Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Un intervento del Giappone per fermare il crollo dello yen potrebbe essere vicino

Il principale funzionario valutario del Giappone, Masato Kanda, ha affermato che le autorità sono pronte ad agire se necessario. “Siamo in attesa”, ha detto Kanda ai giornalisti, ripetendo lo stesso linguaggio usato un anno fa, il giorno in cui il Giappone ha portato avanti il primo di tre interventi nel mercato dei cambi. “Ma non posso dire cosa faremo e quando. Esprimeremo giudizi complessivi e lo faremo in uno stato di urgenza”. Le dichiarazioni fanno pensare che un intervento del Giappone per fermare il crollo dello yen potrebbe essere vicino.

Martedì la valuta ha registrato il suo più grande calo giornaliero da aprile, dopo la decisione politica della Bank of Japan. La banca centrale ha allentato la presa sul controllo della curva dei rendimenti, affermando che il livello dell’1% sul decennale giapponese è ora visto come un punto di riferimento. La modifica ha deluso gli investitori poiché ha suggerito che la normalizzazione della politica sarà molto probabilmente lenta e graduale.

Lo yen si è rafforzato dopo che il Giappone ha intensificato il suo intervento verbale. Ma la valuta si trova ancora intorno alla soglia che un anno fa spinse le autorità giapponesi a intervenire. Movimenti più grandi di due yen in meno di un giorno rientrano nella portata della volatilità che ha portato il Giappone a spendere più di 60 miliardi di dollari per acquistare la valuta lo scorso anno.

“Siamo molto preoccupati per i movimenti improvvisi e unilaterali della valuta”, ha detto Kanda. Secondo il funzionario valutario, la speculazione è stata il fattore più importante nei recenti movimenti dello yen.

I dati del ministero delle Finanze hanno mostrato che non sono stati spesi soldi per interventi sul mercato valutario tra il 28 settembre e il 27 ottobre. Il periodo include il 3 ottobre, quando il calo dello yen a 150,16 si è improvvisamente invertito a 147,43, una mossa che aveva fatto pensare ad un intervento del Giappone sul mercato.

Lo yen non è l’unico a muoversi

Nel frattempo, i rendimenti dei titoli di Stato giapponesi sono aumentati, nonostante la banca centrale abbia annunciato un’operazione non programmata di acquisto di obbligazioni.

I rendimenti obbligazionari giapponesi rimangono ben al di sotto di quelli degli Stati Uniti e dell’Europa. Ciò sta esercitando una costante pressione al ribasso sullo yen mentre gli investitori giapponesi spostano la liquidità altrove per ottenere rendimenti più elevati.

I tassi negativi della BOJ hanno contribuito ad ancorare i rendimenti obbligazionari globali. Una brusca rimozione degli stimoli eserciterebbe una pressione al rialzo su di essi e rischierebbe di innescare un flusso di investimenti di portafoglio giapponesi dai mercati esteri verso il Giappone.

La modifica della BOJ consente ai rendimenti obbligazionari di salire oltre l’1%. Ciò riduce le armi di acquisto di obbligazioni che la BOJ deve utilizzare in difesa del suo programma di controllo della curva dei rendimenti. La banca centrale è sulla buona strada per eguagliare o addirittura superare il record di acquisti annuali di obbligazioni di 119 trilioni di yen nel 2016, un importo considerato all’epoca insostenibile.

Bank of Japan acquisti obbligazioni

Consentire rendimenti più alti dovrebbe anche sostenere lo yen, risparmiando così al governo il compito di spendere denaro per interventi volti a fermare il crollo della valuta. Ma l’inaspettato indebolimento dello yen di martedì ha offerto un confronto con la realtà sulla difficoltà di cercare di mettere a punto le misure politiche per la risposta desiderata del mercato.

L’ultima mossa della BOJ è comunque un altro passo verso la normalizzazione della politica e un meccanismo di determinazione dei prezzi da parte delle forze di mercato in uno spazio che ne è stato in gran parte privo. Durante il mandato dell’ex governatore Haruhiko Kuroda, la BOJ ha accumulato più della metà dei titoli di Stato del Giappone e un patrimonio di asset che supera le dimensioni dell’economia.

Ueda ha il compito di cercare di smantellare l’esperimento di politica monetaria più ambizioso del nuovo millennio senza stravolgere i mercati globali o cancellare l’impatto di oltre un decennio di acquisti di obbligazioni su larga scala.

I trader scommettono su un ulteriore calo dello yen

Gli operatori sembrano non temere un intervento del Giappone per arrestare il crollo dello yen. Le richieste speculative sul dollaro americano hanno evidenziato crescenti scommesse sulla debolezza dello yen, mentre i fondi a leva hanno aumentato le posizioni short dopo la riunione della BOJ.

In assenza di qualsiasi intervento del Giappone, i trader e gli strateghi dei cambi affermano che per fermare il crollo dello yen sarà necessario un cambiamento più sostanziale della politica monetaria che riduca il differenziale di rendimento tra Stati Uniti e Giappone.

Alcuni investitori pensano che il calo dello yen potrebbe in definitiva spingere la BOJ a inasprire la sua politica monetaria in modo più aggressivo. Un simile cambiamento rafforzerebbe probabilmente la valuta, ma non vi è alcun segno che ciò accada presto.

ARTICOLI CORRELATI:

La Bank of Japan allenta la presa sul controllo della curva dei rendimenti

La Bank of Japan mantiene invariata la sua politica accomodante

Bank of Japan sorprende i mercati con la modifica del programma di YCC

L’intervento del Giappone per difendere lo yen

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.