L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

La Bank of Japan allenta la presa sul controllo della curva dei rendimenti

La Bank of Japan ha di nuovo allentato la presa sul controllo della curva dei rendimenti dei titoli di Stato, ma ha mantenuto i tassi di interesse negativi. La BOJ ha affermato che il livello dell’1% è ora un punto di riferimento. Ciò segna un cambiamento rispetto al precedente impegno di acquisti giornalieri di obbligazioni all’1%.

Sebbene abbia alzato le previsioni sull’inflazione, la banca centrale ha sottolineato la necessità di mantenere una politica accomodante in attesa di ulteriori segnali di crescita sostenibile dei salari e dei prezzi.

La nuova mossa potrebbe ancora una volta indurre gli speculatori a testare la tolleranza della banca centrale per rendimenti più elevati. Il rendimento del decennale giapponese è balzato all’inizio delle contrattazioni fino a raggiungere un nuovo massimo decennale dello 0,955%, prima di ridurre i guadagni.

rendimenti obbligazioni Giappone controllo curva rendimenti

La maggior parte degli economisti non prevedeva alcun cambiamento politico. Ma i recenti movimenti nei mercati obbligazionari e valutari, nonché i dati sull’inflazione più caldi del previsto, hanno contribuito ad alimentare la speculazione secondo cui le modifiche sarebbero state più probabili.

Mentre la banca centrale giapponese si sta avvicinando a una svolta politica, con gli economisti che segnalano la prossima primavera come un momento probabile, l’ultima mossa suggerisce che i politici rimangono cauti. In termini di mantenimento in funzione del controllo della curva dei rendimenti prima di un cambiamento più significativo nella politica nei prossimi mesi, la mossa potrebbe aver fatto guadagnare un po’ di tempo alla Bank of Japan.

Lo yen continua ad indebolirsi

La BOJ rimane in una situazione difficile, intrappolata tra l’indebolimento dello yen e l’aumento dei rendimenti. La decisione ha deluso gli investitori che si aspettavano un segnale più chiaro di normalizzazione della politica che avrebbe potuto stabilizzare la valuta. Lo yen si è indebolito oltre la soglia di 150 contro il dollaro dopo l’allentamento del controllo della curva dei rendimenti della Bank of Japan.

yen scende contro dollaro decisione bank of japan

L’anno scorso il governo è dovuto intervenire in tre giorni diversi per sostenere la valuta. Il Ministero delle Finanze avrebbero probabilmente accolto con favore una mossa più decisa che avrebbe potuto allontanare lo yen dal territorio di intervento.

La decisione di consentire un aumento dei rendimenti oltre l’1% ha implicazioni anche per il primo ministro giapponese Fumio Kishida, che fatica a trovare modi per finanziare l’aumento della spesa per la difesa e l’assistenza all’infanzia, promettendo al contempo tagli fiscali per contribuire ad attutire il colpo dell’inflazione. Rendimenti più elevati sul debito pubblico significano che finanziare la spesa attraverso obbligazioni e rinnovare il debito diventerà più costoso.

La BOJ aggiorna le proiezioni di inflazione

La BOJ si aspetta che un indicatore chiave dei prezzi rimanga ben al di sopra del suo obiettivo del 2% per tre anni consecutivi fino all’anno fiscale 2024. I funzionari prevedono una crescita dei prezzi per il 2023 al 2,8%, in netto contrasto con la proiezione iniziale dell’1,1% emessa subito dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia l’anno scorso. La banca si aspetta lo stesso ritmo di crescita dei prezzi anche per il prossimo anno. Ma nell’ultimo anno del periodo di proiezione si prevede un indebolimento al di sotto del 2%.

Il governatore Kazuo Ueda ha sottolineato l’importanza di attenersi a una politica accomodante per favorire la ripresa economica. In particolare, ha citato l’importanza di una forte crescita salariale per sostenere un ciclo di inflazione positivo prima di intervenire sulla politica.

La BOJ rimane l’unica banca centrale che si attiene ai tassi di interesse negativi nel tentativo di stimolare l’inflazione, mentre i suoi pari cercano di sopprimere le pressioni sui prezzi con una politica più restrittiva. Ciò sta contribuendo a far scendere lo yen.

La pressione al rialzo sui rendimenti globali

Le graduali modifiche al controllo della curva dei rendimenti prima di una normalizzazione vera e propria della politica della Bank of Japan stanno rimuovendo una fonte di sostegno per le obbligazioni globali. Se la banca centrale abbandonasse la sua politica monetaria ultra-espansiva, la mossa potrebbe spingere al rialzo i rendimenti del mercato obbligazionario globale.

L’aumento dei rendimenti delle obbligazioni giapponesi potrebbe alimentare il rimpatrio di migliaia di miliardi di dollari da parte dei fondi giapponesi. Da quando la BOJ ha introdotto i tassi di interesse negativi nel gennaio 2016, gli investitori nazionali hanno accumulato 66 trilioni di yen in titoli di Stato esteri, compresi quelli di Stati Uniti, Francia e Australia.

ARTICOLI CORRELATI:

Ueda sostiene la politica accomodante della Bank of Japan

La Bank of Japan mantiene invariata la sua politica accomodante

Cambio di politica Bank of Japan: aumentano gli spread

Bank of Japan sorprende i mercati con la modifica del programma di YCC

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.