4 Suggerimenti per Proteggerti da un Crollo del Mercato

In un panorama finanziario alimentato da forti utili e inflazione contenuta, l’indice S&P 500 è salito a nuovi record, attirando gli investitori in preda alla FOMO. Eppure, dietro la facciata si nasconde un avvertimento. L’incredibile aumento del 30% dell’indice nelle ultime 52 settimane deriva da

Scopri

Chi sono gli uomini più ricchi del mondo nel 2024?

Il 2024 sta continuando a vedere l’ascesa dei titani tecnologici, della vendita al dettaglio e del lusso, con un gruppo ristretto di individui che accumula fortune oltre ogni comprensione. La ricchezza complessiva dei 10 individui più ricchi del mondo ammonta a 1,44 bilioni di dollari.

Scopri

Il Glossario dell’Intelligenza Artificiale

Chatbot E’ un software finalizzato alla comunicazione in linguaggio naturale con esseri umani e con il fine di automatizzare particolari compiti o reperire informazioni da banche dati. Questi prodotti possono sostenere conversazioni con le persone su argomenti che vanno dalle curiosità storiche alle ricette alimentari.

Scopri

Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Bank of Japan sorprende i mercati con la modifica del programma di YCC

La Bank of Japan ha scioccato i mercati con una modifica a sorpresa del suo programma di YCC (yield curve control), consentendo al rendimento del titolo a 10 anni di spostarsi di 50 punti base su entrambi i lati del suo obiettivo dello 0%, un intervallo più ampio rispetto al precedente (25 punti base). Ma la banca centrale ha mantenuto invariato il suo obiettivo di rendimento e affermato che aumenterà notevolmente l’acquisto di obbligazioni, segno che la mossa è stata una messa a punto della politica monetaria ultra-espansiva piuttosto che un ritiro dello stimolo.

Bank of Japan sorprende mercati modifica YCC controllo curva rendimenti

“La volatilità del mercato estero è aumentata a partire dalla primavera. Anche se abbiamo evitato che il rendimento del titolo a 10 anni superasse il tetto dello 0,25%, ciò ha causato alcune distorsioni nella forma della curva dei rendimenti. Pertanto, abbiamo deciso che adesso è appropriato correggere tali distorsioni e migliorare il funzionamento del mercato”, ha affermato il governatore Kuroda alla conferenza stampa dopo la riunione politica.

“Questo cambiamento migliorerà la sostenibilità del nostro quadro di politica monetaria. Non è assolutamente una revisione che porterà all’abbandono del programma di yield curve control o all’uscita dallo stimolo”, ha continuato.

Come ampiamente previsto, la BOJ ha mantenuto invariati i tassi di interesse a breve termine al -0,1% e aumentato gli acquisti mensili di titoli di stato giapponesi a 9 trilioni di yen ($ 67,5 miliardi) al mese dai precedenti 7,3 trilioni di yen.

Mentre la Bank of Japan ha affermato che la modifica del programma di YCC serve a migliorare la sostenibilità del suo allentamento monetario, molti economisti hanno interpretato la mossa come una base preliminare per uscire da un decennio di stimoli.

La mossa coglie di sorpresa gli economisti e i mercati

La mossa ha colto di sorpresa tutti i 47 economisti intervistati da Bloomberg prima della decisione. Mentre la maggior parte di loro ha affermato che la BOJ dovrebbe fare di più per migliorare il funzionamento del mercato obbligazionario, nessuno si aspettava una modifica a dicembre.

La decisione a sorpresa ha il potenziale per inviare onde d’urto attraverso i mercati finanziari globali poiché l’impegno costante della BOJ a difendere il suo limite di rendimento a 10 anni è servito da ancoraggio contribuendo indirettamente a mantenere bassi i costi di indebitamento in tutto il mondo.

L’attenzione del mercato si era concentrata sull’accordo congiunto con il governo e la banca centrale. Il primo ministro Fumio Kishida sta pianificando di rivedere un accordo decennale con la BOJ e prenderà in considerazione l’aggiunta di flessibilità all’obiettivo dei prezzi del 2% previsto dall’accordo.

La dichiarazione congiunta del 2013 è vista come una componente fondamentale della spinta del Giappone per sfuggire alla deflazione orchestrata dall’ex primo ministro Shinzo Abe e messa in atto da Kuroda.

La BOJ ha introdotto la sua attuale strategia politica di controllo dei tassi di interesse a breve e lungo termine nel 2016, dopo che la sostenibilità del quantitative easing è stata messa in discussione.

L’obiettivo di inflazione di lungo termine

Il governatore ha ribadito che per raggiungere l’obiettivo di inflazione in modo stabile e sostenibile ci vorrà ancora un po’ di tempo. È quindi prematuro discutere i dettagli sulla modifica della politica monetaria accomodante.

L’inflazione giapponese ha raggiunto il 3,6% principalmente a causa dell’aumento dei costi delle importazioni derivanti da uno yen debole. Per raggiungere un obiettivo del 2% in modo sostenuto, la BOJ punta a raggiungere un ciclo economico positivo in cui l’inflazione aumenta moderatamente, accompagnata da un aumento dei profitti aziendali e dei salari.

inflazione giapponese record 40 anni

“Stiamo assistendo a un maggiore slancio nella crescita dei salari e nell’inflazione. Tuttavia, si prevede che quest’ultima rallenterà il prossimo anno fiscale rispetto a quest’anno, quindi è ancora improbabile che si verifichi una situazione in cui il nostro obiettivo possa essere raggiunto in modo stabile e sostenibile”.

Secondo Kuroda, ci sono rischi sia al rialzo che al ribasso per la crescita e l’inflazione ma, per adesso, non crede che si verifichino le condizioni affinché la BOJ ritiri il programma di YCC o il quantitative easing.

La reazione dei mercati

Le azioni giapponesi sono crollate, mentre lo yen e i rendimenti obbligazionari sono aumentati in seguito alla modifica del programma di YCC della Bank of Japan.

L’indice Nikkei è crollato del 2,5%. Al contrario, le azioni di banche e assicuratori sono salite. L’indice che traccia le banche del Topix è balzato fino al 7,7%, il massimo da novembre 2016. Mitsubishi UFJ Financial Group Inc. e Sumitomo Mitsui Financial Group Inc., le più grandi banche del Giappone, hanno guadagnato oltre l’8% prima di ridurre i guadagni.

Lo yen ha raggiunto il massimo in quattro mesi nei confronti del dollaro mentre il rendimento delle obbligazioni giapponesi a 10 anni è salito brevemente allo 0,460%, vicino al nuovo limite fissato dalla BOJ.

Gli effetti a catena si sono diffusi anche al di fuori del Giappone, con il crollo dei futures sugli indici azionari statunitensi e l’aumento dei rendimenti dei Treasury.

Il Giappone è il più grande creditore del mondo e l’inasprimento delle condizioni finanziarie interne potrebbe portare a un’ondata di capitali che tornano a casa. Ciò minaccia di abbassare i prezzi delle attività e aumentare i costi di indebitamento globale in un momento in cui le prospettive economiche si stanno deteriorando. Costringerà anche gli investitori giapponesi ad aumentare la copertura sulla loro esposizione al dollaro, cosa che dovrebbe rafforzare lo yen.

ARTICOLI CORRELATI:

E se la Bank of Japan non stesse sbagliando?

Lo yen verso i 150 per dollaro: aumenta la speculazione di un intervento “furtivo” del Giappone

L’intervento del Giappone per difendere lo yen

Il calo dello yen: gli interventi verbali non bastano più

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.