L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Perché la recessione non è ancora arrivata?

Nonostante tutti i timori per l’inasprimento della politica monetaria della Federal Reserve, la recessione non è ancora arrivata. L’economia statunitense continua a dimostrare resilienza di fronte al ciclo di aumento dei tassi più aggressivo degli ultimi decenni. Il prodotto interno lordo è cresciuto ad un ritmo annualizzato del 4,9% nel terzo trimestre, al di sopra della stima del 4,7%. Ma da dove proviene tutta questa forza?

PIL USA Q3 2023

L’economia viene tenuta a galla dalla spesa dei consumatori, che continuano ad acquistare beni e servizi nonostante inflazione e tassi di interesse più elevati. Eppure, prima o poi, i consumatori dovranno tagliare la loro spesa. Questo comporterà necessariamente una recessione?

Le finanze dei consumatori

Alcuni anni fa i conti bancari degli americani erano pieni di assegni pandemici. Ma i consumatori non avevano nessun posto dove spendere i loro soldi. I risparmi in eccesso dovuti agli stimoli fiscali ora sono esauriti. Tuttavia, la spesa è ancora forte. Nessuno è quindi sicuro di cosa stia succedendo.

Un quadro più chiaro arriva dalla Fed. Il suo sondaggio triennale sulle finanze dei consumatori mostra che mentre molti consumatori sono più ricchi, altri si trovano in una situazione precaria. Detto questo, le famiglie di tutti i gruppi di reddito hanno visto un aumento considerevole del loro patrimonio netto dal 2019 al 2022. Gran parte di questo aumento di ricchezza proveniva dall’aumento del valore del bene più illiquido posseduto dalle famiglie: la casa. Soprattutto i proprietari di case a basso reddito possono ringraziare l’aumento dei prezzi degli immobili per la loro maggiore ricchezza.

ricchezza famiglie statunitensi immobili

Il valore delle attività finanziarie dei consumatori è effettivamente aumentato, ma per il 50% della popolazione più povera l’aumento non è stato così ampio. Tra il 20% più povero, le attività finanziarie sono aumentate da 1.300 a 1.400 dollari, un valore che non fa una grande differenza nella spesa. Questi consumatori sono anche più propensi a mantenere i loro beni in contanti, che sono stati erosi dall’inflazione nell’ultimo anno. Nel frattempo, le attività finanziarie per il 10% più ricco sono aumentate da 927.000 dollari a 1,27 milioni di dollari.

Il calo dei risparmi è motivo di preoccupazione

I bassi tassi ipotecari degli ultimi anni hanno contribuito ad aumentare il numero di proprietari di case tra i consumatori a basso reddito. I tassi di proprietà della casa sono passati dal 26,5% al ​​31% tra il 2019 e il 2022 tra il 20% più povero. E a differenza del 2007, molti di loro hanno mutui a tasso fisso.

asset finanziari famiglie americane

I dati mostrano che il 50% più ricco ha beneficiato dell’impennata dei prezzi delle case e degli asset negli ultimi quattro anni e gode di una buona forma finanziaria. Il 50% più povero all’inizio ha fatto un po’ meglio, ma non ha ancora molta liquidità. Questo potrebbe spiegare perché il debito delle carte di credito è aumentato insieme all’aumento della spesa.

Ciò indica una vulnerabilità seria e crescente nell’economia statunitense. Anche se ci fosse una recessione, la metà più ricca degli americani probabilmente starebbe bene. La loro spesa diminuirà, ma è improbabile che crolli a meno che non vi sia un enorme calo del valore degli asset che possiedono. Le persone nella fascia più bassa dell’economia, al contrario, non hanno molti risparmi e potrebbero trovarsi nei guai se il mercato del lavoro si raffreddasse e l’inflazione rimanesse elevata.

Detto questo, è probabile che le cose non andranno così male come nel 2008, quando molte persone avevano mutui che non potevano permettersi e i consumatori indebitati causarono un crollo immobiliare che decimò la ricchezza delle famiglie. Ora molti proprietari di case hanno mutui economici a tasso fisso, che sono diventati più economici con l’inflazione. Hanno meno probabilità di vendere, almeno non tutti in una volta, e di far crollare il mercato immobiliare.

Naturalmente potrebbe ancora verificarsi una recessione. Un contesto di tassi di interesse in aumento, dopo decenni di tassi bassi, crea molte vulnerabilità nell’economia e un indebolimento del settore dei consumi peggiorerà la situazione. I consumatori americani potrebbero non essere in grado di prevenire una recessione, ma nemmeno ne causeranno una.

ARTICOLI CORRELATI:

I tassi sui mutui continuano a salire. Calano i prestiti e la fiducia delle imprese

L’impatto dei tassi d’interesse più alti su economia e finanza

Fino a quando rimarranno alti i tassi di interesse?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.