Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

IPO Arm: un’azienda sconosciuta ma di fondamentale importanza nel settore tecnologico

L’offerta pubblica iniziale (IPO) di Arm Holdings ha raccolto 4,87 miliardi di dollari. Si tratta quindi dell’IPO più grande del 2023. Il produttore di chip di proprietà di SoftBank Group ha venduto 95,5 milioni di azioni di deposito americane per 51 dollari ciascuna, la fascia alta dell’intervallo dei prezzi dell’offerta. Al prezzo dell’IPO, Arm ha un valore di circa 54,5 miliardi di dollari. L’offerta è stata guidata da Barclays, Goldman Sachs Group, JPMorgan Chase e Mizuho Financial Group.

Arm, con sede a Cambridge, nel Regno Unito, mirava a raccogliere da 8 a 10 miliardi di dollari. Tale obiettivo è stato abbassato perché SoftBank ha deciso di acquistare la quota di circa il 25% detenuta dal suo Vision Fund e quindi detenere una quota maggiore delle azioni della società. Dopo l’IPO, SoftBank controllerà ancora circa il 90% delle azioni della società.

Si prevede che le azioni inizieranno ad essere negoziate giovedì sul Nasdaq Global Select Market con il simbolo ARM.

Fondata nel 1990 come joint venture tra Acorn Computers, Apple e VLSI Technology, Arm è tornata sul mercato pubblico. È stata quotata alla Borsa di Londra e al Nasdaq dal 1998 al 2016, quando SoftBank ha acquisito l’attività per 32 miliardi di dollari.

Nel 2020 SoftBank ha tentato di vendere Arm a Nvidia con un accordo da 40 miliardi di dollari, il più grande di sempre nel settore dei chip. Ma l’acquisto ha incontrato l’opposizione delle autorità di regolamentazione e degli stessi clienti di Arm. Nvidia si è allontanata dall’accordo l’anno scorso e SoftBank ha quindi avviato il piano per l’IPO.

Un’offerta per una doppia quotazione a Londra è fallita perché il governo non è stato in grado di concedere alla società una deroga alle regole che avrebbero reso difficile per SoftBank effettuare transazioni senza chiedere l’approvazione degli azionisti. L’acquisizione di Arm da parte di SoftBank è arrivata con la promessa che la società giapponese avrebbe creato più posti di lavoro nel Regno Unito e avrebbe lasciato la sede dov’era.

Cosa fa Arm?

Seppur sconosciuta alla maggior parte dei consumatori, Arm è una parte fondamentale della catena di fornitura dei chip. L’azienda progetta semiconduttori presenti nella maggior parte degli smartphone del mondo. Ciò ha dato all’azienda un’enorme importanza strategica nel settore tecnologico.

Arm progetta i componenti principali dei semiconduttori e concede in licenza i progetti, insieme al codice fondamentale che regola il modo in cui il software comunica con i chip.

Le entrate nell’anno fiscale terminato il 31 marzo sono state pari a 2,68 miliardi di dollari. Ciò ha reso Arm una delle più grandi aziende tecnologiche della Gran Bretagna. L’utile netto dell’azienda, che è balzato a 549 milioni di dollari nell’anno fiscale 2022 dai 388 milioni di dollari dell’anno precedente, quest’anno è sceso a 524 milioni di dollari.

Amazon, Apple, Nvidia, Samsung e Taiwan Semiconductor Manufacturing sono tra i clienti più importanti dell’azienda. Il set di istruzioni di Arm si trova in miliardi di dispositivi. La concentrazione principale è nei processori che eseguono praticamente tutti gli 1,4 miliardi di smartphone venduti ogni anno.

Più di 250 miliardi di chip sono stati realizzati con la tecnologia Arm. L’azienda stima che presto il 100% dei dati digitali del mondo verrà elaborato da questa tecnologia durante il suo ciclo di vita.

Arm sta lavorando per espandersi oltre il mercato degli smartphone, che è rimasto stagnante negli ultimi anni. Sta puntando sull’informatica più avanzata, in particolare sui chip per data center e applicazioni di intelligenza artificiale. I processori per quel mercato sono tra i più costosi e redditizi del settore.

L’IPO di Arm è la più grande del 2023

L’IPO è la più grande di quest’anno, superando la quotazione da 4,37 miliardi di dollari di Kenvue, la spin-out di Johnson & Johnson dedicato alla salute. La sua quotazione potrebbe essere un catalizzatore per dozzine di startup tecnologiche e altre società i cui piani di quotarsi in borsa negli Stati Uniti sono rimasti bloccati.

In precedenza, Arm aveva cercato di essere valutata tra i 60 e i 70 miliardi di dollari nell’IPO. La transazione del Vision Fund di SoftBank ha valutato Arm oltre 64 miliardi di dollari, sulla base dei documenti depositati alla SEC.

La valutazione target di Arm riflette la convinzione che trarrà vantaggio dalla corsa verso i chip di intelligenza artificiale, un cambiamento del settore che ha contribuito a dare a Nvidia un valore di mercato di oltre 1,1 trilioni di dollari.

La quotazione di Arm è la più grande negli Stati Uniti dopo l’offerta da 13,7 miliardi di dollari del produttore di veicoli elettrici Rivian Automotive nell’ottobre 2021. L’IPO è inoltre destinata a classificarsi tra le più grandi di sempre nel settore tecnologico. L’offerta da 25 miliardi di dollari di Alibaba Group Holding nel 2014 e il debutto da 16 miliardi di dollari nel 2012 di Meta Platforms, allora nota come Facebook, rimangono ancora le IPO più grandi nel settore.

ARTICOLI CORRELATI:

Birkenstock presenta una IPO negli Stati Uniti

Apple: cosa aspettarsi dalla presentazione dell’iPhone 15

Divieto iPhone in Cina: crollano le azioni di Apple

La IPO di Hidroelectrica segna un punto di svolta per la Borsa di Bucarest

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.