L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Fino a quando rimarranno alti i tassi di interesse?

Per quanto tempo i mutuatari di tutto il mondo riusciranno a sostenere tassi di interesse più alti è forse la domanda più importante in economia in questo momento. L’analisi dei funzionari politici ha portato a previsioni errate secondo cui l’inflazione si sarebbe rivelata transitoria con l’impennata dei prezzi iniziata nel 2021. Ciò li ha costretti a recuperare il ritardo con cui è arrivata la loro risposta politica. Dopo 5,25 punti percentuali di inasprimento da parte della Fed nell’ultimo anno e mezzo, è sempre più chiaro che i tassi di interesse rimarranno alti per un po’ di tempo. Ma è difficile dire per quanto.

Gli stessi funzionari della Fed non stanno rivelando molto quando si tratta della loro visione a lungo termine. Powell ha affermato che è troppo presto per dire esattamente dove si stabilizzeranno l’inflazione e i tassi di interesse una volta che l’economia si sarà normalizzata.

La maggiore prevalenza di shock dell’offerta, deglobalizzazione, cambiamento climatico, transizione energetica e cambiamenti demografici potrebbe rendere difficile tornare ai giorni dell’inflazione bassa e costante. Ciò non significa che l’obiettivo del 2% non potrà essere raggiunto ma, probabilmente, l’inflazione sarà più variabile attorno a tale obiettivo.

L’impatto dei tassi più alti

Quello che è certo è che i tassi più alti stanno già mettendo in difficoltà molte famiglie e imprese. Per far fronte all’aumento dei costi di finanziamento, i datori di lavoro sono costretti a licenziare, ridurre l’orario di lavoro dei dipendenti e tagliare altri costi.

Tassi più alti rendono i piani di espansione delle aziende molto più costosi e rischiosi di quanto lo fossero in passato. Le piccole imprese sono riluttanti a scommettere che l’economia vada bene nei prossimi anni, preoccupate che il contesto imprenditoriale renderà più difficile far fronte agli interessi più elevati.

L’impatto dell’aumento dei tassi è ben visibile nelle rate dei mutui sulla casa. La maggior parte del reddito di molte famiglie è destinato al rimborso del mutuo. Ciò lascia poco spazio per spese discrezionali.

A differenza dell’America, dove la maggior parte dei mutuatari immobiliari ha tassi fissi trentennali, in Australia oltre il 70% dei mutui immobiliari sono legati a tassi variabili che si muovono in gran parte in linea con il tasso di riferimento della banca centrale. Con un debito delle famiglie pari in media a circa il 190% del reddito disponibile, ciascuno degli aumenti dei tassi di interesse della Reserve Bank of Australia ha aggravato la sofferenza dei mutui ipotecari.

Il dibattito è particolarmente rilevante nel Regno Unito, che ha registrato alcuni dei tassi di inflazione più alti tra le principali economie e dove i mutui a tasso variabile sono quasi triplicati.

L’importanza del tasso neutrale

Una variabile da considerare per valutare fino a quando rimarranno alti i tassi di interesse è r*, il tasso di interesse neutrale a lungo termine che mantiene l’inflazione stabile al target del 2% senza riscaldare né raffreddare l’economia.

Nel decennio successivo alla crisi finanziaria del 2008, il tasso neutrale è sceso in tutte le economie sviluppate poiché l’inflazione è rimasta generalmente contenuta anche se le banche centrali hanno mantenuto i tassi di interesse a livelli storicamente bassi. La globalizzazione ha contribuito alla diminuzione dei prezzi, mentre i ricordi della crisi hanno tenuto sotto controllo i consumatori e limitato i piani di investimento delle imprese.

L’impennata dei prezzi post-Covid ha mandato in frantumi quella calma, stimolando un dibattito tra economisti, banchieri centrali e trader obbligazionari sul futuro dell’inflazione e dei tassi di interesse. Se le banche centrali concludono che r* è ora più alto, allora dovranno mantenere anche i loro tassi di riferimento più elevati.

Gli aspetti demografici

In un discorso tenuto a marzo alla London School of Economics, il governatore della Bank of England Andrew Bailey ha affermato che non era irragionevole aspettarsi che il tasso di interesse neutrale del Regno Unito rimarrà basso a causa della debole produttività e dell’invecchiamento della popolazione.

I dati demografici più “anziani” portano ad accumulare ricchezza nell’economia poiché le persone tendono a risparmiare durante tutta la loro vita lavorativa. Allo stesso tempo, la minore produttività induce le aziende a investire meno. Ciò significa che “le famiglie che invecchiano hanno cercato di prestare di più in un momento in cui le aziende meno produttive hanno cercato di prendere in prestito di meno” ha detto Bailey. L’unico modo per stabilire un equilibrio è un tasso di interesse reale più basso.

Eppure altri economisti stanno utilizzando alcuni di questi stessi fattori, compreso l’invecchiamento della popolazione, per sostenere l’esatto contrario. Nelle sue recenti prospettive di metà anno, gli economisti di Blackrock hanno affermato che il cambiamento demografico potrebbe essere inflazionistico perché ci saranno meno persone in età lavorativa. Ciò porterà ad una compressione dell’offerta.

L’economista Charles Goodhart ha ancora un’altra teoria. Con l’invecchiamento della popolazione, i tassi di risparmio rallenteranno poiché sempre meno persone accumuleranno denaro in una pensione. Per incentivare il risparmio e finanziare gli investimenti, i tassi di interesse dovranno essere più alti.

ARTICOLI CORRELATI:

Il mercato rialzista delle obbligazioni è finito?

L’aumento dei rendimenti dei Treasury: cosa c’è dietro?

Che impatto hanno i tassi di interesse sulla stabilità finanziaria?

Powell: altri rialzi dei tassi, inflazione lontana dal 2%

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.