Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

La Bank of Japan mantiene invariata la sua politica accomodante

Il consiglio di amministrazione del governatore Haruhiko Kuroda ha respinto le intense speculazioni di mercato sul cambiamento di politica raddoppiando la difesa del suo stimolo. La Bank of Japan ha mantenuto invariata la sua politica accomodante mercoledì, lasciando il suo tasso di interesse negativo al -0,1% e l’obiettivo per i rendimenti a 10 anni nell’ambito del suo programma di controllo della curva intorno allo 0%.

La banca centrale ha affermato che continuerà ad acquistare obbligazioni su larga scala e aumenterà gli acquisti in modo flessibile. Ha inoltre migliorato la fornitura di prestiti alle banche commerciali nel tentativo di incoraggiarle ad acquistare più debito, un’altra mossa che fa parte della difesa della sua politica.

Le previsioni aggiornate della BOJ hanno mostrato che i funzionari non vedono l’inflazione al di sopra del 2% in modo sostenuto nei prossimi anni. Con queste previsioni, la banca centrale ha qualche giustificazione per continuare con lo stimolo anche dopo il mandato di Kuroda. Intervenendo a Davos, anche Gita Gopinath, vicedirettore del Fondo monetario internazionale, ha dichiarato di vedere il rischio che l’inflazione giapponese scenda ben al di sotto del 2%.

Le operazioni di prestito della BOJ

Per rafforzare la sua politica, la BOJ ha dichiarato che deciderà il tasso di interesse per alcuni prestiti alle banche commerciali. Fino ad ora, questi prestiti hanno essenzialmente offerto denaro gratuito alle banche per un massimo di 10 anni, utilizzabile per acquistare obbligazioni in modo da aiutare la BOJ a mantenere bassi i rendimenti.

Le banche hanno raccolto fondi per un valore di 4 trilioni di yen giovedì e venerdì della scorsa settimana. Dopo mercoledì, la BOJ sarà in grado di fissare tassi di interesse specifici per ogni operazione di fornitura di prestiti. Ciò consentirà alla banca di controllare meglio scadenze specifiche lungo la curva dei rendimenti.

“Non escluderò la possibilità che vengano applicati tassi negativi alle operazioni di fornitura di fondi, ma in ogni caso opereremo in modo flessibile all’interno dei perimetri rafforzati”, ha affermato Kuroda, accennando a un uso potenzialmente più aggressivo delle operazioni di prestito. In poche parole, la BOJ tenterà di creare la curva dei rendimenti che desidera.

La speculazione del mercato

La speculazione che la BOJ avrebbe compiuto passi più chiari verso una normalizzazione della politica si è intensificata dopo che il mese scorso ha inaspettatamente ampliato la sua fascia obiettivo per il rendimento a 10 anni.

Mentre Kuroda ha insistito sul fatto che la mossa del mese scorso mirava a migliorare il funzionamento del mercato, ha solo intensificato gli attacchi al nuovo limite di rendimento dello 0,5%. La mossa della BOJ di dicembre ha fatto ben poco per migliorare la liquidità del mercato obbligazionario e da allora la distorsione nella curva dei rendimenti segnalata da Kuroda si è accentuata.

Nella corsa alla riunione, i rendimenti del decennale hanno ripetutamente superato il tetto dello 0,5%. Con un nuovo governatore che prenderà presto il timone, è probabile che la speculazione sul cambio di politica continui.

Gli economisti si stanno preparando per un cambiamento. Alcuni ora prevedono un aggiustamento ad aprile, il primo incontro programmato sotto un nuovo governatore, mentre altri prevedono un pivot a giugno.

Con la decisione di oggi di mantenere la politica accomodante, ci sono maggiori possibilità che la BOJ passi l’attuale quadro politico alla prossima leadership piuttosto che cambiarlo sotto Kuroda. I migliori candidati a succedergli sono l’attuale vice governatore della BOJ Masayoshi Amamiya e l’ex-vice governatore Hiroshi Nakaso.

C’era stata qualche aspettativa che la banca centrale avrebbe alzato il tetto del rendimento a 10 anni, ma Kuroda ha affermato di non vedere la necessità di ampliare ulteriormente l’intervallo, parlando più tardi alla conferenza stampa successiva alla dichiarazione.

La reazione dei mercati

Dopo la decisione della Bank of Japan lo yen è crollato e le obbligazioni sono salite. La valuta giapponese è scesa di oltre il 2%, toccando i 131,57 per dollaro. I futures sulle obbligazioni giapponesi sono aumentati quando hanno riaperto dopo pranzo, con i contratti a 10 anni che sono saliti di quasi 170 tick.

Probabilmente la lotta della BOJ con gli orsi obbligazionari potrebbe prolungarsi poiché non è prevista alcuna riunione politica a febbraio. La mossa di raddoppiare il tetto del rendimento a 10 anni allo 0,5% ha stimolato una svendita di obbligazioni, rendendo necessari acquisti di debito record da parte della BOJ per frenare i rendimenti e aggravando i problemi di liquidità che Kuroda puntava a migliorare.

Le azioni giapponesi sono balzate, con il Nikkei 225 che è avanzato del 2,5% e il Topix che è salito dell’1,7%.

azioni giapponesi dopo mantenimento politica accomodante Bank of Japan

Le aziende di prodotti elettronici hanno ricevuto la spinta maggiore, poiché uno yen più debole aumenta le prospettive di profitto per gli esportatori. Le banche sono state l’unico gruppo in calo, cancellando parte dei recenti guadagni accumulati grazie alle speranze di una fine anticipata dei tassi di interesse negativi. L’indice dei titoli bancari del Topix è sceso fino al 3,8%, il più grande calo intraday da luglio ma è ancora in rialzo di circa il 16% dalla mossa a sorpresa di dicembre.

Le azioni del più grande prestatore giapponese Mitsubishi UFJ Financial Group Inc. sono scese fino al 5,1%. Sumitomo Mitsui Financial Group Inc. e Mizuho Financial Group Inc. sono scivolate di oltre il 4% prima di recuperare la maggior parte delle perdite.

ARTICOLI CORRELATI:

Cambio di politica Bank of Japan: aumentano gli spread

Bank of Japan sorprende i mercati con la modifica del programma di YCC

E se la Bank of Japan non stesse sbagliando?

L’intervento del Giappone per difendere lo yen

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.