Il calo dello yen: gli interventi verbali non bastano più

Il continuo calo dello yen sta portando la valuta verso la sua peggiore performance annuale di sempre. La valuta giapponese è crollata del 20% quest’anno, superando il suo calo annuale più grande avvenuto nel 1979.

La rinnovata vendita di titoli del Tesoro di questo mese ha ampliato il divario tra i rendimenti degli Stati Uniti e del Giappone, facendo salire il dollaro e spingendo lo yen al minimo degli ultimi 24 anni.

il calo dello yen

Il tasso di cambio dollaro-yen ha toccato i 144,99 mercoledì prima di ritirarsi, rendendo la soglia dei 145 un punto chiave per gli osservatori di mercato. Un altro riferimento che i trader stanno tenendo d’occhio è il livello a 146,78, la zona raggiunta prima dell’intervento congiunto di Giappone e Stati Uniti per sostenere la valuta nel 1998.

il calo dello yen


Nel mercato delle opzioni crescono le scommesse su un’ulteriore debolezza dello yen. Secondo i dati compilati da Bloomberg, il risk reversal a un anno per il tasso di cambio dollaro-yen, un indicatore della direzione prevista per la coppia valutaria in quel lasso di tempo, ha raggiunto il livello più alto dal 2015.

Le preoccupazioni del Giappone

Il ministro delle finanze Shunichi Suzuki si è detto preoccupato per le mosse improvvise e unilaterali nel mercato valutario.

“Continueremo a guardare i mercati valutari con un alto senso di urgenza e, se le mosse continueranno, risponderemo secondo le necessità”, ha affermato il ministro. Suzuki ha rifiutato di specificare le azioni che potrebbero essere intraprese.

I commenti non sono stati sufficienti per invertire il calo dello yen di fronte all’inarrestabile forza del dollaro. Questa è un’indicazione che la sensibilità del mercato agli interventi verbali sta diminuendo.

Il mercato vede il Giappone con le mani legate. A differenza dei suoi numerosi tentativi passati di indebolire lo yen, Tokyo ha munizioni in valuta estera limitate. Inoltre non ha nessun tipo di sostegno da parte degli Stati Uniti.

I funzionari del Ministero delle Finanze, della Bank of Japan e dell’Agenzia per i servizi finanziari terranno una riunione trilaterale oggi dalle 16:45. ora locale per discutere dei mercati finanziari internazionali, secondo una dichiarazione congiunta.

Il Giappone è intervenuto l’ultima volta per sostenere la valuta nel 1998, più o meno nello stesso periodo in cui gran parte dell’Asia è stata colpita da una crisi finanziaria regionale. Il problema che affliggeva lo yen negli anni ’90 era una crisi bancaria. Le cose sono diverse adesso. Il maggiore driver del calo dello yen è il differenziale tra i tassi di interesse di Stati Uniti e Giappone.

L’intervento è spesso visto come una battaglia persa, destinata a fallire, ma tutto dipende dall’obiettivo. Se l’idea è di produrre un cambiamento duraturo, il risultato è difficile da ottenere. Alla lunga, le valute seguono i fondamentali.

La politica della Bank of Japan

Il governatore della Bank of Japan ha ripetutamente affermato che la politica dei cambi è di competenza del ministero delle finanze. La BOJ sostiene che un l’aumento dei tassi d’interesse per frenare il calo dello yen avrebbe un impatto limitato.

Kuroda sta dando la priorità al mantenimento della crescita economica e al raggiungimento di un livello di inflazione che possa essere sostenuto nel tempo, impegnandosi a mantenere i tassi di interesse al minimo.

Mercoledì, la BOJ ha affermato che aumenterà gli acquisti di debito sotto il suo programma di yield curve control poiché l’intensificarsi delle vendite di titoli del Tesoro ha esercitato pressioni al rialzo sui rendimenti. La mossa è arrivata quando il rendimento decennale di riferimento del Giappone si è avvicinato al limite superiore dello 0,25% della banda di negoziazione tollerata dalla BOJ.

La posizione del Tesoro degli Stati Uniti

A luglio, il segretario al Tesoro Janet Yellen, dopo l’incontro con la sua controparte giapponese, non ha segnalato la volontà degli Stati Uniti di sostenere un potenziale intervento sui mercati valutari per fermare il calo dello yen nei confronti del dollaro.

Secondo la Yellen, l’intervento è giustificato solo in circostanze rare ed eccezionali e i paesi del G-7 dovrebbero avere tassi di cambio determinati dal mercato.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti mercoledì è rimasto bloccato nella sua riluttanza a sostenere qualsiasi intervento sui mercati valutari per fermare il calo dello yen.

Forse la soluzione per il Giappone è imparare a convivere con uno yen debole. La debolezza della valuta presenta delle sfide ma anche delle opportunità. Kishida ne ha già individuata una: non c’è momento migliore per ripristinare il Giappone come una delle principali destinazioni turistiche.

Il primo ministro potrebbe fare un ulteriore passo avanti ed espandere i vantaggi fiscali alle aziende sia nazionali che estere per basare la loro produzione in Giappone, dove la manodopera è ora sia qualificata che conveniente.

ARTICOLI CORRELATI:

La debolezza dello yen: quali sono i livelli chiave

Crollo dello yen: come avviene l’intervento del Giappone?

Cosa succede allo yen?

I fondamentali per un dollaro forte

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy