L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

Ueda sostiene la politica accomodante della Bank of Japan

Il candidato governatore della Bank of Japan, Kazuo Ueda, ha messo in guardia contro qualsiasi soluzione magica per produrre un’inflazione stabile e normalizzare la politica, attenendosi al copione esistente della banca centrale nella prima udienza parlamentare per approvare la sua nomina. Durante una sessione durata quasi tre ore, Ueda ha affermato che la BOJ dovrebbe mantenere la sua politica accomodante per il momento, segnalando la necessità di considerare la normalizzazione se le prospettive per i prezzi migliorassero nettamente.

Ha aggiunto che ci vorrà ancora del tempo per raggiungere un’inflazione stabile e sostenuta dalla crescita dei salari, aggiungendo che non è necessario modificare un accordo congiunto con il governo che impegna la BOJ a raggiungere il suo obiettivo del 2%.

“Se verrò nominato governatore della BOJ, la mia missione non sarà quella di elaborare una sorta di politica monetaria magica e speciale”, ha detto Ueda. “Come ho detto prima, se si guarda all’andamento dei prezzi, ci sono miglioramenti ma ci vorrà ancora del tempo prima di raggiungere in modo sicuro il 2% di inflazione”.

I suoi commenti durante l’udienza sono stati in gran parte in linea con quelli degli alti funzionari della BOJ negli ultimi mesi, incluso il governatore uscente Haruhiko Kuroda, e hanno suggerito che un grande cambiamento ad aprile non è in cantiere.

Ueda avrà bisogno di tempo per valutare l’inflazione, la politica e i suoi effetti collaterali. Ciò indica che non proverà a cambiare politica fin dall’inizio del suo mandato, anche se alcuni partecipanti al mercato se lo aspettano.

Ueda sul controllo della curva dei rendimenti

Ueda ha precedentemente indicato che il quadro non è adatto a piccole modifiche, una visione che ha alimentato la speculazione secondo cui un potenziale cambiamento consisterebbe nell’abbandono totale del controllo della curva dei rendimenti.

“Se vedremo un netto miglioramento delle prospettive per l’andamento dei prezzi, dovremo inevitabilmente pensare a una revisione del controllo della curva dei rendimenti o a un movimento nella direzione della normalizzazione della politica”, ha detto Ueda ai legislatori.

Accorciare la scadenza dei rendimenti mirati è una delle tante opzioni. Tuttavia, Ueda non è voluto entrare nello specifico durante l’udienza.

“Nel caso che la Bank of Japan ritenga opportuno continuare con la politica ultra accomodante, dovrebbe pensare alla sostenibilità del controllo della curva dei rendimenti”, ha detto Ueda all’udienza.

La sua indicazione che non serviva alcuna modifica all’accordo del 2013 con il governo indica per ora un forte filo di continuità. L’accordo storico impegna la BOJ a raggiungere un’inflazione stabile al 2% il prima possibile ed è visto come una pietra angolare della strategia di crescita dell’Abenomics dell’ex primo ministro Shinzo Abe.

Da Kuroda a Ueda

La scelta del primo ministro Fumio Kishida ha sorpreso gli operatori del mercato. Ueda, che è stato membro del consiglio della BOJ due decenni fa, sarà il primo accademico a diventare capo, ammesso che sia approvato.

Le maggioranze di Kishida in entrambe le camere del parlamento significano che la nomina avrà quasi sicuramente il via libera. Ueda comparirà in un’udienza alla Camera lunedì, mentre i due candidati alla carica di vicegovernatore risponderanno nuovamente alle domande martedì.

Kuroda, nominato da Abe a capo della banca centrale, dovrebbe dimettersi l’8 aprile dopo un decennio al timone dedicato a stimolare l’inflazione in un’economia che ha lottato per anni con prezzi deboli o in calo. I dati di gennaio pubblicati venerdì scorso hanno mostrato che l’inflazione core ha raggiunto il 4,2%, più del doppio dell’obiettivo della BOJ.

inflazione core giappone

Sotto Kuroda, la BOJ ha insistito sul fatto che i prezzi scenderanno al di sotto dell’obiettivo, in parte a causa dei sussidi governativi, e che sono necessarie ulteriori prove di una crescita salariale più forte per garantire un’inflazione stabile.

Ueda ha fatto eco a questo punto di vista nei suoi commenti. Ha detto che la BOJ non aveva uno strumento diretto per influenzare la tendenza salariale, aggiungendo che non era sicuro di introdurre un obiettivo salariale.

I mercati dopo i commenti di Ueda

Gli investitori globali e gli osservatori della BOJ hanno esaminato attentamente l’udienza di Ueda per eventuali suggerimenti su come avrebbe gestito la politica come capo della banca centrale in mezzo a intense speculazioni sull’aggiustamento del controllo della curva dei rendimenti.

In un sondaggio di Bloomberg condotto dopo la nomina di Ueda la scorsa settimana, il 70% degli economisti ha previsto un inasprimento da parte della banca centrale entro luglio. Alcuni economisti hanno segnalato il rischio che la BOJ possa persino modificare il suo programma di controllo della curva dei rendimenti a marzo, prima che Kuroda lasci l’incarico.

I rendimenti obbligazionari in tutto il mondo sono aumentati poiché le banche centrali hanno spinto verso l’alto i tassi di interesse per affrontare l’inflazione in contrasto con la posizione accomodante della BOJ. Ciò ha costretto la banca centrale giapponese a sforzarsi per difendere il suo limite dello 0,5% sul rendimento delle obbligazioni a 10 anni.

Solo a gennaio la BOJ ha sborsato la cifra record di 23,7 trilioni di yen ($ 176 miliardi) per mantenere in linea i rendimenti obbligazionari, più di tre volte la dimensione del budget per la difesa nazionale del paese per il prossimo anno fiscale.

acquisti obbligazioni Bank of Japan

I commenti neutrali di Ueda, in contrasto con le aspettative da falco del mercato e insieme all’aumento dei rendimenti globali, suggeriscono che lo yen potrebbe indebolirsi.

Lo yen è rimasto pressoché invariato dopo che Ueda ha finito di parlare, mentre i futures sulle obbligazioni sono saliti e le azioni delle banche sono diminuite. Le mosse hanno indicato che gli operatori avevano difficoltà a trarre conclusioni significative dai commenti.

ARTICOLI CORRELATI:

La Bank of Japan mantiene invariata la sua politica accomodante

Cambio di politica Bank of Japan: aumentano gli spread

Bank of Japan sorprende i mercati con la modifica del programma di YCC

E se la Bank of Japan non stesse sbagliando?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.