Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

La strada verso la normalizzazione dei tassi del Giappone: la strategia della BOJ

Il Giappone ha perso il titolo di ultimo paese con tassi di interesse negativi. Martedì la Bank of Japan ha aumentato i tassi di interesse per la prima volta dal 2007. Si tratta di una svolta per il paese e per le banche centrali di tutto il mondo, poiché pone fine a un’era di politiche monetarie non convenzionali. Dopo aver assunto la guida della Bank of Japan lo scorso aprile, il governatore Ueda ha ereditato l’arduo compito di smantellare le politiche di stimolo attuate dal suo predecessore, Haruhiko Kuroda. L’approccio “bazooka” di Kuroda ha avuto un prezzo, comprimendo i margini bancari e innescando svalutazioni dello yen che hanno sollevato preoccupazioni tra i legislatori circa il potenziale impatto sul costo della vita degli elettori. Ora, mentre il Giappone intraprende questo importante viaggio verso la normalizzazione dei tassi, il percorso da seguire rimane incerto. Potrebbero volerci diversi anni prima che i tassi di interesse raggiungano anche solo l’1%. Scavando più a fondo in questa congiuntura trasformativa, Reuters ha svelato le strategie del Giappone per uscire dai tassi negativi attraverso una serie di interviste approfondite con attuali ed ex funzionari della Bank of Japan.

Le due opzioni della Bank of Japan

Nello scenario cupo di una giornata nuvolosa di dicembre, la Bank of Japan ha pianificato la strategia a lungo attesa per orchestrare la normalizzazione dei tassi del Giappone. Riuniti nel quartier generale della banca centrale a Tokyo c’erano il governatore Kazuo Ueda e i suoi due vice, il banchiere centrale Shinichi Uchida e l’ex regolatore bancario Ryozo Himino.

L’inflazione stava rallentando più del previsto, complicando il piano della banca centrale di porre fine ai tassi di interesse negativi entro marzo o aprile per poi proseguire con ulteriori aumenti. I funzionari avevano due opzioni.

La prima implicava un approccio cauto: prendere tempo, aspettando segnali tangibili di ripresa economica prima di procedere come previsto. La seconda era quello di porre fine ai tassi negativi, ma ritardare i successivi aumenti. Alla fine, Ueda ha optato per la seconda opzione. Ciò ha lasciato il Giappone lontano dalla normalizzazione sperata e probabilmente ancora di fronte ad anni di tassi vicini allo zero.

Con l’economia in difficoltà, la BOJ ha dimostrato di non essere così fiduciosa sul fatto che l’inflazione possa rimanere attorno al target del 2% in modo sostenibilie. Ma probabilmente si è resa conto che se voleva porre fine ai tassi negativi, il tempo stava stringendo.

Le divergenze politiche

Ueda e i suoi vice sono stati unanimi sulla necessità di un’uscita, ma non sulla tempistica. La scelta della seconda opzione ha risolto, almeno momentaneamente, la divergenza tra i due vice governatori. Sebbene i due deputati raramente mostrassero differenze in pubblico, di solito era Uchida a prevalere. Ueda fa molto affidamento sulla sua competenza.

Uchida è stato cauto nel porre fine ai tassi negativi troppo frettolosamente, ritenendo che la BOJ avrebbe dovuto consentire all’economia di surriscaldarsi. Al contrario, Himino era favorevole a un’uscita anticipata da quello che considerava un eccessivo sostegno monetario.

Essendo un outsider, Himino non ha paura di sfidare alcune tradizioni della banca. In un incontro informale alla fine dell’anno scorso, si lamentò dello stile di gestione della BOJ e suggerì dei cambiamenti.

Nonostante il suo background accademico, l’approccio di Ueda è caratterizzato da una miscela di analisi economica e pragmatismo piuttosto che da tendenze ideologiche.

Una volta raggiunto il consenso sul fatto che la BOJ avrebbe optato per la seconda opzione, Uchida ha proceduto con la fase successiva di preparazione dei mercati. In un discorso tenuto a Nara a febbraio, Uchida ha suggerito i contorni di una politica monetaria post-tassi negativi.

I tassi in Giappone rimarranno bassi per un po’

La scelta di Ueda della seconda opzione significa che la Bank of Japan manterrà tassi vicini allo zero per un po’, ritardando il ritorno del Giappone a costi di finanziamento “normali”. Probabilmente ci vorranno anni per ridurre il bilancio della BOJ, che si è gonfiato dopo i massicci programmi di acquisto di asset.
C’è quasi consenso tra gli osservatori della BOJ sul fatto che la banca si muoverà molto gradualmente e consentirà ai tassi a breve termine di salire fino a circa lo 0,5% nell’arco di diversi anni. Dato il carattere molto cauto di Ueda e la sua attenzione alla costruzione del consenso all’interno del consiglio, probabilmente si prenderà tutto il tempo e procederà con cautela nel normalizzare la politica.

ARTICOLI CORRELATI:

Giappone: la fine dell’era dei tassi negativi

Il Giappone è pronto a scrivere la storia uscendo dai tassi di interesse negativi

Nikkei ai massimi storici: le azioni giapponesi sono un buon affare?

Un intervento del Giappone per fermare il crollo dello yen potrebbe essere vicino

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.