L’intervento del Giappone per difendere lo yen

Il Giappone è intervenuto per sostenere lo yen per la prima volta dal 1998, cercando di arginare il calo del 20% rispetto al dollaro di quest’anno in mezzo a una divergenza politica sempre più ampia con gli Stati Uniti. Lo yen è la valuta peggiore

Scopri

Il calo dello yen: gli interventi verbali non bastano più

Il continuo calo dello yen sta portando la valuta verso la sua peggiore performance annuale di sempre. La valuta giapponese è crollata del 20% quest’anno, superando il suo calo annuale più grande avvenuto nel 1979. La rinnovata vendita di titoli del Tesoro di questo mese

Scopri

La debolezza dello yen: quali sono i livelli chiave

La storica debolezza dello yen si sta diffondendo dal dollaro ad altri cross valutari. L’indice Correlation-Weighted Currency di Bloomberg, un indicatore della forza relativa dello yen rispetto alle valute del G10, è crollato al minimo in sette anni. La banca centrale giapponese ha rinnovato lunedì

Scopri

Crollo dello yen: come avviene l’intervento del Giappone?

Il rapido crollo dello yen quest’anno ha fatto ipotizzare a trader e analisti che il Giappone possa intervenire direttamente per sostenere la sua valuta per la prima volta in più di due decenni. Intervenire per acquistare yen e vendere dollari sarebbe una mossa straordinaria per

Scopri

Lo yen verso i 150 per dollaro: aumenta la speculazione di un intervento “furtivo” del Giappone

Lo yen sta continuando il suo calo verso il livello psicologico a 150 per dollaro. Per due volte in meno di una settimana gli investitori hanno assistito a improvvise esplosioni di forza dello yen mentre si avvicinava a nuovi minimi. Le grandi oscillazioni intraday hanno stimolato la speculazione sul fatto che i funzionari stessero procedendo con un intervento “furtivo” per sostenere la valuta.

yen livello psicologico 150 dollaro

Gli osservatori di mercato si aspettano che il Giappone si concentri sul ritmo del calo dello yen piuttosto che su un livello psicologico come quello dei 150 per dollaro. Tuttavia, questa soglia è molto importante e la sua rottura potrebbe aumentare la pressione sulle autorità giapponesi per intervenire nuovamente sul tasso di cambio.

Lo yen è crollato di circa il 23% rispetto al dollaro quest’anno grazie alla divergenza tra le politiche monetarie di Stati Uniti e Giappone. La valuta giapponese ha spazzato via i guadagni guidati dall’intervento di settembre, per il quale il governo ha speso quasi $ 20 miliardi.

Giovedì scorso, il tasso di cambio dollaro-yen è sceso brevemente da circa 147,67 a un minimo di 146,50 prima di rimbalzare quando i dati sull’inflazione statunitense hanno superato le stime.

La mossa è stata descritta da alcuni osservatori di mercato come irregolare, intensificando la speculazione secondo cui il Giappone potrebbe utilizzare modi subdoli per rallentare il calo dello yen. Secondo una stima, le autorità potrebbero aver speso circa 1 trilione di yen ($ 6,7 miliardi) per sostenere la valuta quel giorno.

tasso cambio dollaro yen dopo CPI USA

Un possibile intervento “furtivo”

Il ministro delle finanze Shunichi Suzuki ha avvertito mercoledì che il Giappone sta intensificando il monitoraggio dei mercati e rimane pronto ad agire se sarà necessario. “Stiamo aumentando la frequenza dei nostri controlli sulle mosse del mercato”, ha detto Suzuki ai giornalisti.

Parlando in parlamento, il governatore della Bank of Japan Haruhiko Kuroda ha ribadito la sua opinione secondo cui uno yen debole è positivo per l’economia se il suo declino avviene in modo stabile e ordinato. Tuttavia, Kuroda ha affermato che le recenti mosse improvvise e unilaterali non sono ben accette. Questo tipo di movimenti rendono difficile per le aziende pianificare in anticipo e aumentano l’incertezza futura.

Masato Kanda, alto funzionario della valuta, ha affermato il mese scorso che un intervento “furtivo” era tra le possibili opzioni. In tal caso, il governo non confermerebbe necessariamente quando l’intervento avrà luogo.

In genere, questi interventi comportano l’ingresso nel mercato su scala più piccola e quindi più difficile da rilevare rispetto ai bruschi e ampi cambiamenti associati a un intervento regolare.

La probabilità di un intervento del Giappone è attualmente elevata poiché lo slancio al rialzo del dollaro nei confronti dello yen si è rinvigorito e il livello a 150 sta già iniziando a sembrare prudente.

L’intervento di settembre per fermare il calo dello yen

Il ministero delle Finanze ha rivelato di aver speso 2,84 trilioni di yen (19,7 miliardi di dollari) a settembre per rallentare il calo dello yen nel suo primo intervento a sostegno della valuta dal 1998.

L’opinione ampiamente condivisa tra i partecipanti al mercato e gli economisti è che l’intervento sia avvenuto solo il 22 settembre dopo la decisione della Bank of Japan, sebbene i dati coprano l’intero mese. Dettagli più specifici sull’intervento quotidiano a settembre e sulle coppie di valute coinvolte saranno annunciati all’inizio di novembre.

intervento giappone yen settembre

Nonostante i guadagni iniziali, l’intervento non è stato in grado di invertire la tendenza dello yen in mezzo a un continuo rafforzamento del biglietto verde.

Il Giappone ha ancora spazio per ulteriori acquisti di valuta, ma le sue riserve in valuta estera non sono illimitate. Con la Federal Reserve destinata a continuare ad aumentare i costi di finanziamento mentre la Bank of Japan mantiene i tassi a livelli bassissimi, il Giappone deve rimanere realistico su ciò che può fare.

Il mercato scommette contro la Bank of Japan

Il governatore Haruhiko Kuroda si è sforzato di spiegare perché la Bank of Japan non è nemmeno lontanamente vicina a un modesto adeguamento alla sua politica ultra accomodante. Tuttavia, i trader continuano ad essere convinti del contrario.

Gli swap degli indici overnight stanno scontando la fine della politica dei tassi negativi della BOJ nel periodo in cui Kuroda terminerà il suo mandato ad aprile, indicando che la banca centrale aumenterà il tasso ufficiale a breve termine di 10 punti base dal -0,1%.

Gli swap in yen stanno prezzando tassi a 10 anni a più del doppio del target del rendimento delle obbligazioni di riferimento.

rendimenti 10 anni Giappone oltre target

Nel mercato del credito giapponese, gli investitori chiedono un premio maggiore per il rischio di impennata dei rendimenti obbligazionari a più lunga scadenza. La cedola media delle obbligazioni societarie a 10 anni vendute ad ottobre è salita allo 0,92%, in aumento rispetto allo 0,57% di aprile.

Nonostante tutti questi segnali di mercato, la pressione diretta sulla Bank of Japan per difendere il suo obiettivo di rendimento del decennale si è leggermente attenuata da quest’estate. Mentre la banca centrale continua ad acquistare obbligazioni a 10 anni sul mercato, gli acquisti stanno scendendo al di sotto del record di circa $ 120 miliardi spesi a giugno.

ARTICOLI CORRELATI:

L’intervento del Giappone per difendere lo yen

Il calo dello yen: gli interventi verbali non bastano più

La debolezza dello yen: quali sono i livelli chiave

Crollo dello yen: come avviene l’intervento del Giappone?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy