Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

I rendimenti delle obbligazioni italiane aumentano sottolineando le sfide del governo Meloni

Non importa quanto sia attenta ai pericoli in vista delle elezioni del prossimo anno. Giorgia Meloni non riesce a smettere di innervosire gli investitori obbligazionari italiani. Da quando il primo ministro ha deciso di tassare gli “extraprofitti” delle banche in agosto, il sentiment è cambiato. Il suo governo è stato scosso dalla notizia di un’economia in contrazione. Il peggioramento delle prospettive di bilancio si è aggiunto ai rischi che perseguitano gli investitori obbligazionari italiani, che hanno reagito scaricando il debito pubblico. L’aumento dei rendimenti delle obbligazioni italiane danneggia la capacità del governo italiano di rifinanziare i suoi 2,8 trilioni di euro di debito. La Meloni dovrà affrontare le sfide economiche guidando la sua coalizione senza innescare una crisi.

Le banche stanno vendendo obbligazioni italiane

La pressione di vendita ha portato il rendimento delle obbligazioni italiane a 10 anni al massimo degli ultimi dieci anni. Lo spread tra i rendimenti delle obbligazioni italiane a 10 anni e i loro equivalenti tedeschi ha superato brevemente i 200 punti base la scorsa settimana, un livello attentamente monitorato ma ancora ben lontano dalle soglie di panico.

spread BTP-Bund
Lo spread BTP-Bund

Le banche italiane, che attualmente detengono la quota più elevata di debito nazionale in tutta l’Eurozona, stanno vendendo le proprie partecipazioni in titoli di Stato al ritmo più veloce degli ultimi vent’anni, secondo i calcoli di Bloomberg. Non è chiaro se questo stia avvenendo in risposta alla tassa sugli extraprofitti. Secondo gli strateghi di UniCredit, il calo potrebbe riflettere la spinta delle banche a diversificare le partecipazioni ora che i rendimenti su altri titoli sono molto più alti.

banche italiane vendono obbligazioni
Le banche italiane hanno venduto 9 miliardi di euro di titoli di Stato tra gennaio e agosto

In combinazione con gli sforzi della Banca Centrale Europea per liquidare i precedenti acquisti di obbligazioni, questo cambiamento pone un maggiore onere sugli altri investitori nel colmare il divario. Ciò sta accadendo per ora, poiché le famiglie italiane e le società non finanziarie beneficiano del rendimento più alto dell’area euro.

Al momento, pochi investitori si aspettano un crollo del mercato. L’impegno assunto la scorsa estate dalla BCE di evitare che i costi di finanziamento nelle diverse economie dell’Eurozona divergessero nettamente è stato un ostacolo per chiunque volesse scommettere contro l’Italia.

Il piano di bilancio dell’Italia

L’Italia riuscirà a riportare il proprio deficit di bilancio al di sotto del limite fissato dall’Unione Europea solo nel 2026. Il governo ha quindi rinviato di un anno il rientro del deficit sotto il tetto dell’UE pari al 3% del prodotto interno lordo.

Il deficit del 2023 è previsto al 5,3% del PIL, rispetto al precedente 4,5%. Per il 2024, il deficit è previsto al 4,3%, rispetto al 3,7% fissato ad aprile. Il piano di bilancio prevede un debito pari al 140,1% del PIL l’anno prossimo, con una crescita prevista dell’1,2% nel 2024, dell’1,4% nel 2025 e dell’1% nel 2026. Il maggiore deficit permetterà di confermare misure per le famiglie a basso reddito e in particolare i tagli fiscali sui salari, le misure per rilanciare le nascite e le risorse per la pubblica amministrazione.

La Meloni deve mantenere gli investitori dalla sua parte

Il piano di bilancio sottolinea la sfida che la Meloni deve affrontare nel bilanciare le promesse di tagli fiscali e l’inasprimento della crescita economica. Da quando i dati economici hanno iniziato a peggiorare visibilmente, con un probabile impatto sulle entrate pubbliche, la coalizione della Meloni si è sforzata di trovare nuova liquidità per far fronte ai suoi generosi impegni elettorali con la necessità di mantenere il debito italiano su un percorso sostenibile.

Il governo Meloni ha cercato di ottenere liquidità extra con una manna sui profitti delle banche. Ciò ha spazzato via 10 miliardi di dollari dal valore di mercato delle banche italiane e ha lasciato molti investitori a dubitare del suo impegno a non agitare le acque. La coalizione ha ora fatto marcia indietro.

I funzionari riconoscono che i recenti eventi hanno danneggiato la fiducia e le persone vicine al primo ministro temono che sia sempre più intrappolata. Meloni deve accontentare sia i suoi partner di coalizione che i suoi elettori, rispettando allo stesso tempo i requisiti dell’UE per finanze pubbliche sane.

Le turbolenze finanziarie sono state una parte formativa dell’educazione politica della Meloni: aveva un posto in prima fila quando il mercato obbligazionario rovesciò Silvio Berlusconi nel 2011. Il leader di Fratelli d’Italia si è insediato l’anno scorso, pochi giorni prima che il primo ministro britannico Liz Truss si dimettesse durante la crisi del “mini budget”.

Il premier italiano ha iniziato il suo mandato imponendo la disciplina fiscale alla sua coalizione, ma l’aumento dei tassi di interesse combinato con i dati di luglio che mostravano un andamento dell’economia molto peggiore di quanto i funzionari avevano sperato, hanno da allora minacciato le sue ambizioni di spesa populiste.

ARTICOLI CORRELATI:

Moody’s lascia invariato il rating dell’Italia

Il debito pubblico farà FALLIRE l’Italia

Crisi del Debito: l’Italia rischia più di tutti con l’aumento dei Tassi

L’Italia potrebbe non essere lontana da una crisi del debito

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.