle dot-com. Ecco alcune delle epiche valutazioni di Munger sui cicli boom and bust che ha vissuto:

  • Intelligenza Artificiale: “Personalmente sono scettico riguardo a parte dell’hype che è stata rivolta all’intelligenza artificiale. Penso che l’intelligenza vecchio stile funzioni piuttosto bene”.
  • Criptovalute: “Se qualcuno dice: ‘Creerò qualcosa che in un certo senso sostituirà la valuta nazionale’, è come dire che sostituirà l’aria nazionale. È assurdo. Non è nemmeno leggermente stupido, è enormemente stupido.
  • Meme stocks: “Diventa molto pericoloso, ed è davvero stupido avere una cultura che incoraggia così tanto il gioco d’azzardo in azioni da parte di persone che hanno la mentalità di scommettitori di corse.”
ARTICOLI CORRELATI:

Muore Charlie Munger: vita, carriera e approccio agli investimenti

Principi di investimento di Warren Buffett

Berkshire Hathaway raggiunge un massimo storico dopo gli utili Q2

Investire in azioni estere come Warren Buffett

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.