L’aumento dei rendimenti dei Treasury: cosa c’è dietro?

I rendimenti dei Treasury sono aumentati notevolmente negli ultimi mesi. Il decennale, ad esempio, è passato dall’1,73% al 3,48% in pochi mesi, raggiungendo il livello più alto da aprile 2011. L’aumento dei rendimenti si traduce in perdite realizzate o mark-to-market per gli investitori nel mercato del reddito fisso.

In questo post, metteremo in prospettiva l’aumento dei rendimenti dei Treasury. Andremo anche ad indagare sul perché i rendimenti sono aumentati così tanto. Si tratta più delle aspettative di tassi a breve termine più elevati o del premio che gli investitori richiedono per detenere obbligazioni a lungo termine (premio a termine)?

Le perdite dei Treasury

Poiché i rendimenti e i prezzi delle obbligazioni si muovono in modo inverso, il forte aumento dei rendimenti ha comportato notevoli perdite per i detentori di Treasury. I rendimenti basati del decennale senza cedola sono stati del -12,4% per il periodo di due mesi terminato il 5 maggio. Questo rappresenta il calo più grande dall’agosto 2003 (-14,6%) e dall’aprile 1994 (-13,0%).

l'aumento dei rendimenti dei Treasury: i ritorni dei Treasury


Dal 1971 si possono identificare quarantadue episodi in cui il rendimento cumulativo del decennale zero coupon è sceso al di sotto del -5%. La perdita media di questi sell off è stata dell’11,1%. La peggiore perdita ha comportato un calo del 38,4% tra giugno 1980 e agosto 1982. La durata media è stata di 214 giorni di negoziazione. Il sell off più corto è durato 21 giorni, tra agosto e settembre 1982, mentre il più lungo è stato di 722 giorni, da luglio 2016 a maggio 2019.

Il sell off più grande degli ultimi 40 anni

Nel grafico seguente vengono mostrati i sell off dei Treasury dal 1971 ad oggi. Il drawdown attuale è il più grande degli ultimi 40 anni e supera quelli visti nel 1994, 2003 e 2013. Il minimo dell’attuale vendita si è verificato il 14 giugno, con un rendimento cumulativo del -26,9%. Perdite peggiori si sono registrate nell’era Volcker: 1979-80 (-36,0%) e 1980-82 (-38,4%).

I cali dei Treasury USA

Il grafico successivo traccia i rendimenti cumulativi dell’attuale sell off e li paragona a quelli del passato. L’attuale vendita segue la mediana delle vendite passate in una fase comparabile per i primi 400 giorni, ma poi diverge. La recente divergenza riflette il forte aumento dei rendimenti dei Treasury tra il 4 marzo e il 14 giugno.

L'aumento dei rendimenti dei Treasury: l'andamento dei sell off dei Treasury

Il grafico seguente traccia i rendimenti cumulativi dell’attuale sell off nel tempo, e li confronta con quelli del 1994, 2003 e 2013. Possiamo notare che questi sell off sono terminati intorno al giorno 400, mentre quello attuale è peggiorato durante quella fase. Di tutti i quarantuno sell off dal 1971 con rendimenti cumulativi inferiori al -5%, solo cinque hanno superato i 450 giorni.

la durata dei sell off dei Treasury

Cosa spiega l’aumento dei rendimenti dei Treasury?

L’aumento dei rendimenti dei Treasury può essere dovuto alle aspettative di tassi a breve termine più elevati? Oppure parte dell’aumento può essere spiegato da un aumento dei premi a termine perché gli investitori richiedono una maggiore compensazione per il rischio di detenere Treasury a lunga scadenza? Per rispondere a queste domande si possono utilizzare le stime dei premi a termine del decennale zero coupon di Adrian, Crump e Moench (2008).

Secondo i risultati della Fed di New York riportati nel grafico sottostante, l’aumento dei rendimenti dei Treasury nel primo anno circa dell’attuale sell off, partito a agosto 2020, può essere spiegato da un aumento del premio a termine.

Nello specifico, i rendimenti cumulativi basati sul premio a termine (in rosso) sono di entità simile ai rendimenti cumulativi basati sui rendimenti grezzi (in blu). Al contrario, i crescenti rendimenti negativi dalla fine del 2021, in un contesto di crescenti prospettive di una politica monetaria più restrittiva, possono essere spiegati dalle aspettative di tassi a breve termine più elevati.

Perché i rendimenti dei Treasury sono aumentati?

Il premio a termine è cambiato di poco una volta che la politica ha iniziato ad essere più restrittiva. Ciò è coerente con le passate strette monetarie.

Scendendo nel dettaglio dei dieci maggiori sell off dei Treasury dal 1971, la maggior parte di essi, compreso quello attuale, ha una componente di premio a termine. Al contrario, il sell off del 2013 si distingue per essere stato interamente determinato dalle variazioni del premio a termine.

I sell off dei Treasury

Quando finirà l’aumento dei rendimenti dei Treasury?

L’attuale sell off terminerà quando i rendimenti cumulativi dall’inizio del sell off risaliranno a zero. Per far sì che ciò accada, sarebbe necessario un forte calo dei rendimenti. Ciò sembra poco probabile, alla luce delle recenti letture di inflazione e delle aspettative di tassi a breve termine più elevati.

Dobbiamo però notare che l’argomento della recessione si sta facendo sempre più strada tra gli economisti. I modelli matematici delle grandi banche vedono aumentare le probabilità di recessione nei prossimi 12 mesi. Ciò ha portato i rendimenti dei Treasury a lungo termine a scendere nell’ultimo mese.

Inoltre, i mercati monetari stanno già scontando tagli dei tassi da parte della Fed per il prossimo anno. Questo vuol dire che i rischi per l’economia sono reali e che i grandi player si stanno già coprendo dall’eventualità che qualcosa vada storto.

Secondo l’algoritmo della Fed di New York, all’attuale livello dei tassi di interesse, gli investitori impiegherebbero circa sette anni per recuperare le perdite accumulate dall’inizio del sell off.

ARTICOLI CORRELATI:

Inflazione statunitense al 9,1%

Le probabilità di recessione stanno aumentando

Mercato obbligazionario: tra inflazione e rischio recessione

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.