E se la Bank of Japan non stesse sbagliando?

La Bank of Japan rimane una delle poche a mantenere una politica espansiva, rifiutando di unirsi all’inasprimento monetario globale per combattere l’inflazione. La banca centrale prevede una crescita debole e che l’inflazione seguirà il suo obiettivo del 2%.

I mercati pensano che le banche centrali si siano mosse troppo lentamente per rispondere all’inflazione dilagante. Adesso stanno cercando di recuperare terreno con aumenti sovradimensionati.

Pensandoci bene, la Bank of Japan potrebbe trovarsi “davanti alla curva”. Le probabilità di una recessione negli Stati Uniti e di un serio rallentamento della crescita globale stanno aumentando. I mercati monetari si stanno coprendo da questa possibilità, prevedendo tagli ai tassi il prossimo anno. In questo contesto, la posizione della Bank of Japan potrebbe non essere così sbagliata.

L’inflazione in Giappone

L’indicatore chiave dell’inflazione del Giappone è salito al di sopra del livello target del 2% fissato dalla Bank of Japan, un risultato che probabilmente manterrà vive le speculazioni su possibili aggiustamenti della politica. I prezzi al consumo esclusi i prodotti alimentari sono aumentati a un ritmo del 2,2% a giugno rispetto all’anno precedente, con i costi energetici amplificati da uno yen più debole.

Bank of Japan inflazione Giappone

Finora, i dettagli dei dati sull’inflazione sono in accordo con l’opinione della BOJ secondo cui l’aumento dei prezzi attuale è in gran parte basato sulla pressione dei costi energetici, che sono rimasti il ​​principale motore al rialzo (16,5% YoY). Gli alimenti trasformati, invece, hanno contribuito per circa tre quarti di punto percentuale all’inflazione complessiva.

La banca centrale ha pubblicato giovedì le sue ultime proiezioni sull’inflazione dopo la sua decisione di mantenere i tassi di interesse a livelli minimi. La BOJ ora vede un’inflazione core del 2,3% nell’anno che terminerà a marzo. Questa è la prima volta, ad esclusione del 2013, che la banca centrale prevede un aumento dei prezzi superiore al suo target. Successivamente, la BOJ prevede che l’inflazione si indebolirà al di sotto del suo obiettivo. Quindi la BOJ sostiene che i guadagni di prezzo non sono destinati a persistere.

Kuroda ha evidenziato il livello di incertezza sulle interruzioni della catena dell’offerta dovute al Covid e alla guerra in Ucraina. Tuttavia, ha parlato della necessità di aumenti salariali per sostenere l’inflazione.

La debolezza dello yen

Il ritmo della scivolata dello yen è diminuito. La valuta giapponese ha raggiunto un minimo a 24 anni nei confronti del dollaro il 14 luglio.

Bank of Japan e la debolezza dello yen

Secondo il governatore della Bank of Japan Haruhiko Kuroda, l’aumento dei tassi avrebbe un impatto minimo sullo yen. “Per fermare la debolezza dello yen attraverso i tassi d’interesse, avremmo bisogno di procedere con un forte aumento che danneggerebbe l’economia”, ha affermato il governatore. Inoltre, ha indicato alcuni paesi in cui le banche centrali hanno alzato i tassi, come la Corea del Sud e il Regno Unito, che hanno anche visto le loro valute scendere nei confronti del dollaro.

Il programma di yield curve control

La BOJ ha speso un record di 115 miliardi di dollari il mese scorso per difendere il suo programma di yield curve control, ma finora questo mese la cifra degli acquisti è pari a zero. Ciò indica che la pressione sui tassi è diminuita a seguito della speculazione dei trader che scommettevano sull’abbandono del programma da parte della banca centrale.

Bank of Japan e il controllo della curva dei rendimenti
Il rendimento delle obbligazioni giapponesi a 10 anni

Il grande outlier

La maggior parte degli economisti attribuisce l’inflazione attuale all’aumento dei prezzi delle materie prime (in particolare dell’energia) e alla massiccia espansione dei bilanci delle banche centrali. Il Giappone ha superato la maggior parte dei paesi sviluppati in entrambi questi punti.

Il bilancio della Bank of Japan, in proporzione al prodotto interno lordo, è più del doppio di quello della BCE.

Il rapido indebolimento dello yen ha fatto salire drasticamente i prezzi all’importazione, che a maggio sono aumentati del 43% rispetto all’anno precedente. Il Giappone importa quasi tutto il suo fabbisogno energetico e il petrolio è aumentato di circa il 93% in valuta giapponese.

I tassi ufficiali sono stati a -0,1% negli ultimi sei anni e non sono andati al di sopra dello 0,5% dal 1995. Nel 2013, la BOJ ha iniziato ad acquistare debito pubblico a lungo termine e nel 2016 ha proseguito con il controllo della curva dei rendimenti.

Tassi di interesse molto bassi hanno lo scopo di indurre le famiglie e le aziende a spendere piuttosto che risparmiare. Ma quando una popolazione sta invecchiando rapidamente, come in Giappone, l’evidenza suggerisce che risparmiano di più per compensare i guadagni irrisori. Ecco perché il tasso di risparmio delle famiglie è salito, non diminuito.

Inoltre, le aziende giapponesi sono state per molti anni risparmiatori persistenti, il che significa che hanno investito molto meno di quanto hanno guadagnato. Quindi, non solo i tassi molto bassi non hanno incoraggiato il settore privato a spendere di più e risparmiare di meno, ma sembrano aver avuto esattamente l’effetto opposto.

La popolazione giapponese non solo invecchia, ma si riduce, il che significa una minore domanda per un determinato livello di offerta. Questo fenomeno è estremamente disinflazionistico.

In altre parti del mondo, anche nei paesi con una popolazione che invecchia, le risposte del governo alla pandemia hanno spostato l’equilibrio tra domanda e offerta. Chiudendo le loro economie, i governi hanno effettivamente aumentato la domanda e ridotto l’offerta. Il Giappone non ha deciso di chiudere l’economia, quindi c’è stato un aumento dei prezzi molto inferiore.

Allo stesso tempo, l’aumento dei costi energetici si è riflesso molto più nella contrazione dei margini aziendali che nell’aumento dei prezzi.

Chiaramente, una popolazione in calo e, paradossalmente, una politica monetaria in vigore da molto tempo, ha attenuato la spinta inflazionistica

in Giappone.

ARTICOLI CORRELATI:

La BCE ha aumentato i tassi di 50 punti base a sorpresa

Le cause dell’inflazione attuale

La debolezza dello yen: quali sono i livelli chiave

Cosa succede allo yen?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.